NEWS

Pensieri ad alta voce di Marisa Pumpo Pica Fra detti e dirette   Un giorno festivo, dopo pranzo, ore 15, accendo il televisore e su Rai 3 si trasmette...
continua...
Metropolitane napoletane abortite   di Antonio La Gala     Forse non tutti sanno che Napoli stava per dotarsi di metropolitana già a fine Ottocento...
continua...
“Pagine” di Vincenzo Aulitto e Francesco Lucrezi     Mercoledì 13 dicembre 2017 alle ore 17 presso Movimento Aperto, via Duomo  290/c Napoli si...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   LA TOMBA PROFANATA Santagata si fa in quattro di Luciano Scateni  Guida - Kairos    Questo è il...
continua...
I giorni di Jacques, di Curzia Ferrari   di Luigi Alviggi     Nel 1987 l’arcivescovo di Parigi, cardinale Lustiger, postula, con i frati salesiani,...
continua...
Maturità alle porte - Riflessioni di una studentessa   di Irene Del Gaudio   Sono una studentessa. Liceale, ancora per poco. Si avvicina...
continua...
Reading e presentazioni Napoli, venerdì 13, ore 17,30, alla Galleria Al Blu di Prussia, Via G. Filangieri, 42, Enza Silvestrini, Controtempo...
continua...
L'AMMORE A 'O TIEMPO D’’O CURONAVIRUSS   di Sergio Zazzera  Quanno Berta filava e l’auciello arava, a ‘nu paese luntano ‘nce stevano ‘nu rré e ‘na...
continua...
IO E LA VALIGIA   di Luigi Rezzuti   Ero seduto davanti a quella valigia rigonfia, nella quale gli indumenti avanzavano tanto da “obbligarla” a non...
continua...
PREMIO NAZIONALE DI POESIA “SALVATORE CERINO”   E’ giunto alla XVI  edizione il Premio Nazionale di Poesia “Salvatore Cerino”, che vanta il Patrocinio...
continua...

1920-1943: L’INCENDIO DEL “BALKAN” A TRIESTE E LA

 

FUCILAZIONE DEL MARINAIO A NAPOLI (con una

differenza)

 

di Sergio Zazzera

 

Trieste, 13 luglio 1920: un manipolo di fascisti, guidati dal leader locale Francesco Giunta, assalta e incendia il “Narodni Dom” – sede della comunità slovena cittadina, nota anche col nome di “Balkan” –, tra gli applausi della folla che li seguiva.


Napoli, 12 settembre 1943: un plotone di soldati tedeschi procede alla fucilazione del marinaio ventiquattrenne Andrea Mansi, originario di Ravello, costringendo i passanti a fermarsi, inginocchiarsi e applaudire. Il filmato che documenta l’episodio fu realizzato dalla Gestapo.

Forse, Plutarco ne avrebbe fatto l’argomento di una delle sue Vite parallele; qualche differenza tra i due episodi, però, mi sembra proprio che ci sia.

Data per scontata l’equivalenza tra fascismo e nazismo – e, quindi, tra le rispettive azioni criminose –, tuttavia, non si deve perdere di vista il costringimento dei napoletani, mediante l’uso delle armi, ad applaudire agli omicidi tedeschi (e come altro vorreste definirli?). Viceversa, l’applauso dei triestini agl’incendiari triestini (e come altro vorreste definirli?) fu sicuramente spontaneo, visto che proveniva da una folla che si era posta al loro seguito, il che non può significare altro, se non la sua condivisione di qualsiasi gesto essi avessero compiuto.

Vuoi vedere che l’A.M.G.-F.T.T. fu una forma di nemesi storica?

(Luglio 2020)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen