NEWS

La luce del mito   di Gabriella Pagnotta   I recenti avvenimenti, accaduti a Bardonecchia e a Mentone, hanno diviso l’opinione pubblica e hanno...
continua...
Paolo Ricci: falce e pennello   di Antonio La Gala     Una figura di rilievo nel panorama culturale della Napoli del Novecento è stato Paolo Ricci...
continua...
Buongiorno mezzanotte, torno a casa   Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario - piazza Dante 44/45, Napoli - Info 081 014 5940 Mercoledì 18...
continua...
Miti napoletani di oggi.41 L’IDENTITA’ NAPOLETANA   di Sergio Zazzera   L’antropologia definisce l’identità come «patrimonio da conservare» e, in...
continua...
Nati per donare?   Sabato 8 aprile, ore 17.30, via Cappella Vecchia, 8-b, 1° piano (citofono n. 1003), l’Associazione lucana Giustino Fortunato di...
continua...
“PROCIDA ‘900”   Martedì 15 maggio 2018, alle ore 17.30, nell’aula “Massimo Della Campa” (4° piano) della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 –...
continua...
Associazione lucana “Giustino Fortunato” - Incontro con l’autore e reading   Segnaliamo la presentazione del libro di Antonio Giambersio, Odissea....
continua...
ANTICHI SAPORI   di Luigi Rezzuti   Con l’avvicinarsi della stagione invernale mi sono tornati alla mente gli antichi sapori di una volta, tra cui...
continua...
La caduta del Forte di Vigliena   di Antonio La Gala     Uno degli episodi militari che portarono alla caduta della Repubblica Partenopea del 1799,...
continua...
SILVIO PERRELLA IN VIAGGIO NELLA LETTERATURA ITALIANA   Alla Feltrinelli di piazza dei Martiri, giovedì 9 giugno dalle ore 18, Silvio Perrella in...
continua...

Alle prime piogge la città di Napoli si paralizza trasformando un evento in calamità naturale, in emergenza.

Le strade si allagano, fiumi d’acqua scorrono copiosi lungo le vie, i mezzi di trasporto vanno in tilt, le stazioni della metropolitana collinare chiudono per allagamento.

La situazione peggiora di anno in anno, e non solo per la città di Napoli. Purtroppo tutta la nostra penisola è vittima di frane, alluvioni, disastri ambientali.

Ma perché queste catastrofi, questi eventi sono sempre più frequenti? Alcuni ricercatori ed esperti asseriscono che si sta andando incontro ad una nuova era glaciale. Una volta, e ancora oggi, questi disastri meteorologici colpivano zone geografiche come la Thailandia, gli Stati Uniti ( Texas, Oklaoma, Kansas) ed altri paesi interessati a questo fenomeno, come l’Australia, il Giappone, la Nuova Zelanda. Oggi è colpita anche l’Italia.

Un noto meteorologo dice : “Tali fenomeni sono sempre preceduti da violente precipitazioni da considerarsi eccezionali. Il regime pluviometrico sul nostro territorio sta cambiando e la pioggia si presenta sempre più sotto forma di temporale, infatti la quantità d’acqua che prima cadeva in una giornata, oggi può venire giù in due ore e la rete fognaria non è più in grado di raccoglierla. Necessita un piano di ristrutturazione della rete fognaria e invece si dichiara lo stato di calamità, con stanziamenti di fondi che costano allo Stato ancora di più della sistemazione delle fognature”.

Intanto, se non si trovano alternative per gli interventi, possiamo aspettarci altri disastri.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen