NEWS

Associazione lucana “Giustino Fortunato” - Incontro con l’autore e reading   Segnaliamo la presentazione del libro di Antonio Giambersio, Odissea....
continua...
Dario Rezzuti, un pittore schivo e solitario   Dario Rezzuti è naro a Napoli nel 1957. Vive e lavora a Tito (PZ). Discende da una famiglia di artisti....
continua...
Miti napoletani di oggi.68 L’attesa del mezzo di trasporto   di Sergio Zazzera   La scena si ripete tutti i giorni, anche più volte nella stessa...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   Monos di Antonio Di Nola - Oèdipus Edizioni   Spesso siamo portati a pensare che la poesia e la scienza...
continua...
Miti napoletani di oggi.53 LA SANITA’   di Sergio Zazzera   Non tragga in inganno il titolo: non è della tutela della salute (sul cui carattere...
continua...
NATALE AL VOMERO   di Luigi Rezzuti   Natale è alle porte e, come ogni anno, si pone il dilemma: albero di Natale con i suoi lampioncini, i  nastri...
continua...
I HAVE A DREAM   di Sergio Zazzera   “I have a dream”. Sì, senza volermi paragonare a Martin Luther King, e soprattutto senza volergli mancare di...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   La Cenerentola azzurra Non è la prima volta e temo che non sia l’ultima. La redazione sportiva di Repubblica deve...
continua...
Parlanno ‘e poesia 8   di Romano Rizzo   Gennaro Esposito Una delle più dibattute teorie sull’arte e la poesia è certo quella relativa al ruolo che...
continua...

Per Caterina De Simone

Quando un poeta muore

 

di Marisa Pumpo Pica

 

Quando un nostro amico o un socio del Centro culturale Cosmopolis, vola lontano, lassù nel cielo, sentiamo stringere il cuore in una morsa e l’angoscia ci prende, mentre la penna si ferma sul foglio bianco, come è accaduto sempre più spesso, negli ultimi tempi.

All’amico che ci lascia vorremmo poter dire tante cose, di quelle già dette, nelle affettuose e periodiche conversazioni, e di tante altre ancora, che non abbiamo avuto modo o tempo per dirgli e che sono rimaste chiuse nel nostro cuore, a testimonianza perenne di simpatia, di stima, di affetto.

Così per Vincenzo Fasciglione, Silvana Onorato, Bianca Adele Sole, Peppe Talone, Franco Scollo, Natale Porritiello, Domenico Blasi e per tanti altri cari amici scomparsi, che hanno fatto bella e preziosa la schiera dei poeti di Cosmopolis.

E così anche oggi, nell’apprendere il trapasso della dolce anima di Caterina De Simone.

Cosa dirle ora? Ora che non è più tra noi e che non vedremo giungere, come ogni volta, spumeggiante ed allegra, ai nostri consueti appuntamenti? Come ripetere che ci manca e ci mancherà per sempre?

Tuttavia, mentre l’affanno preme, fardello intollerabile sul cuore, una voce ci ricorda che è scomparsa una poetessa. E quando un poeta muore, restano i suoi versi, come suggello di amore e di amicizia. Una voce ci ripete, foscolianamente, che la poesia “vince di mille secoli il silenzio.”

Tu, Caterina, donna sensibile, affettuosa, gentile, così legata alla vita da quel cuore, che oggi non batte più e che pur scoprivamo palpitante di emozioni, sentimenti e sogni, rimarrai sempre nel nostro ricordo. Vi rimarrai, soprattutto con quel tuo piccolo libro, “Profumo d’anima”, che abbiamo avuto il piacere di pubblicare per le Edizioni Cosmopolis, complice il forte sentimento di amicizia che ci univa.

Nel nostro cuore, l’eco delle tue poesie.

Intorno a noi il suono dei tuoi versi, mentre continuerà ad aleggiare il profumo della tua anima, che già il Signore avrà accolto fra le sue braccia.

Addio, Caterina, non ti dimenticheremo.

 

*************************

 

Qui di seguito, una poesia di Irene Pumpo:

 

Quando un poeta muore

 

Quando un poeta muore,

credo che più di un cuore

muoia con lui. Si spegne.

È una morte precoce

se tace la sua voce

che l’anima ti accende.

 

Muore con lui, si spegne.

Ti sembran meno degne,

se il poeta non vive,

d’esser lette e ascoltate

le liriche ispirate

dall’estro suo geniale,

 

che crea, con maestria,

ogni sua poesia,

più cara nel ricordo.

Perfino il verso stesso

già non è più lo stesso

in bocca agli altri...È vero!

 

Se ben lo conoscevi,

del suo valor sapevi,

ora non ti dai pace…

Come se una corrente,

viva, dolce, fremente,

di idee, le stesse idee,

 

di intenti, di pensieri,

identici e sinceri,

di colpo s’interrompa.

E che una tale intesa

finisca, poi, è sorpresa

più deludente ancora!

 

Ti resta la tristezza,

con l’amara certezza

di aver perso un amico

prezioso. Egli va via

e hai tanta nostalgia

di Lui, che non c’è più.      

 

(Marzo 2019)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen