NEWS

LA CAPPELLA DEL BUON CONSIGLIO ALLA “SANTARELLA”   di Sergio Zazzera   L’8 dicembre scorso è stata riaperta al culto, dopo circa quindici anni di...
continua...
  Miti napoletani di oggi. 55 IL NUOVO SIMBOLISMO NATALIZIO   di Sergio Zazzera   Sono molte, al mondo, le città che anelano a “toccare il cielo”:...
continua...
Le lettere di Sua Maestà   di Antonio La Gala   La corrispondenza che Ferdinando I Borbone  indirizzava alla seconda moglie, Lucia Migliaccio,...
continua...
Ferdinando aveva due Sicilie   di Antonio La Gala   Perché i Borbone erano re di Due Sicilie, visto che esiste una sola Sicilia? Per capirlo...
continua...
SI E’ CONCLUSO IL GIRONE D’ANDATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO   di Luigi Rezzuti   Ad aggiudicarsi il girone d’andata è stata, come da previsioni, la...
continua...
Miti napoletani di oggi.64 LA “CITTA' IMPERMEABILE”   di Sergio Zazzera   Walter Benjamin elaborò per Napoli la definizione di «città porosa», nel...
continua...
La Germania necessitata   di Marisa Pumpo   Sinossi del libro La Germania necessaria Nel 2012 la Germania non si presentava più solo quale attore...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   In uno dei nostri precedenti trafiletti, ci eravamo ripromessi, parlando delle iniziative di...
continua...
Il mercato calcistico del Napoli per gennaio   di Luigi Rezzuti   Il mercato calcistico di gennaio, chiamato anche mercato di riparazione,  si è...
continua...
SALUTE E BENESSERE Nuovi divieti sul fumo   di Luigi Rezzuti    Dal 2 febbraio sono entrate in vigore le nuove norme previste dal decreto legislativo...
continua...

Sinossi  “Il segreto di mastro Titta”

 

Nella Roma del 1823 di papa Pio VII, Battista Buratti, al secolo mastro Titta, che si considera “l’ultimo anello della giustizia papale”, è un uomo molto temuto.

Dotato di una notevole ironia, Battista conosce ogni sfaccettatura della vita nel senso che pratica anche la morte.

Quella degli altri, si capisce.

Battista è amico del marchese Prospero Ristori e di sua moglie Letizia, ma, soprattutto, è amico del loro giovane figlio Cosimo, un ragazzo intelligente ma scapestrato che non studia quanto dovrebbe e che è legato a Battista dal senso dell’ironia.

Il giovane nobile amoreggia con Benedetta Velami, figlia di Arnolfo Velami, il direttore generale delle finanze, uno degli uomini piu potenti dello Stato Pontificio, il quale è fortemente contrario all’unione dei due ragazzi, in quanto ha promesso sua figlia in sposa ad un altro imprenditore.

Per i due innamorati il matrimonio è quasi impossibile e la vicenda si complica quando Cosimo viene accusato di un omicidio che non ha commesso.

Mastro Titta avrà un gran da fare per fronteggiare quell’aspetto grottesco ma reale della vita, quando l’imbroglio e le complicazioni apparentemente insolubili hanno la prevalenza sulla logica e il buon senso. Ma il lato comico dell’esistenza umana, necessario per la sopravvivenza del giustiziere indicherà a mastro Titta la strada da percorrere.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen