NEWS

 “I Tesori di carta” di San Domenico Maggiore   di Luciana Alboreto    Napoli in auge per l’inaugurazione della mostra “I Tesori di Carta” di San...
continua...
"Una legge per i matti: quarantanni dopo Basaglia". Presentati i Colloqui di Salerno a cura di Vincenzo Esposito e Francesco G. Forte   di Claudia...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   Napoli 3,0 Sguardi sulla città di Mariacarla Rubinacci Biblioteca dei Leoni, Castelvetrano Veneto,...
continua...
IO E LA VALIGIA   di Luigi Rezzuti   Ero seduto davanti a quella valigia rigonfia, nella quale gli indumenti avanzavano tanto da “obbligarla” a non...
continua...
La luce del mito   di Gabriella Pagnotta   I recenti avvenimenti, accaduti a Bardonecchia e a Mentone, hanno diviso l’opinione pubblica e hanno...
continua...
Pensieri ad alta voce di Marisa Pumpo Pica   Il successo dello scrittore   Il nuovo anno si apre sempre ricco di speranze, ma spesso anche sul filo...
continua...
MACCHINE DA SCRIVERE DALL’800 AD OGGI   a cura di  Luigi Rezzuti   Nell’epoca del digitale e dei computer la scrittura si è evoluta e continua ad...
continua...
BROCCOLINCOLLINA Il VOMERO, un quartiere che rappresenta un unicum a Napoli ed in Italia. Una vera città nella città, con una storia, un patrimonio...
continua...
MUTAVERSO TEATRO   Lunedì 26 novembre 2018, alle ore 11,00, nella Sala del Gonfalone del Comune di Salerno, si terrà la conferenza stampa di...
continua...
Abolizione delle monete da 1 e 2 centesimi di euro   di Luigi Rezzuti   Qualche anno fa, avemmo modo di denunciare lo spreco di danaro da parte...
continua...

Articoli

Campionato di calcio di serie A

Campionato di calcio di serie A, Stagione 2017/2018

 

di Luigi Rezzuti

 

Quasi tutti sanno degli stipendi percepiti dai calciatori, ma in pochi sanno quanto guadagnano gli arbitri di serie A.

Con l’avvento dell’ex arbitro Pierpaolo Collina, che disegnò il “monte ingaggi”, utilizzando un sistema meritocratico, per ogni gara di serie A gli arbitri vengono pagati profumatamente.

Ma chi materialmente paga gli arbitri? I compensi alla classe arbitrale vengono elargiti dalla Fgc con gli sponsor e tra questi c’è la Fiat e la Iveco (divisione dei veicoli industriali dell’azienda della famiglia Agnelli).

Fin qui nulla di nuovo, eppure è curioso che il marchio Fiat sia presente anche nell’abbigliamento sportivo degli arbitri e nella fornitura esclusiva di auto e mezzi.

Ma non basta. Tra gli sponsor c’è anche il marchio storico Bassetti che fa parte del gruppo Zucchi e chi è il titolare di maggioranza? Gigi Buffon, portiere della Juve e della Nazionale Italiana.

E ancora: sulle maniche delle magliette degli arbitri troviamo la scritta “Eurovita” assicurazione della Je Fluwers e C. e a detenerne quasi l’80% è la famiglia Agnelli.

Certo, l’idea che “Io ti pago e tu non mi tocchi” viene spontanea, quindi il fischietto suona un po’ dove tira il vento (vedi Juventus).

Quest’anno il campionato di calcio di serie A è iniziato il 20 agosto 2017 ed è pieno di novità. Tra le più importanti, l’introduzione del VAR (una moviola vista da un arbitro al di sopra di ogni sospetto … che aiuterà l’arbitro in campo a non sbagliare nel convalidare o annullare un gol, assegnare o meno un calcio di rigore, decidere l’espulsione di un calciatore- In definitiva, a guidare un arbitro in campo è sempre un altro arbitro, sponsorizzato dalla famiglia Agnelli (leggi Juve).

Con l’inizio del campionato è tornata di attualità la domanda: “Chi vincerà il campionato? Ancora la Juventus della famiglia Agnelli, che sponsorizza, con fior di milioni, la Figc, il Coni e l’Aia?”.

Queste sono le illazioni dei maligni.

 

Intanto il 16 agosto, mentre la gente era al mare, iniziavano i preliminari della Champions League che vedeva il Napoli, vittorioso contro il Nizza sia all’andata che al ritorno in Francia, qualificarsi alla Champions League. Il 13 settembre, poi, il Napoli vola in Ucraina ad affrontare lo Shaktar che vinceva l’incontro per due reti ad una.

Il 20 agosto iniziava anche il campionato di serie A e il Napoli vinceva contro il Verona, l’Atlanta e il Bologna. Il 17 settembre giocava in casa contro il Benevento, neo promosso in serie A, trafiggendolo con sei reti a zero.

Dopo tre giorni il Napoli ha ancora vinto, questa volta in trasferta, contro la Lazio per 4 reti ad una e, dopo altri tre giorni, ha giocato a Ferrara contro la Spal, vincendo,  per tre reti ad una, la sesta partita consecutiva in campionato.

Poi il 26 settembre l’incontro con il Feynoord per la Champions League, vinto, ma con scarso impegno agonistico, dal Napoli con i tre tenori: Insigne, Mertens e Callejon e ancora il 1 ottobre a Napoli contro il Cagliari terminata per tre reti a zero.

Adesso il campionato di serie A si ferma per riprendere il 15 ottobre.

(Ottobre 2017)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen