NEWS

Anatomia di una scelta di Luigi Alviggi – Guida editori   di Marisa Pumpo Pica   Luigi Alviggi, in questo suo nuovo cimento letterario, si conferma...
continua...
Miti napoletani di oggi.45 LA “NASCITA” DELLA CAMORRA   di Sergio Zazzera   I Romani erano specialisti abilissimi nel confezionamento di “miti di...
continua...
Appuntamenti internazionali alla libreria Iocisto   di Annamaria Riccio   Un’estate di appuntamenti internazionali che vede un’intensa attività nel...
continua...
UN’ESCURSIONE SUL VESUVIO   di Luigi Rezzuti   Fin da bambino mi ha intrigato questa montagna che fa da sfondo al golfo di Napoli. Ricordo che, da...
continua...
PREMIO NAZIONALE DI POESIA “SALVATORE CERINO”   E’ giunto alla XVI  edizione il Premio Nazionale di Poesia “Salvatore Cerino”, che vanta il Patrocinio...
continua...
LA JUVE VINCE LO SCUDETTO IL NAPOLI VINCE LO SCUDETTO DELL’ONESTA’   di Luigi Rezzuti   Pensavamo che calciopoli fosse davvero finita, invece sotto...
continua...
Riceviamo e volentieri pubblichiamo Quando a Napoli cadevano le bombe   Lo spettacolo “Quando a Napoli cadevano le bombe”, ideato, scritto e diretto...
continua...
GIUSTIZIA E POLITICA   di Sergio Zazzera   Il sistema statunitense di amministrazione della giustizia – che non saprei dire se possa essere definito...
continua...
Cambiare oggi il futuro   di Mariacarla Rubinacci   Il compagno della vita non c’è più. Nulla sarà come prima. Devo affrontare il futuro. Devo...
continua...
IMPATTO AMBIENTALE DEL PETROLIO IN TERRA E IN MARE   Il 6 febbraio 2016, alle ore 17.00, il Museo del Mare di Napoli presenta: IMPATTO AMBIENTALE DEL...
continua...

ODORI  ETNICI

 

di Peppe Iannicelli

 

Uscendo di casa al mattino, non ho l’abitudine di domandare cosa mangeremo a pranzo. In famiglia siamo abituati ad una gustosa alternanza di pietanze senza giorni fissi per un piatto.

E’ bello tornare a casa e scoprire cosa di buono bolle in pentola. Talvolta, però, non è necessario arrivare in cucina per intuire il menù.

Aperto il portone, mi è successo qualche giorno orsono, ho avvertito un profumo persistente di curry.

Mia figlia Ilaria si stava cimentando in una ricetta etnica ed aveva condito il pollo con la spezia il cui profumo aveva invaso l’intero condominio.

 L’assaggio della pietanza preparata dalla volenterosa fanciulla non ha deluso le attese.

Il pollo al curry d’Ilaria l’abbiamo mangiato con gusto.

In altri casi, sono i vicini ad invadere il condominio con i profumi delle loro cucine: la signora del terzo piano prepara delle fritture di pesce mirabolanti mentre il

 pensionato del primo è abilissimo con le melanzane.

 E’ molto difficile resistere alla tentazione di bussare alla porta ed autoinvitarsi a tavola. Ma talvolta la convivenza degli odori può diventare complicata, specialmente quando nel condominio siano installati laboratori alimentari ed attività di ristorazione.

A Milano, il Comune è stato costretto ad emanare delle ordinanze specifiche contro il persistente odore di kebab che impestava l’aria ed a Napoli qualche friggitoria viola i regolamenti municipali contro l’emissione molesta di odori, beccandosi multe troppe anche salate.

Spesso  il profumo più gradevole diventa “puzza” se troppo persistente, se impregna la biancheria stesa ad asciugare, se costringe a tener chiuse le finestre anche d’estate. Filtri e cappe possono risolvere il problema.

Basta installarli e farli funzionare come si deve.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen