NEWS

Gianfranco PECCHINENDA, Come se niente fosse   di Luigi Alviggi   Undici racconti aprono lo sguardo su una serie di scenari ove le differenze tra...
continua...
Miti napoletani di oggi.50 LO SCRITTORE   di Sergio Zazzera   Raccolgo la “provocazione” che mi ha indirizzato, da queste stesse (web-)pagine il...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   “Two”, una coppia alle prese con dinamiche da bar Alla Sala Pasolini di Salerno nell’ambito della...
continua...
Il calcio mercato del Napoli   di Luigi Rezzuti   E’ appena terminato il campionato che già si parla di calcio mercato. Il Napoli, classificatosi...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   Napoli 3,0 Sguardi sulla città di Mariacarla Rubinacci Biblioteca dei Leoni, Castelvetrano Veneto,...
continua...
"CONCERTO PER ARCHI E FILI D'ERBA"  
continua...
L’altra faccia della medaglia   di Romano Rizzo   In questa rubrica cercheremo di presentarvi, di alcuni poeti, un lato poco conosciuto.   Gennaro...
continua...
Ferdinando aveva due Sicilie   di Antonio La Gala   Perché i Borbone erano re di Due Sicilie, visto che esiste una sola Sicilia? Per capirlo...
continua...
Presentazione libro Riceviamo e volentieri pubblichiamo Salotto Cerino   Giovedì 4 aprile, alle ore 18, nella Sala Sannazaro, Via Mergellina, 9/B...
continua...
PREVISIONI PER L’ESTATE 2019   di Luigi Rezzuti   Arrivano sempre più conferme su quella che sarà un’estate bollente, con caldo insopportabile, ...
continua...

Il rovescio della medaglia

Lello Lupoli ( 5.10.1918 / 20.5.1995 )
 
 
di Romano Rizzo
 
 
La figura artistica di Lello Lupoli è nota a tutti gli amanti della poesia napoletana come una delle massime espressioni dell’umorismo in poesia ed in effetti Lupoli viene definito dai critici come poeta – umorista o umorista – poeta.

Tale definizione è, però, come spesso accade, riduttiva e non mette nel dovuto conto la vena lirico sentimentale, magistralmente espressa in molte sue poesie.

Mi fa piacere, riportare, a tale proposito, i pareri di alcuni Poeti che su di lui così si sono espressi:

il compianto Enzo Fasciglione, nel suo volume Il secolo d’oro continua, afferma:

Io mi rifiuto di definire Lello Lupoli solo un umorista perché,

in realtà, egli fu Poeta e Poeta vero.

Anche Rosetta Fidora Ruiz colse bene la duplicità dell’arte del Lupoli e a lui dedicò questa quartina:

Scrivere ’e Lello Lupoli ? Pazziate ? / ’O pueta umorista ?...’o ’mpertinente ? / Ma stu core ’e scugnizzo, si ’o spaccate / dinto truvate n’anema nnucente !

Ed infine, il grande Salvatore Tolino, nel sonetto che segue, mise in risalto, con grande maestria, la parte nascosta dell’arte del Lupoli:

A Lello Lupoli  Quanno tu scrive, tiene ’nponta ’e penna / nu diavulillo ca te piglia ’a mano / e chistu farfariello nun s’arrenne / ride e pazzèa cu ’o munno sano sano / Diceno ca si’ ’o masto d’’a resata,/ tutte poesie spassose e intelligente ; / ogne battuta toja : na cannunata !/Ma i’ saccio ca, ogne tanto, dint’’o core / nce trase ‘n’Angiulillo e na manella/ scava e pazzèa cu sentimento e ammore/ E, quanno nasce sta poesia cchiù bella / quase annascuso, senza fa’ rummore,/ l’apponta ‘ncielo comme a n’ata stella.

Occorre ricordare che Lupoli, che fu un dirigente bancario, fu sempre una persona molto gioviale, pronta a cogliere della vita e del mondo il lato migliore.

Amò molto la poesia e molto fece per la Sua diffusione.

Fu ideatore e conduttore, su Radio Antenna Capri, di un bel programma, La tavola rotonda dei Poeti Napoletani, in cui si affacciarono poeti affermati e poeti emergenti e a questi ultimi non fece mai mancare affettuosi e preziosi suggerimenti e consigli.

Collaborò a varie riviste quali Le Grandi Firme di Pitigrilli che lo definì “ scugnizzo dalle tempie grige”  Sul periodico napoletano 6 e 22, curò la rubrica Le Signore al balcone.

Ha lasciato due bei volumi di Poesia ed altro quali Pittura Fresca e Redenno pazzianno.

Tra le tante poesie in cui rifulge l’arte lirico-sentimentale del Lupoli mi piace ricordare: Nuttata ’e luna, Core guaglione, Notte d’està, ’Ncopp’’o muro e vorrei chiudere questo mio ricordo sottoponendo all’attenzione dei lettori i versi, davvero toccanti, che l’autore,  immaginando la propria dipartita, dedica all’amato figlio.

 

 Pure doppo

 

‘Nu juorno ca i’ spero assaje luntano,

’nchiudenno ll’uocchie a na vita ’e stiente,

hê ’a stà vicino a me, mano cu mmano.

voglio murì accussì, tenneramente.
**

’Na stretta sott’’o core e ’nu saluto..

Accussì è ’a vita ! Accussì gira ’a rota..

Ma tu fa’ cunto ca i’ nun so’ fernuto :

dimane…ce vedimmo n’ata vota..

**

Dimane è n’atu juorno…Jurnate nove..

Te siente sperzo…Vaje truvanno a me..

Ma nun t’amariggià si nun me truove,

tu nun ’o ssaje..ma i’ sto vicino a te !

(Maggio 2019)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen