NEWS

Ecco i tre vincitori del premio Trivio     di Claudia Bonasi   Ecco i vincitori del premio letterario Trivio 2016. Per la sezione prosa edita vince...
continua...
Un  nonno con la “fissa” per la caccia   di Luigi Rezzuti   Il  nonno di Marco aveva una sola grande passione, un solo grande capriccio, andare a...
continua...
ANNO 2017   di Luigi Rezzuti   Diciamoci la verità, stavamo aspettando tutti la fine dell’anno 2017. In molti attendevamo il 31...
continua...
SVEGLIA! Edizioni Spartaco al Salone internazionale del libro di Torino Lingotto Fiere - Dal 18 al 22 maggio Stand J38   Intenso, corposo, amaro: è...
continua...
La tarantina - L’ultimo femminiello   di Luigi Rezzuti   Fu cacciato di casa all’età di nove anni e la sua unica scuola fu il marciapiede. Per le...
continua...
LINO BANFI   di Luigi Rezzuti   Pasquale Zagaria, in arte Lino Banfi, nasce il 9 luglio del 1936 ad Andria, in provincia di Bari. A quindici anni...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Spetta a Greta il Nobel per l’ambiente È noto soprattutto a chi teme per il futuro della Terra, messo in forse...
continua...
Sotto le stelle della D’Ovidio Nicolardi   di Annamaria Riccio   A dicembre si è compiuta la manifestazione finale del progetto “Uniti sotto le...
continua...
GLI ESAMI DI MATURITA’*   di Luigi Rezzuti   Ormai siamo prossimi agli esami di maturità che inizieranno, con la prima prova, il 22 giugno e...
continua...
GIUSEPPE ANTONELLO LEONE   Giuseppe Antonello Leone, pittore scultore ceramista e poeta, è nato il 6 luglio 1917 a Pratola Serra ed è morto a Napoli...
continua...

ANTONIO BERTE’ UN ARTISTA CONTEMPORANEO NAPOLETANO

 

di Luigi Rezzuti

 

Torre Caselli è un edificio abbandonato, che versa in pessime condizioni in Cupa Imparato, ai Colli Aminei.

Un tempo era la villa di campagna, una abitazione estiva, dei Marchesi Caselli, una famiglia nobile di origine cosentina, insediatasi a Napoli già dalla metà del Quattrocento.

Ai Colli Aminei, un tempo, c’erano vigneti e coltivazioni di ogni tipo. Antonio Bertè, negli anni Cinquanta vi mise gli occhi sopra, e non solo. Bertè era un artista che fece della pittura la sua fonte di vita.

Tra le sue amicizie vanno ricordati Giorgio De Chirico, Emilio Notte, Renato Guttuso e i poeti Carlo Bo e Giuseppe Ungaretti.

Laureatosi in lettere classiche, cominciò la sua carriera come giornalista per poi dedicarsi, come autodidatta, completamente all’arte e alla pittura.

Egli trasferì il suo studio a Torre Caselli e pian piano convinse la moglie a traslocare proprio nella villa, tanto spaziosa.


Gli anni Sessanta e Settanta rappresentarono il periodo d’oro dell’artista napoletano, il quale era solito invitare numerosi artisti per cene e serate a tema.

Domenico Rea, Mischele Prisco, Roberto Murolo, erano abituali frequentatori della residenza dei Colli Aminei.

Al tempo, Villa Bertè era di un rosso vermiglio acceso e il suo giardino in stile inglese faceva gola ai tanti visitatori.

Dopo il terribile terremoto degli anni Ottanta, Bertè decise di andare a vivere al Vomero, in via Gian Lorenzo Bernini, insieme alla moglie, continuando ad utilizzare Torre Caselli come studio privato, fino agli anni Novanta.

Fu in questo periodo che lasciò la sua firma su una parete esterna della Villa, oggi coperta da tantissimi murales, ma anche da tantissima erbaccia.

L’artista dipinse con un pennello la semplice scritta A. BERTE’.

Oggi Torre Caselli è l’immagine di un rudere abbandonato, spesso frequentato da senzatetto, in cerca di un luogo in cui trovare riparo.

(Dicembre 2018)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen