NEWS

Gli studenti ignoranti   di Annamaria Riccio   Una lettera, firmata da 600 docenti universitari e indirizzata al governo, ha suscitato non poco...
continua...
MILLE VOCI PER AMATRICE   di ANNAMARIA RICCIO   Il cuore della D’Ovidio Nicolardi questa volta batte per Amatrice. Un concerto al cinema Plaza lo...
continua...
UN NATALE DA FAVOLA   Domenica 18 dicembre, ore 10-13, Giardini dell'Ippodromo di Agnano, presso Mercatino Contadino, lettura di favole di Natale...
continua...
Antonella Morea La mamma di Casa Surace, diventa un fumetto e una supereroina   L’attrice e cantante Antonella Morea diventa un fumetto, grazie alle...
continua...
 YOU NO SPEAK AMERICANO ORIGINAL   ARMY CALL TO ARTISTS. ALL ARTISTS ARE INVITED.  CHIAMATA ALLE ARMI PER GLI ARTISTI. TUTTI GLI ARTISTI SONO...
continua...
Il pittore Gaetano Ricchizzi   di Antonio La Gala   Figura singolare di uomo e di artista, Gaetano Ricchizzi, (Napoli 1879 - Napoli 1950), è fra i...
continua...
LA TOMBA PROFANATA  
continua...
A Cetara lo spettacolo “A Christmas Carol”   di Claudia Bonasi   A Cetara un cartellone di Natale all’insegna della tradizione, destinato a tutte le...
continua...
LA COMUNITA’ EBRAICA DI NAPOLI E IL PREGIUDIZIO ANTISIONISTA   Riceviamo e pubblichiamo La Comunità ebraica di Napoli esprime la propria indignazione...
continua...
Belle Arti. Luci e ombre.   di Antonio La Gala   L’Istituto delle Belle Arti di Napoli, dopo decenni di peregrinazioni in varie sedi, approdò, negli...
continua...

Giuseppe Cicala

Uomo non comune e poeta “speciale”

 

di Romano Rizzo

 

Giuseppe Cicala è stato un uomo dai molteplici interessi che ha trovato il modo di donare un po’ del suo grande talento alla poesia, a cui ha regalato tutta la sua irruenza e passionalità. Insofferente, per carattere, ad ogni schema, ma dotato di una eccezionale padronanza linguistica, ha dato alle sue composizioni una grande varietà di toni e di forme, privilegiando quelle che si discostavano dall’ordinario. Alcune sue belle poesie sono molto rispettose della musicalità e della metrica, altre, invece, sono quasi irrefrenabili, come il getto di lava, eruttata da un vulcano, prorompenti  e travolgenti come un fiume in piena.Tutte le sue composizioni, però, ci attraggono sempre perché in esse ritroviamo la sincera spontaneità dell’autore  che rifugge da svenevolezze o infingimenti ma si dimostra in grado di avvincerci con la grande forza espressiva ed immaginifica del suo linguaggio. Non è stato mai, né ha mai voluto esserlo, un poeta facile che amava seguire i dettami stilistici della corrente poetica più in voga. È stato, invece, una forte voce solitaria, diversa dalle altre e molto fiera della sua diversità. Per questo, come poeta, è stato e resterà un unicum, mai imitato e inimitabile. Ha scritto di vari argomenti e, tra tante opere, molti libri o raccolte di sue poesie, tra cui vanno ricordati: Erba novella,  del 1950, Suspire d’ammore e penziere, del 1951, Tavolozza napoletana, del 1962, Napoli in frak, del 1963, Napoli in pillole, del 1965, Scetate Napule, del 1966, Poesie napoletane, del 1967 e L’isola di Napoli, del 1973. A giudizio unanime della critica,il suo indiscusso capolavoro è stato “ ‘A pizza tutta Napule”  in cui, con una inesauribile cascata di terminidolcissimi, ha elevato un vero inno alla nostra pizzache non teme alcun confronto. La sua  forte personalità,unita al suo carattere un po’ particolare,  lo ha sempretenuto lontano da celebrate congreghe o salotti e questo avrà certamente nuociuto alla sua popolaritàed a quel successo, che egli, peraltro, non ha mai inseguito con la dovuta determinazione. E’ stato, inconclusione, un vero poeta “non facile” o forse un tantino complesso che già per questo meriterebbeuna più attenta rilettura e considerazione dei suoilavori, espressi nelle forme più varie, ma sempreimpregnati del forte senso della sua napoletanità!

*   *   *

Jolanda

di Giuseppe Cicala

 

Tu si’ chella ca addò passe

chill’addore ‘e primmavera

fatto ‘e vinte primmavere

mise nzieme, piglie e llasse !

**

E chill’uocchie addò nce luce

tutt’’o ffuoco d’’e vint’anne,

chilli dduje zampille ‘e fuoco,

addò ‘e puose, piglie e abbruce !

**

Tu si’ chella ca a chi vase

lieve ‘a vita e daje ‘a morte

e ‘a vita lieve  e morte daje

a chi sta speruto ‘e vase !

**

Comm’’o sole ca tramonta,

comm’’o mare quanno canta,

cantà faje e faje suspirà

comm’’a luna quanno sponta !

**

Tu si’ chella ca ‘o pittore

va cercanno e maje nun trova;

tu si’ chella ca ‘o pueta

vularrìa tenè int’’o core !

**

Tu si’ chella ca, ‘a ogne parte,

chi te chiamma e chi te sonna,

ca ogne artista te vulesse

ca si’ mamma e figlia ‘e ll’Arte!

**

Tu si’ ‘a Musica, ‘a Puisia..

tu si’ ‘o bronzo ‘e na scultura,

si’ ‘a canzone ca cummoglia

nu velo ‘e malincunia !

**

Curre..bella e ‘ndifferente

e nun guarde a chi te guarda

e nun siente a chi te chiamma

pe chiammà chi nun te sente !!

 

(Il testo è qui riprodotto quale ci è pervenuto)

 

 

‘O cunziglio d’’o nonno

di Giuseppe Cicala

**

Lunnerì sera i’ stevo frasturnato

e nun tenevo proprio niente ‘a fa’.

Penzaje : “ Embè, nun aggio maje pruvato

a fa’ dduje vierze ‘e primma qualità !

Me metto cu ‘a cuscienza e cu ‘o dicòro

e cerco ‘e fa’ quacche capulavoro !”

**

Ciento cinquanta libbre m’accattaje,

seje chile ‘e carta janca o forze ‘e cchiù,

po’ ncoppa ‘a screvania nce piazzaje

nu vaso cu tre llitre ‘e gnosta blu,

penzanno : “ Nella mia sì verde etade

or mostrerò la mia nobilitade !!”

**

E stette na nuttata adderettura

nnanz’a sti ccarte a me svertecellà.

Dicevo : “ Ma ched’è ? na jettatura?

I’ cca nun songo buono a verziggià?

Eppure, nce ne stanno ‘e sti scamette

ca sciveno nu cuofeno ‘e puemette!!

**

Passaje tre nuttate sane sane

a spremmerme ‘o cerviello senza fa’

na vrenzula ‘e nu vierzo, ma cu ‘e mmane

miezo ‘e capille sempe a..me rattà.

Po’ cu ‘e ddete nzevose ‘e brillantina

facevo llibre e carte…una mappina.

**

E quanno ‘o vierzo ascette, ‘o cancellaje,

po’ ne screvette n’ato…dduje…tre,

jenchette tutt’’o foglio, po’ ‘o stracciaje,

dicenno : “ Nun so’ vierze degne ‘e me !

Mannaggia ‘o suricillo e ‘a pezza nfosa.

mo appiccio carte, libre e tuttecosa !”

**

Po’, finalmente, comme Ddio ha vuluto,

songo arrivato a fa’ nu madrigale ;

ma… francamente…nun m’è piaciuto

…nun era na cosetta originale.

“ Ma i’ voglio fa’ mpressione a tuttequante,

voglio fa’ piglià scuorno pure a Dante !..”

**

Dicenno chesto, m’ha pigliato ‘o suonno

ncoppa ‘o puema ca i’ vulevo fa’ ;

mentre durmevo, aggio sunnato ‘o nonno

ca veneva currenno ‘a ll’aldilà

e cu na cera ha ditto : “ Galantò,

‘a vuò fernì ‘e fa’ ‘o fesso, si’ o no ?

**

Tu nun tiene sperienza, si’ guaglione,

‘e vierze so’…na cosa bella assaje,

ma quanno nun ce sta ll’ispirazione,

se perde ‘o tiempo e…songo brutte guaje !

Llassa fa’ ‘e vierze a chi già ‘e sape fa’!

Siente ‘o cunziglio mio : Vatte a cuccà !!”

 

   

(Il testo è qui riprodotto quale ci è pervenuto)

(Giugno 2021)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen