NEWS

Il valore della formazione   di Gabriella Pagnotta   Questo articolo è rivolto a chi, come me, vive le richieste, da una parte, di una scuola alla...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Ai margini del Festival No, non è la Bbc L’industria che produce televisione è tra i dispensatori di ‘manca...
continua...
CHAMPIONS  LEAGUE “Le vie del Signore sono infinite”   di Luigi Rezzuti   Il Napoli guidato da Sarri è giudicato la migliore squadra che esprime...
continua...
I marittimi tornino a casa. Restiamo umani   Riceviamo dall’assessore del Comune di Procida, Rossella Lauro, e pubblichiamo il seguente...
continua...
È finito il campionato di calcio   di Luigi Rezzuti   Adesso parliamo del Napoli. Un finale, che non avremmo mai voluto raccontare, si è...
continua...
L’intervista   di Marisa Pumpo Pica   Enjoy the Void e il suo album d’esordio “Our Garden”     Si fa strada, nel panorama musicale di questi...
continua...
LA CASA DI TOTO’ CADE A PEZZI   di Luigi Rezzuti   Scatta di nuovo l’allarme a Napoli: la casa in cui visse Totò sta cadendo a pezzi. L’allarme...
continua...
Accucchià   di Alfredo Imperatore   Il verbo napoletano accucchià o accucchiare, pur derivando chiaramente dall’italiano accoppiare, composto da a...
continua...
LA NUOVA SCUOLA   di Annamaria Riccio   O meglio, la scuola che vorremmo. Il titolo, che la dice tutta sulla surroga a quella attuale, cioè la Buona...
continua...
Un pittore randagio: Luigi Brancaccio.   di Antonio La Gala   Luigi Brancaccio(1861-1920) non va confuso con i noti artisti suoi omonimi, Carlo...
continua...

Per Caterina De Simone

Quando un poeta muore

 

di Marisa Pumpo Pica

 

Quando un nostro amico o un socio del Centro culturale Cosmopolis, vola lontano, lassù nel cielo, sentiamo stringere il cuore in una morsa e l’angoscia ci prende, mentre la penna si ferma sul foglio bianco, come è accaduto sempre più spesso, negli ultimi tempi.

All’amico che ci lascia vorremmo poter dire tante cose, di quelle già dette, nelle affettuose e periodiche conversazioni, e di tante altre ancora, che non abbiamo avuto modo o tempo per dirgli e che sono rimaste chiuse nel nostro cuore, a testimonianza perenne di simpatia, di stima, di affetto.

Così per Vincenzo Fasciglione, Silvana Onorato, Bianca Adele Sole, Peppe Talone, Franco Scollo, Natale Porritiello, Domenico Blasi e per tanti altri cari amici scomparsi, che hanno fatto bella e preziosa la schiera dei poeti di Cosmopolis.

E così anche oggi, nell’apprendere il trapasso della dolce anima di Caterina De Simone.

Cosa dirle ora? Ora che non è più tra noi e che non vedremo giungere, come ogni volta, spumeggiante ed allegra, ai nostri consueti appuntamenti? Come ripetere che ci manca e ci mancherà per sempre?

Tuttavia, mentre l’affanno preme, fardello intollerabile sul cuore, una voce ci ricorda che è scomparsa una poetessa. E quando un poeta muore, restano i suoi versi, come suggello di amore e di amicizia. Una voce ci ripete, foscolianamente, che la poesia “vince di mille secoli il silenzio.”

Tu, Caterina, donna sensibile, affettuosa, gentile, così legata alla vita da quel cuore, che oggi non batte più e che pur scoprivamo palpitante di emozioni, sentimenti e sogni, rimarrai sempre nel nostro ricordo. Vi rimarrai, soprattutto con quel tuo piccolo libro, “Profumo d’anima”, che abbiamo avuto il piacere di pubblicare per le Edizioni Cosmopolis, complice il forte sentimento di amicizia che ci univa.

Nel nostro cuore, l’eco delle tue poesie.

Intorno a noi il suono dei tuoi versi, mentre continuerà ad aleggiare il profumo della tua anima, che già il Signore avrà accolto fra le sue braccia.

Addio, Caterina, non ti dimenticheremo.

 

*************************

 

Qui di seguito, una poesia di Irene Pumpo:

 

Quando un poeta muore

 

Quando un poeta muore,

credo che più di un cuore

muoia con lui. Si spegne.

È una morte precoce

se tace la sua voce

che l’anima ti accende.

 

Muore con lui, si spegne.

Ti sembran meno degne,

se il poeta non vive,

d’esser lette e ascoltate

le liriche ispirate

dall’estro suo geniale,

 

che crea, con maestria,

ogni sua poesia,

più cara nel ricordo.

Perfino il verso stesso

già non è più lo stesso

in bocca agli altri...È vero!

 

Se ben lo conoscevi,

del suo valor sapevi,

ora non ti dai pace…

Come se una corrente,

viva, dolce, fremente,

di idee, le stesse idee,

 

di intenti, di pensieri,

identici e sinceri,

di colpo s’interrompa.

E che una tale intesa

finisca, poi, è sorpresa

più deludente ancora!

 

Ti resta la tristezza,

con l’amara certezza

di aver perso un amico

prezioso. Egli va via

e hai tanta nostalgia

di Lui, che non c’è più.      

 

(Marzo 2019)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen