NEWS

Riceviamo e volentieri pubblichiamo Quando a Napoli cadevano le bombe   Lo spettacolo “Quando a Napoli cadevano le bombe”, ideato, scritto e diretto...
continua...
Estate a Vietri sul Mare   Lunedì 16 luglio: Guglielmo Gugliemi Academic Ensemble Contemporary Jazz Project Martedì 17 luglio: Cleopatra di...
continua...
MOTOCICLETTE CON SIDECAR   di Luigi Rezzuti   Le origini della motocarrozzetta risalgono alla fine del XIX secolo, quando un ufficiale dell’esercito...
continua...
4 e 7 Luglio due appuntamenti da non perdere da IOCISTO, la libreria di tutti, con Silvio Perrella e Marco Cuomo.   Due appuntamenti da non perdere da...
continua...
UN’ESCURSIONE SUL VESUVIO   di Luigi Rezzuti   Fin da bambino mi ha intrigato questa montagna che fa da sfondo al golfo di Napoli. Ricordo che, da...
continua...
L’ufficiale tedesco Anche loro, a volte, hanno avuto un cuore   di Luigi Rezzuti   Eravamo ancora in piena guerra e in pieno inverno. Era il...
continua...
PREMIO NAZIONALE DI POESIA "SALVATORE CERINO"     (Dicembre 2018)
continua...
Campionato di calcio di serie A, Stagione 2017/2018   di Luigi Rezzuti   Quasi tutti sanno degli stipendi percepiti dai calciatori, ma in pochi sanno...
continua...
I HAVE A DREAM   di Sergio Zazzera   “I have a dream”. Sì, senza volermi paragonare a Martin Luther King, e soprattutto senza volergli mancare di...
continua...
LA CASA DI TOTO’ CADE A PEZZI   di Luigi Rezzuti   Scatta di nuovo l’allarme a Napoli: la casa in cui visse Totò sta cadendo a pezzi. L’allarme...
continua...

Salute e benessere

TUTTI PAZZI PER LA FRUTTA ESOTICA

 

di Luigi Rezzuti

 


Per frutta esotica  o tropicale si intendono i frutti di quelle piante che non sono coltivate nel nostro Paese.

Un tempo molto costosi e presenti sui mercati solo nei periodi festivi, oggi vedono largo consumo anche sulle tavole degli italiani.

Fino ad una decina di anni fa, come frutta esotica si trovavano banane, ananas e datteri, e solo nel periodo natalizio.

Oggi, oltre alle banane, all’ananas e ai kiwi, troviamo anche il mango, l’avocado, la papaya e i litchi perché la frutta tropicale è diventata una moda.

I dati di consumo degli ultimi anni raccontano di preferenze sempre più sbilanciate a favore della frutta tropicale, rispetto a quella  di casa nostra: arance, pere e mele.

Così, mentre l’export ortofrutticolo cresce, il mercato delle importazioni esotiche aumenta anno dopo anno.

Perché? Le ragioni sono svariate, a partire dalla moda della frutta tropicale, conclamata anche nel nostro Paese, come frutta benefica per la salute.

Purtroppo, però, i costi di trasporto sono molto elevati in quanto si tratta di far arrivare, in aereo, la frutta dall’altra parte del mondo, per poi vederla finire sui banchi dei supermercati e quindi tali costi restano ancora molto alti per il consumatore.

Non solo avocado, mango, papaya, kiwi, ma ci sono tantissimi altri frutti tropicali che ancora non sono arrivati nei supermercati italiani, come gambuta, un frutto simile al litchi, feijoa sellowiana originario del Brasile e la carambola originaria dello Sri Lanka.

(Ottobre 2019) 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen