NEWS

LA COMUNITA’ EBRAICA DI NAPOLI E IL PREGIUDIZIO ANTISIONISTA   Riceviamo e pubblichiamo La Comunità ebraica di Napoli esprime la propria indignazione...
continua...
Cambiare oggi il futuro   di Mariacarla Rubinacci   Il compagno della vita non c’è più. Nulla sarà come prima. Devo affrontare il futuro. Devo...
continua...
LA JUVE VINCE LO SCUDETTO   di Luigi Rezzuti   Nel Campionato di calcio italiano non si può andare oltre il secondo posto perché prima di iniziare la...
continua...
“Plenitude”   Sabato 5 Maggio 2018, alle ore 17.30, sarà inaugurata la mostra, a cura di Maurizio Vitiello, “Plenitude” con opere recenti del giovane...
continua...
La casa editrice oèdipus a Palazzo Braschi di Roma e alla Biblioteca Nazionale di Rio de Janeiro   Due presentazioni prestigiose per la casa editrice...
continua...
Caccia al tesoro   di Luigi Rezzuti   A chi non è mai capitato di non ricordare dove si è conservato un oggetto a cui si è particolarmente...
continua...
 Le biblioteche napoletane   di Antonio La Gala     Per capire come e quando le attuali biblioteche napoletane sono sorte non si può prescindere...
continua...
RITROVARSI  A  PARIGI di   Gaito  Gazdanov   Di Luigi Alviggi   Gaito Gazdanov (San Pietroburgo, 1903 – 1971), figlio di un guardaboschi, nel 1920...
continua...
’O guappo ’e cartone   di Luigi Rezzuti     ’O guappo ’e cartone è una commedia in tre atti, scritta da Raffaele Viviani. La prima rappresentazione...
continua...
IL CALL CENTER   di Luigi Rezzuti   Domenica pomeriggio sono a casa, mia moglie riposa ed io sono davanti alla televisione: una tazza di caffè,...
continua...

Profumi d’Estate

 

di Mariacarla Rubinacci

 

   “Alessandra, dov’è il coperchio giusto per questa pentola?”. Questa domanda è abbastanza ricorrente là dove i soliti amici si ritrovano dopo aver lasciato alle spalle i rumori della città. Soprattutto quando c’è Renato.

   Renato vanta infatti, fra le sue qualità, quella di essere un valente cuoco, “chef” come ama presentarsi! E’ preciso nell’officiare il  cerimoniale di una succulenta e gustosa pietanza da offrire a coloro che fanno gruppo nell’allegra compagnia.

   Ma, come tutti i cuochi che si rispettano, anche Renato ha bisogno di essere affiancato da gregari silenziosi, ubbidienti e accondiscendenti: ruolo che però spesso qui spetta a una o più signore che si trovano a passare nei paraggi della cucina.

   “Si devono pelare le patate”. Per favore, chi taglia le melanzane?”. “Quei pomodori sono troppi…”. “Mi affetti le cipolle?”. “Dove sono i peperoni…”.

   Come fossero i ferri per il valente chirurgo, sul tavolo, Renato schiera tutti i componenti per qualche leccornia, che il “maestro” di alta cucina si accinge a rimescolare, e a questo punto, i gregari non sono più necessari. L’officiante vuole agire da solo, non vuole essere osservato o controllato e la sua arte finalmente esce dalle mani come fa il pittore che rimescola i suoi colori da spandere sulla tela. Le verdure, le carni, la pasta, si accostano in un’armonia di variegate sfumature, oppure vengono manipolati come argilla che lo scultore accarezza per far nascere dalle sue mani una nuova forma.

   L’opera si offre completa per il momento fatidico del :”E’ pronto!”, che chiama a raccolta la platea sempre plaudente, perché…”Renato è proprio bravo in cucina!”.

   La festa dei profumi e dei sapori esplode, accompagnata da allegre risate, da qualche bicchiere in più del fresco vinello e dai commenti impastati di ironia e di amicizie sincere, che si coltivano per stare bene insieme.

   Quando, invece c’è Filippo, i profumi e i sapori cambiano. Lui è l’esperto della brace. Nel  preparare il rovente piano di cottura, non lo supera nessuno. Così le triglie arrossano le loro squame per sprigionare il profumo del mare nascosto nella fragranza delle loro carni delicate. Così le salsicce sciolgono la giusta dose di grasso per mantenersi morbide. Così le bistecche si arroventano per farsi gustare succose e appetitose. Non mancano mai le salsine per accompagnare le vivande preparate con tanto impegno: ognuna ha la propria, anche se spesso c’è la novità di qualche esperimento, suggerito per guadagnarsi l’approvazione di tutti.

    L’aria d’estate si impregna di profumi stuzzicanti, le bocche si irrorano di sapori genuini, i cuori si alimentano di amicizia rinnovata.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen