NEWS

OPERAZIONE SAN GENNARO   di Sergio Zazzera     Non è del film di Dino Risi che intendo occuparmi, bensì della recente vicenda del decreto del...
continua...
ICEBERG (Ottobre 2016)
continua...
Il cervello anarchico – Enzo Soresi   di Luciana Alboreto   SIN è la sigla della “Società Italiana di Neurologia” che, dal 14 al 20 marzo 2016,...
continua...
Ma da un presagio d'ali   All'Aleph, Roma, venerdì 7 aprile, alle ore 17.30,  presentazione del libro di Donatella Costantina Giancaspero Ma da un...
continua...
UN NATALE DEL DOPOGUERRA   di Luigi Rezzuti   Alla fine del 1945 Napoli era ancora un cumulo di macerie. La città rinasceva lentamente...
continua...
Cambiare oggi il futuro   di Mariacarla Rubinacci   Il compagno della vita non c’è più. Nulla sarà come prima. Devo affrontare il futuro. Devo...
continua...
La caduta del Forte di Vigliena   di Antonio La Gala     Uno degli episodi militari che portarono alla caduta della Repubblica Partenopea del 1799,...
continua...
Parlanno ’e poesia 12 – Varie   di Romano Rizzo   Ragionando di poeti e poesia, mi sono tornate in mente alcune semplici considerazioni, che spesso ho...
continua...
Miti napoletani di oggi.62 L’EXTRACOMUNITARIO   di Sergio Zazzera   Il fenomeno dell’immigrazione, soprattutto dai paesi africani, è divenuto...
continua...
PREMIO SALVATORE CERINO  
continua...

NATALE A NAPOLI

 

di Luigi Rezzuti

 


Natale è alle porte e,  come ogni anno, si pone il dilemma: albero di Natale, con i suoi lampioncini, i nastri, i fili d’oro e d’argento, le luci colorate o il Presepe,  che ci fa rivivere i giorni più belli della nostra infanzia, con i Re Magi, Gesù Bambino, la Madonna, San Giuseppe, gli angioletti e gli altri personaggi, come lo zampognaro, il pescatore, le contadine, la lavandaia.

Natale col presepe è magia, è incanto, è poesia;  pensando, poi, allo scempio di teneri alberelli, sacrificati per addobbare le case durante le festività natalizie, i più saggi decidono per il presepe che, senz’altro, rende l’atmosfera di questi giorni di festa più calda, più familiare rispetto ad un semplice, freddo alberello di pino.

In questo periodo, senza accorgercene, diventiamo più frenetici, si fa shopping per acquistare regalini, giocattoli per i bambini, addobbi natalizi e tant’altro.

Già con largo anticipo i negozi dei cinesi propongono i loro articoli natalizi.


Un gran bazar di luci, decori, abeti finti, piccoli “babbo Natale” palline colorate, rami luminosi, pastori. Il tutto a prezzi assolutamente competitivi a differenza, per esempio, dei pastori di San Gregorio Armeno, che sono, senz’altro,  più belli ma molto costosi.

È superfluo dire che le botteghe dei commercianti dagli occhi a mandorla,  anche   se non ci sono molte novità rispetto agli anni scorsi, sono già peni di acquirenti e  di commercianti, dediti a fare scorta di luci intermittenti, palline colorate, decori , per poi, a loro volta, rivenderli nei propri negozi.

Napoli: una città dai mille volti. In occasione del Natale, tutto il centro storico della città partenopea si anima e si veste “a festa”, offrendo l’opportunità di scoprire i suoi tradizionali mercatini di Natale.

La maggiore affluenza si ha nel Decumano Maggiore e nei vicoletti, ma è a via San Gregorio Armeno che si deve andare per assaporare appieno lo spirito del Natale napoletano.

È questa, infatti, la famosa via degli artigiani del presepe, dove si trovano le principali botteghe, che realizzano elaborazioni scenografiche dei personaggi del presepe, realizzati rigorosamente a mano.

Una caratteristica di via San Gregorio Armeno è quella di essere aperta tutto l’anno alla preparazione delle statuine.

Ai pensierini da mettere sotto l’albero, invece, ci pensano i Mercatini di Natale, esclusivamente durante l’Avvento, con la produzione artigianale d’eccellenza.

Se diciamo Mercatini di Natale il pensiero corre a delle vie piene di bancarelle, che espongono oggettistica di ogni tipo.

A Napoli i Mercatini di Natale sono da visitare almeno una volta nella vita perché regalano uno spaccato della città.

I personaggi del presepe napoletano, che si possono trovare in giro per i mercatini, non rappresentano soltanto i classici componenti del presepe, come Gesù Cristo, la Madonna, i Magi, i pastori ma anche personaggi che sono al limite del profano: grandi calciatori, divi dello spettacolo e, ovviamente, anche tutti i nostri politici.

Però, nei giorni che precedono il Natale, durante tutta la settimana, di solito ci si dedica solo ed esclusivamente alla spesa del cenone: pesce, capitone o anguille, frutti di mare etc.

Questa festività è tutta un’esplosione di gioia, che riesce, per qualche giorno, a farci dimenticare i problemi quotidiani.

(Dicembre 2018)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen