NEWS

L’isolotto di Megaride tra mito e realtà   di Luigi Rezzuti   E’ di una decina di giorni fa la notizia che un gruppo di archeologi subacquei si sono...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   Effetto infestante dei migranti Ecco l’incipit di questa nota: la gramigna, la parietaria, i trifogli, invadono i...
continua...
E’ ARRIVATA LA PRIMAVERA   di Luigi Rezzuti   La primavera ha inizio il 21 marzo per finire il 21 giugno. Dopo il maltempo arriva la nuova stagione....
continua...
SALUTE E BENESSERE Una casa a misura di sonno   di Peppe Iannicelli   Un terzo della giornata per lavorare, un terzo della giornata per vivere i...
continua...
IO E FRANCESCO   di ANNAMARIA RICCIO   A chi non è simpatico? Sentito parlare male del papa? Mai. Chiunque vorrebbe conoscerlo. Da quando si...
continua...
Sotto le stelle della D’Ovidio Nicolardi   di Annamaria Riccio   A dicembre si è compiuta la manifestazione finale del progetto “Uniti sotto le...
continua...
Il governo migliore è la speranza   di Annamaria Riccio   Affidiamo i nostri desideri agli eventi del futuro. Viviamo pensando che il dopo sarà la...
continua...
QUALI “PRIMARIE”?   di Sergio Zazzera   Le “primarie” del 6 marzo scorso, finalizzate alla designazione del candidato alla carica di sindaco di...
continua...
UN VIAGGIO DI ALTRI TEMPI   di Luigi Rezzuti   Un mendicante, tutte le sere se ne andava a dormire nella stazione centrale di piazza Garibaldi a...
continua...
Galleria Salotto Cerino - Pozzuoli “Il golfo di Napoli  tra storia, natura e degrado”   Giovedì, 2 marzo, alle ore 19,  è stata inaugurata la mostra...
continua...

LA VELA GUARDA A FORMIA

 

di Luigi Rezzuti

 

Dopo le regate della Coppa America nelle acque del golfo di Napoli, anche la città di Formia e, con essa, l’intero golfo di Gaeta, si pone al centro degli sport acquatici. Questa volta lo è certamente in misura maggiore rispetto a tante altre occasioni, perché l’organizzazione di un campionato europeo classe 470, attorno al quale si è costruita l’attenzione dell’intera cittadina, non è mai una cosa come le altre. Centoventi imbarcazioni, provenienti da ogni parte  del mondo, un livello tecnico assolutamente eccezionale, visto il valore di diversi contendenti scesi in acqua, un’occasione promozionale e, soprattutto, una conferma delle doti organizzative che il locale Comitato ha già dimostrato in passato nel saper egregiamente mettere in piedi, sono elementi che non possono far bene all’intera manifestazione ed a quello che c’è dietro.

Si vivranno momenti decisivi fino alla determinazione del successo finale.

 Le regate conclusive si disputeranno nello spazio antistante il litorale di Vindicio, proprio per garantire la maggiore attenzione del pubblico.

La cerimonia di chiusura metterà la parola fine alla competizione.

Ma è un campionato che inevitabilmente getta lo sguardo al futuro perché, strettamente collegato alla competizioni vera e propria vi è anche e soprattutto la novità che da tempo di attendeva : l’apertura del Centro Federale della Vela.

Alla presentazione erano presenti personalità politiche e sportive di maggior rilievo, che hanno aperto una nuova era nel rapporto dello sport mondiale con la città delle Due Torri, ponendo in risalto ancora una volta il rapporto centrale con le discipline agonistiche di alto livello. Un Centro Federale, nell’area del Porticciolo Caposele, consentirà, come affermato dal vice-presidente della Fiv, Francesco Ettore “ Di avere una propria casa, con un campo di regata semplicemente eccezionale”.

Anche l’olimpionica Alessandra Sensini ha dichiarato: “L’apertura del Centro Federale della Vela, permetterà di lavorare con tutti gli atleti, selezionati nella maniera migliore possibile”.

 Il Centro Federale della Vela è nato sulla base di un progetto eco-sostenibile (gazebo di legno con pannelli fotovoltaici) e gode nel frattempo del supporto logistico del Centro Preparazione Olimpico “Bruno Zauli” di Formia.

 Il che significa utilizzare al meglio le tante risorse già esistenti.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen