NEWS

Pittura vomerese nell’Ottocento   di Antonio La Gala   In un precedente articolo sulla pittura del Seicento al Vomero, abbiamo raccontato di Salvator...
continua...
Medicina ieri e oggi   di Luigi Rezzuti   Ogni volta che per televisione passava la pubblicità del “Già fatta? Pic indolor, l’ago niente male”, che...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A 2020-2021   di Luigi Rezzuti   A causa della pandemia da Corona Virus, il campionato di calcio della stagione...
continua...
Genny Esposito l’americano   di Alfredo Imperatore   Nel 1920, Genny Esposito, era venuto dall’America in Italia con un grosso conto in banca, portava...
continua...
Meno male che il santo c’è   di Antonio La Gala           I recenti preoccupati commenti sul mancato miracolo di San Gennaro di metà dicembre,hanno...
continua...
Miti napoletani di oggi.83 IL “BASSO”   di Sergio Zazzera   Fino anche ai primi decenni del secolo scorso, nei palazzi signorili di Napoli era...
continua...
LA CASA DI TOTO’ CADE A PEZZI   di Luigi Rezzuti   Scatta di nuovo l’allarme a Napoli: la casa in cui visse Totò sta cadendo a pezzi. L’allarme...
continua...
L’OSSESSIONE DELLE VACANZE ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   La vacanza è un diritto inalienabile. Una volta, tanti anni fa, era un lusso solo per...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   DONNAMORE Uno spettacolo che parla di e alle donne, il cui ricavato sarà destinato ai figli delle...
continua...

Pensieri ad alta voce

di Marisa Pumpo Pica

 

Un Natale diverso

 

Lo vorremmo per tutti.

Lo vorremmo per i barboni, costretti troppo spesso a finire i loro giorni nell’abbandono più triste e desolato, in cui la morte li coglie, infreddoliti e tremanti, senza una mano amica a sostenerli e a confortarli, almeno nell’ora fatale.

Lo vorremmo per i bimbi abusati, offesi nella loro dignità di esseri umani e derubati miseramente della loro innocenza e per quanti altri, adulti, bambini e neonati, sono costretti ad affrontare la tragedia del mare su barconi sgangherati, lottando, anch’essi troppo spesso, tra la vita e la morte.

Lo vorremmo per le donne, vittime della violenza del maschio, che trovano la morte proprio là dove dovrebbero avvertire il calore del focolare domestico. Proprio là concludono, invece, tragicamente la loro esistenza, vittime incolpevoli di un amore sbagliato nei confronti di uomini, che vedono ancora la donna come oggetto e si dimostrano incapaci di distinguere tra cosa e persona, tra amore, passione, gelosia e desiderio di possessso.

Un Natale diverso vorremmo - perché no? - per tutti coloro che la società, nonostante le norme del vivere civile, non è ancora riuscita a dirozzare, a rendere meno violenti, villani e prevaricatori, come i tanti che non hanno esitato a lanciare i loro insulti insensati contro Liliana Segre, una donna meritevole del più grande rispetto. Lei che, bambina, ha conosciuto l’odio razzista, non avrebbe voluto mai più leggerlo negli occhi di quanti, in questi giorni, l’hanno fatta oggetto di dileggio e sarcasmo.

Auspichiamo che si ripetano più spesso giornate come quella che ha visto, a Milano, marciare una fiumana di gente comune in corteo, con circa seicento sindaci, provenienti da tutta Italia, in segno di solidarietà verso Liliana Segre, offrendosi di essere, loro, la sua scorta e di rigettare al mittente ogni insulto antisemita ed ogni rigurgito fascista.     

Un Natale diverso vorremmo soprattutto per i nostri giovani perché il loro entusiasmo, la loro vitalità, il loro mondo di sogni, aspirazioni e progetti non vengano intaccati, turbati o stravolti dagli esempi poco edificanti di noi adulti, che ci dichiariamo responsabili della loro formazione.

Vorremmo che giorni come quello della strage del 12 dicembre del 1969, in Piazza Fontana, nella Banca Nazionale dell’Agricoltura, come altre simili di quegli anni tragici, in cui rabbia, odio e violenza insanguinarono le nostre strade, non si verificassero mai più.

Un Natale diverso vorremmo per i familiari delle 17 vittime e degli 88 feriti per quella micidiale bomba. Essi ancora aspettano che quegli eventi non siano ulteriormente coperti dalla polvere del tempo e che la forza della memoria possa finalmente illuminare la strada della ricerca della verità e della giustizia.

Vorremmo uno Stato che sappia essere più Stato, una società più civile, in grado di garantire i diritti dei cittadini, una nazione in cui non si debba ancora aspettare di conoscere la verità, dopo 50 anni di inutile attesa, tra dinamiche distorte, depistaggi e risvolti oscuri, che proiettano ombre terribili sugli apparati statali.

Vorremmo davvero, per tutti noi, un Natale diverso, un Natale da favola, da vivere nel segno di una grande utopia, nel sogno di una grande Città dell’Amore, della Solidarietà e della Dignità.

(Dicembre 2019)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen