NEWS

La D’Ovidio Nicolardi fa il pieno all’open day   di Annamaria Riccio   Grande affluenza di genitori e studenti che, in una piovosa mattinata di...
continua...
 Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica    Mutaverso Teatro Al Giullare "Nella gioia e nel dolore"   Al teatro “Il Giullare” (via Vernieri,...
continua...
Gli incontri della Fondazione Premio Napoli   Iniziano gli incontri della Fondazione Premio Napoli aperti alla città. Si parte l’11 marzo, alle ore...
continua...
Parlanno 'e poesia   di Romano Rizzo   Antonino Alonge (Palermo, 20 settembre 1871 - Milano, 13 agosto 1958). Poeta e giornalista, visse a Napoli...
continua...
UN VIAGGIO DI ALTRI TEMPI   di Luigi Rezzuti   Un mendicante, tutte le sere se ne andava a dormire nella stazione centrale di piazza Garibaldi a...
continua...
Un libro a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Sabato, 5 marzo, alle ore 11.30, nella sala del Teatro Diana, nell’ambito della rassegna...
continua...
IO, ROBINSON CRUSOE’   di Luigi Rezzuti   Il naufrago più famoso di tutti i tempi è senza dubbio Robinson Crusoè, che fece naufragio con una nave...
continua...
Il governo migliore è la speranza   di Annamaria Riccio   Affidiamo i nostri desideri agli eventi del futuro. Viviamo pensando che il dopo sarà la...
continua...
AVERSA COMPIE 994 ANNI                                       Aversa celebra il suo 994° compleanno con una “Due giorni” organizzata dall’Associazione...
continua...
PRIMA DELL'OBLIO         (Marzo 2019)
continua...

CORE ‘NGRATO

 

di Luigi Rezzuti

 

Gli amori nel gioco del calcio non esistono, contano solo i soldi, tanti, troppi, difficilmente rinunciabili.

Cavani è voluto andare via, tra la delusione dei tifosi napoletani che si sono sentiti traditi da quel giocatore uruguaiano che mandava , ad ogni gol realizzato, bacetti ai tifosi, quel giocatore cui tanto piaceva andare a pescare nelle acque di Bacoli.

Oggi, magliette con il suo nome e statuette che si vendono a San Gregorio Armeno sono in svendita.

Ora che ha preferito giocare nel PSG, ora che ha preferito Parigi a Napoli c’è qualcuno che inizia a dire che, lasciando Palermo per Napoli, ha fatto un salto di qualità perché, da discreto, giocatore allenandosi e giocando con il Napoli, è riuscito a realizzarsi.

A Parigi non sarà certamente il beniamino dei tifosi ma sarà, come Lavezzi, un calciatore come tanti altri e non una prima donna come era a Napoli.

Il tifoso napoletano ha una caratteristica tutta sua: se non riesce ad amare un campione non riesce ad andare allo stadio per esultare e soffrire.

Adesso i tifosu sono pronti ad innamorarsi del sostituto di Cavani, alla prima azione spettacolare, al primo gol o alla prima dichiarazione d’amore verso i tifosi, verso la maglia del Napoli e della città.

Il tifoso del Napoli ama essere al centro dell’attenzione, non ama vivere nemmeno tiepidamente una partita amichevole.

La scelta di Cavani appare come un tradimento, ma quello che conta ora è dimenticare in fretta il “traditore” che, tre anni fa giunse a Napoli dichiarando di essere stato portato da Dio.

 Oggi, a Parigi, forse dirà che è arrivato nella nuova terra promessa …

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen