NEWS

Gli incontri della Fondazione Premio Napoli   Iniziano gli incontri della Fondazione Premio Napoli aperti alla città. Si parte l’11 marzo, alle ore...
continua...
CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A   di Luigi Rezzuti   Anche quest’anno il campionato di calcio di Serie A, come in quelli precedenti, lo vincerà ancora...
continua...
Salute e benessere TUTTI PAZZI PER LA FRUTTA ESOTICA   di Luigi Rezzuti   Per frutta esotica  o tropicale si intendono i frutti di quelle piante...
continua...
I Cacciottoli   diAntonio La Gala   Questo toponimo denomina sia la Salita, che da Corso Vittorio Emanuele porta al Vomero, sia un'estesa zona...
continua...
Miti napoletani di oggi.56 IL BUGNATO DEL GESU' NUOVO   di Sergio Zazzera   La storia della trasformazione del Palazzo Sanseverino nella chiesa del...
continua...
LA COMUNITA’ EBRAICA DI NAPOLI E IL PREGIUDIZIO ANTISIONISTA   Riceviamo e pubblichiamo La Comunità ebraica di Napoli esprime la propria indignazione...
continua...
È tempo di vendemmia   di Luigi Rezzuti   Abbiamo conosciuto un viticoltore e gli abbiamo chiesto come si ottengono i vini bianchi, rossi e...
continua...
Medicina ieri e oggi   di Luigi Rezzuti   Ogni volta che per televisione passava la pubblicità del “Già fatta? Pic indolor, l’ago niente male”, che...
continua...
INCONTRI AL TRAMONTO   (Giugno 2017)
continua...
IL "PREMIO CERINO"   (Maggio 2016)
continua...

HAMSIK LASCIA NAPOLI PER LA CINA

 

di Luigi Rezzuti

 


Il mercato invernale italiano di calcio si era chiuso il 31 gennaio e l’unico movimento per il Calcio Napoli era stato il prestito  del giocatore Rog al Siviglia.

Per nuovi arrivi e partenze, il tifoso napoletano dovrà attendere il mese di luglio 2019, ma, a ciel sereno, è venuta fuori la trattativa del Dalian Yifang, squadra cinese, che, in un primo momento, aveva trovato l’accordo col Napoli per l’acquisto del calciatore Marek Hamsik.

Poi, per motivi economici, la trattativa si era arenata per concludersi successivamente.

Ora è fatta per Marek Hamsik al Dalian Yifang. La squadra cinese, infatti, ha trovato l’accordo con il Napoli per l’acquisto del centrocampista slovacco, che ha firmato un contratto triennale da nove milioni di euro, più uno di bonus, per un totale di dieci milioni a stagione.

La squadra azzurra chiedeva 20 milioni di euro per la cessione del suo capitano ma il club cinese è riuscito a trovare un accordo sulla base di 5 milioni di euro subito e altri 15 entro l’anno prossimo.

Mano sul cuore, Hamsik, lasciava il campo dopo l’ultima partita giocata con la maglia azzurra, con i compagni in panchina, in piedi, ad applaudirlo.

Mertens lo indicava, come avvenne con Reina, nel giro di campo consueto sotto la curva B.

In sala stampa le voci si rincorrevano, Ancelotti a Sky dichiarava: “Hamsik in Cina? C’è la volontà di accontentarlo. A fronte di questa offerta, ad Hamsik non possiamo dire di no, per quello che ha dato al club”.

Ricordo quando arrivò a Castel Volturno. Poche parole, Era accompagnato dai genitori e dalla sorella maggiore.

Qualche ora dopo, erano seduti al ristorante dell’albergo, come una famiglia normalissima.

Hamsik è rimasto così: l’amore per la famiglia, per la moglie e i figli, per gli amici del Villaggio Coppola, la sua seconda casa.

Mai una polemica, mai un sussulto. Un crescendo costante, con la sua cresta, a suon di gol e record, perfino oltre Maradona.

Ha fatto innamorare migliaia di tifosi. Aveva giurato eterno amore a Napoli e al Calcio Napoli, dicendo di voler chiudere la sua carriera con la maglia del Napoli, poi, come Lavezzi, Cavani ed Higuain, di fronte ad offerte faraoniche, la tentazione, prima,  e la decisione, poi, di lasciare Napoli ed il Napoli per la Cina sono state più forti e hanno avuto la meglio su di lui.

Ed ora chi glielo spiega ai bambini, che imitano la sua cresta, che il 17 oggi porta fortuna, stravolgendo perfino il senso numerologico della cabala partenopea?.

Anche il calcio è business, si sa, ed è ormai evidente che in questo mondo non c’è più spazio per i sentimenti.

La verità è che uno come Hamsik non vorresti mai vederlo andar via, Non riesci ad immaginarlo se non con la maglia azzurra, stampata sul petto, da calciatore prima e da dirigente poi.

Adesso dobbiamo augurarci che i futuri beniamini abbiano più sete di vittorie che di soldi, per essere più forti dei milioni, della Juventus, del VAR e degli arbitri.

Solo così si può ambire al successo. Soltanto così Napoli può ritornare campione.

(Febbraio 2019)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen