NEWS

Miti napoletani di oggi.69 FANTASMI   di Sergio Zazzera   Sarò un illuso, ma credevo che, almeno ai giorni nostri, il mito del fantasma fosse...
continua...
Uno scugnizzo napoletano trasferito a Milano   di  Luigi Rezzuti   Mai nessuno mi chiamava Antonio. Sono nato a Napoli in un quartiere popolare e...
continua...
UN NATALE DA FAVOLA   Domenica 18 dicembre, ore 10-13, Giardini dell'Ippodromo di Agnano, presso Mercatino Contadino, lettura di favole di Natale...
continua...
INDRO MONTANELLI, TRA “MONUMENTI” E “FACCETTE NERE”   di Sergio Zazzera   Premetto che con Indro Montanelli ho avuto, da una cinquantina d’anni a...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Spetta a Greta il Nobel per l’ambiente È noto soprattutto a chi teme per il futuro della Terra, messo in forse...
continua...
Al Festival Ethnoi “La Banda della Ricetta” in concerto   di Claudia Bonasi   Si è appena chiuso “Ethnoi” - Festival delle culture del mondo e delle...
continua...
"Zia Natascia"   Riprende la stagione eventistica con "Zia Natascia" in una suggestiva location: al Chiostro San Domenico Maggiore, sabato 22 maggio...
continua...
Il peschereccio   di Luigi Rezzuti   Marco correva veloce con la sua bicicletta. La strada, nel suo ultimo tratto, era in leggera discesa e per...
continua...
La D’Ovidio Nicolardi fa il pieno all’open day   di Annamaria Riccio   Grande affluenza di genitori e studenti che, in una piovosa mattinata di...
continua...
Maturità alle porte - Riflessioni di una studentessa   di Irene Del Gaudio   Sono una studentessa. Liceale, ancora per poco. Si avvicina...
continua...

Il Mistero di Antignano

 

di Antonio La Gala

 

Non si tratta di un giallo, ma di una famosa processione che a Pasqua, da secoli, si celebra al Vomero, nota anche come “Mistero di Pasqua” perché l’espressione “Mistero” indica il senso teologico della Resurrezione pasquale. S. Paolo definiva “Mistero” la Resurrezione perché evento concreto, certo, ma che la sola capacità  umana non può abbracciare: un evento misterioso, un “Mistero”.

Ḕ una festa antichissima: uno scritto del 1844 la fa risalire ai tempi di Carlo d’Angiò, ma ne esiste documentazione certa solo dalla metà del Settecento.

Nella festa  si rappresenta l’incontro fra la Madonna e Gesù Risorto.

I personaggi (Gesù Risorto, la Madonna, la Maddalena, l’apostolo Giovanni), sono raffigurati da statue di legno o di cartapesta del Sei-Settecento, portate a spalla da due cortei. Queste statue sono conservate durante l’anno nella Chiesa della Congrega del Rosario (complesso di Santa Maria la Libera).

A Pasqua, di buon mattino, dalla Congrega del Rosario, parte un corteo festoso che velocemente porta la statua di Gesù nella Congrega del Soccorso all’Arenella, percorrendo la vecchia e storica strada che congiunge il Vomero Vecchio con Antignano e, proseguendo, con l’Arenella. Da qui la statua di Gesù, dopo una cerimonia nella Chiesa, viene nascosta in un vicoletto vicino Antignano. Nel frattempo, dalla Congrega del Rosario, parte un secondo corteo che porta le statue degli altri tre Personaggi sacri. La Madonna è avvolta in un lungo velo nero. Arrivati ad Antignano, si fanno rappresentare a Giovanni e alla Maddalena, su invito della Madonna, tentativi di trovare Gesù Risorto, il cui corteo alla fine irrompe festoso in Largo Antignano: nell’incontro con il Figlio, il velo nero della Madonna cade, sostituito da una veste bianca e liberando uccelli in volo: a questo punto esplode l’entusiasmo fragoroso di tutti i presenti, corredato di spari; i due cortei si fondono e festosi percorrono, con tutte e quattro le statue, le principali vie del Vomero.

La festa in passato era malvista da più parti per gli aspetti più popolari ricchi d’intemperanza. Resoconti dell'Ottocento presentano la festa come una chiassosa kermesse popolare con pretesto religioso, ma con scopo finale mangereccio, testimoniato dalla presenza di molti “chianchiere” (macellai n.d.r.) e “crapettare. L’entusiasmo forse degenerava. Interessante la notazione di un forestiero, non avvezzo alla “trasgressione” nostrana, anche allora generalizzata, abituale e tollerata: vedendo alcuni cacciatori sparare contro gli uccelli che svolazzavano –"sebbene ciò fosse interdetto dalla poliza" - si meravigliava grandemente che i cacciatori facevano liberamente un qualcosa ”interdetto dalla polizia”.

Nel 1873 il Delegato di Pubblica Sicurezza del Villaggio Vomero chiedeva al Questore di vietare la manifestazione per timore di turbamento dell’ordine pubblico. Tuttavia la festa la ritroviamo ancora nei decenni successivi. Nel Novecento la manifestazione era criticata come residuo di usanze da dimenticare. Sarà poi l’appannamento generalizzato delle tradizioni a far scomparire la processione, nel 1967, per riprenderla nel 1993, ma in forme inevitabilmente diverse da quelle sopra descritte.

Fra le manifestazioni molto simili a quella del Vomero che a Pasqua si svolgono un po’ dovunque, ricordiamo quella di Sulmona e quella di Forio.

(Aprile 2019) 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen