NEWS

Per Caterina De Simone Quando un poeta muore   di Marisa Pumpo Pica   Quando un nostro amico o un socio del Centro culturale Cosmopolis, vola...
continua...
“L’UOMO NELLA STORIA”   Giovedì 14 dicembre 2017, alle ore 19,00 la ModartGallery di SABINALBANO, salita Vetriera, 15 Napoli, presenta la mostra...
continua...
Luca Postiglione. La vita come un sogno dorato   di Antonio La Gala   Luca Postiglione (1876-1936) fu un artista - pittore e poeta - attivo nei...
continua...
IL PALLINO DELLA GUERRA   di Luigi Rezzuti   Durante la permanenza militare all’ospedale militare, una mattina, arrivò l’ordine di una esercitazione...
continua...
Miti napoletani di oggi.64 LA “CITTA' IMPERMEABILE”   di Sergio Zazzera   Walter Benjamin elaborò per Napoli la definizione di «città porosa», nel...
continua...
SEGNALBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Frammenti di vita, di Salvatore Bova, Cosmopolis Edizioni Napoli La lunga consuetudine con la produzione...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   L’ottimismo si chiama Apple Indossa il giacchino blu di metalmeccanico, stinto dalla fatica, sbiadita la scritta...
continua...
 SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   I “no” degli omofobi   Il becero ribellismo della Lega Nord carica Salvini di odio sociale e non ci vuole il...
continua...
E' in libreria “UN PERCHÉ AL GIORNO TOGLIE LA NOIA DI TORNO” di Luciano Scateni contributi di Pino Imperatore e Lucio Rufolo Disegni  di Luciano...
continua...
Annella, un’anomalia del Seicento.   di Antonio La Gala   Un tratto dell’antica “via per colles”, che in epoca romana congiungeva l’area flegrea con...
continua...

HAMSIK LASCIA NAPOLI PER LA CINA

 

di Luigi Rezzuti

 


Il mercato invernale italiano di calcio si era chiuso il 31 gennaio e l’unico movimento per il Calcio Napoli era stato il prestito  del giocatore Rog al Siviglia.

Per nuovi arrivi e partenze, il tifoso napoletano dovrà attendere il mese di luglio 2019, ma, a ciel sereno, è venuta fuori la trattativa del Dalian Yifang, squadra cinese, che, in un primo momento, aveva trovato l’accordo col Napoli per l’acquisto del calciatore Marek Hamsik.

Poi, per motivi economici, la trattativa si era arenata per concludersi successivamente.

Ora è fatta per Marek Hamsik al Dalian Yifang. La squadra cinese, infatti, ha trovato l’accordo con il Napoli per l’acquisto del centrocampista slovacco, che ha firmato un contratto triennale da nove milioni di euro, più uno di bonus, per un totale di dieci milioni a stagione.

La squadra azzurra chiedeva 20 milioni di euro per la cessione del suo capitano ma il club cinese è riuscito a trovare un accordo sulla base di 5 milioni di euro subito e altri 15 entro l’anno prossimo.

Mano sul cuore, Hamsik, lasciava il campo dopo l’ultima partita giocata con la maglia azzurra, con i compagni in panchina, in piedi, ad applaudirlo.

Mertens lo indicava, come avvenne con Reina, nel giro di campo consueto sotto la curva B.

In sala stampa le voci si rincorrevano, Ancelotti a Sky dichiarava: “Hamsik in Cina? C’è la volontà di accontentarlo. A fronte di questa offerta, ad Hamsik non possiamo dire di no, per quello che ha dato al club”.

Ricordo quando arrivò a Castel Volturno. Poche parole, Era accompagnato dai genitori e dalla sorella maggiore.

Qualche ora dopo, erano seduti al ristorante dell’albergo, come una famiglia normalissima.

Hamsik è rimasto così: l’amore per la famiglia, per la moglie e i figli, per gli amici del Villaggio Coppola, la sua seconda casa.

Mai una polemica, mai un sussulto. Un crescendo costante, con la sua cresta, a suon di gol e record, perfino oltre Maradona.

Ha fatto innamorare migliaia di tifosi. Aveva giurato eterno amore a Napoli e al Calcio Napoli, dicendo di voler chiudere la sua carriera con la maglia del Napoli, poi, come Lavezzi, Cavani ed Higuain, di fronte ad offerte faraoniche, la tentazione, prima,  e la decisione, poi, di lasciare Napoli ed il Napoli per la Cina sono state più forti e hanno avuto la meglio su di lui.

Ed ora chi glielo spiega ai bambini, che imitano la sua cresta, che il 17 oggi porta fortuna, stravolgendo perfino il senso numerologico della cabala partenopea?.

Anche il calcio è business, si sa, ed è ormai evidente che in questo mondo non c’è più spazio per i sentimenti.

La verità è che uno come Hamsik non vorresti mai vederlo andar via, Non riesci ad immaginarlo se non con la maglia azzurra, stampata sul petto, da calciatore prima e da dirigente poi.

Adesso dobbiamo augurarci che i futuri beniamini abbiano più sete di vittorie che di soldi, per essere più forti dei milioni, della Juventus, del VAR e degli arbitri.

Solo così si può ambire al successo. Soltanto così Napoli può ritornare campione.

(Febbraio 2019)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen