• Stampa

E’ MORTO GIGI PROIETTI

 

di Luigi Rezzuti

 


Nel cordoglio di tanti, si è spento, per problemi cardiaci, Gigi Proietti, all’età di 80 anni, proprio nel giorno del suo compleanno.

Era nato a Roma il 2 novembre del 1940. Compagna di una vita l’ex guida turistica svedese, Sagitta Alter, dalla quale ha avuto due figlie, Susanna e Carlotta, di cui andava fiero. Anch’esse nomi in vista nel mondo dello spettacolo, in particolare, l’una come attrice, l’altra come cantante.

La sindaca, Virginia Raggi, ha messo a disposizione il Campidoglio per la camera ardente.

Ci lascia un insuperabile attore, un maestro, un personaggio di grande ironia e carisma, un regista, un “poeta” teatrale, amatissimo dal pubblico.

La carriera di Gigi Proietti è stata costellata da una serie di successi sia a teatro che a cinema e in televisione.

Nel 1978 si aprì la sua scuola di recitazione, di cui fu direttore e in cui si formarono tanti talenti, quali Flavio Insinna, Chiara Noschese, Giorgio Tirabassi, Enrico Brignano, Gabriele Cirilli, Massimo Wertmuller, Paola Tiziana Cruciani, Rodofo Laganà, Francesca Reggiani, Sveva Altieri e molti altri i quali, con lui, hanno conquistato il cuore del pubblico teatrale, televisivo e cinematografico.

Tra i suoi personaggi ci piace ricordare il “Mangiafuoco” nel Pinocchio di Garrone e “Il Maresciallo Rocca”. Tra i suoi spettacoli. “Cavalli di battaglia”, scelto per festeggiare i 50 anni di carriera.

Proietti sottolineava di aver fatto pochi film ma, se i cinema riapriranno per il 3 dicembre, come, per ora, è stato annunciato, ci sarà la proiezione del suo ultimo film “Io sono Babbo Natale”, con la regia di Edoardo Falcone.

(Novembre 2020)