NEWS

Ferdinando aveva due Sicilie   di Antonio La Gala   Perché i Borbone erano re di Due Sicilie, visto che esiste una sola Sicilia? Per capirlo...
continua...
MONDIALI DI CALCIO 2018   di Luigi Rezzuti   Dal 14 giugno al 15 luglio, trentadue giorni di sfida tra 32 squadre nazionali di ogni continente,...
continua...
 Su e giù con la morte   Sabato 9 aprile ore 18, presentazione del nuovo romanzo di Luciano Scateni - libreria “Io ci sto”, piazza Fuga (accanto...
continua...
GIUSEPPE ANTONELLO LEONE   Giuseppe Antonello Leone, pittore scultore ceramista e poeta, è nato il 6 luglio 1917 a Pratola Serra ed è morto a Napoli...
continua...
Maturità alle porte - Riflessioni di una studentessa   di Irene Del Gaudio   Sono una studentessa. Liceale, ancora per poco. Si avvicina...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   La Cenerentola azzurra Non è la prima volta e temo che non sia l’ultima. La redazione sportiva di Repubblica deve...
continua...
Papa Francesco – La Chiesa della Misericordia – San Paolo editore   di  Luciana Alboreto   Il 20 novembre 2016, nella Solennità di Nostro Signore...
continua...
Giovanni Panza, pittore  senza problematiche   di Antonio La Gala   Giovanni Panza (Miseno, 1894-1989), teorizzava che la vita di ogni persona è...
continua...
"Zia Natascia"   Riprende la stagione eventistica con "Zia Natascia" in una suggestiva location: al Chiostro San Domenico Maggiore, sabato 22 maggio...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   L’ottimismo si chiama Apple Indossa il giacchino blu di metalmeccanico, stinto dalla fatica, sbiadita la scritta...
continua...

Pensieri ad alta voce

di Marisa Pumpo Pica

 

Un Natale diverso

 

Lo vorremmo per tutti.

Lo vorremmo per i barboni, costretti troppo spesso a finire i loro giorni nell’abbandono più triste e desolato, in cui la morte li coglie, infreddoliti e tremanti, senza una mano amica a sostenerli e a confortarli, almeno nell’ora fatale.

Lo vorremmo per i bimbi abusati, offesi nella loro dignità di esseri umani e derubati miseramente della loro innocenza e per quanti altri, adulti, bambini e neonati, sono costretti ad affrontare la tragedia del mare su barconi sgangherati, lottando, anch’essi troppo spesso, tra la vita e la morte.

Lo vorremmo per le donne, vittime della violenza del maschio, che trovano la morte proprio là dove dovrebbero avvertire il calore del focolare domestico. Proprio là concludono, invece, tragicamente la loro esistenza, vittime incolpevoli di un amore sbagliato nei confronti di uomini, che vedono ancora la donna come oggetto e si dimostrano incapaci di distinguere tra cosa e persona, tra amore, passione, gelosia e desiderio di possessso.

Un Natale diverso vorremmo - perché no? - per tutti coloro che la società, nonostante le norme del vivere civile, non è ancora riuscita a dirozzare, a rendere meno violenti, villani e prevaricatori, come i tanti che non hanno esitato a lanciare i loro insulti insensati contro Liliana Segre, una donna meritevole del più grande rispetto. Lei che, bambina, ha conosciuto l’odio razzista, non avrebbe voluto mai più leggerlo negli occhi di quanti, in questi giorni, l’hanno fatta oggetto di dileggio e sarcasmo.

Auspichiamo che si ripetano più spesso giornate come quella che ha visto, a Milano, marciare una fiumana di gente comune in corteo, con circa seicento sindaci, provenienti da tutta Italia, in segno di solidarietà verso Liliana Segre, offrendosi di essere, loro, la sua scorta e di rigettare al mittente ogni insulto antisemita ed ogni rigurgito fascista.     

Un Natale diverso vorremmo soprattutto per i nostri giovani perché il loro entusiasmo, la loro vitalità, il loro mondo di sogni, aspirazioni e progetti non vengano intaccati, turbati o stravolti dagli esempi poco edificanti di noi adulti, che ci dichiariamo responsabili della loro formazione.

Vorremmo che giorni come quello della strage del 12 dicembre del 1969, in Piazza Fontana, nella Banca Nazionale dell’Agricoltura, come altre simili di quegli anni tragici, in cui rabbia, odio e violenza insanguinarono le nostre strade, non si verificassero mai più.

Un Natale diverso vorremmo per i familiari delle 17 vittime e degli 88 feriti per quella micidiale bomba. Essi ancora aspettano che quegli eventi non siano ulteriormente coperti dalla polvere del tempo e che la forza della memoria possa finalmente illuminare la strada della ricerca della verità e della giustizia.

Vorremmo uno Stato che sappia essere più Stato, una società più civile, in grado di garantire i diritti dei cittadini, una nazione in cui non si debba ancora aspettare di conoscere la verità, dopo 50 anni di inutile attesa, tra dinamiche distorte, depistaggi e risvolti oscuri, che proiettano ombre terribili sugli apparati statali.

Vorremmo davvero, per tutti noi, un Natale diverso, un Natale da favola, da vivere nel segno di una grande utopia, nel sogno di una grande Città dell’Amore, della Solidarietà e della Dignità.

(Dicembre 2019)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen