NEWS

Raccontami una storia   di Mariacarla Rubinacci      C’era una volta Virus, un re crudele della dinastia Covid 19, che regnava a Corona, un Paese...
continua...
Ma a me, lei ci pensa ancora?   di Luigi Rezzuti   Francesco aveva quindici anni. Erano gli anni dei primi innamoramenti, amori teneri di un ragazzo...
continua...
Uno scugnizzo napoletano trasferito a Milano   di  Luigi Rezzuti   Mai nessuno mi chiamava Antonio. Sono nato a Napoli in un quartiere popolare e...
continua...
“L’ULTIMO SCUGNIZZO”   di Luigi Rezzuti   “L’ultimo scugnizzo” è una commedia in tre atti, rappresentata da Viviani per la prima volta nel 1932 al...
continua...
NAPOLETANA - Arte turca al CAM   Dal 18 novembre 2017 alle ore 18.00 presso il museo CAM si terrà Napoletana, a cura di Kani Kaya, mostra di 37...
continua...
MOTOCICLETTE CON SIDECAR   di Luigi Rezzuti   Le origini della motocarrozzetta risalgono alla fine del XIX secolo, quando un ufficiale dell’esercito...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
IL PALLINO DELLA GUERRA   di Luigi Rezzuti   Durante la permanenza militare all’ospedale militare, una mattina, arrivò l’ordine di una esercitazione...
continua...
Inquinamento marino   di Luigi Rezzuti   Con l’avvicinarsi dell’estate si ripresenta il problema dell’inquinamento marino. Il mar Mediterraneo...
continua...
L’antica chiesa di S. Gennariello   di Antonio La Gala   La chiesa più antica del Vomero è quella di S. Gennariello, in Via Cifariello, più nota...
continua...

ANTONIO LIGABUE

“Toni el pitur”, “el mat”

 

di Luigi Rezzuti

 

Antonio Ligabue i suoi quadri li aveva dipinti solo per sopravvivere, barattare una pietanza, una notte in un fienile, un cappotto smesso.

Nel 1928 lo scultore Marino Mazzacurati incontra Ligabue, ingolfato di fieno che teneva sotto gli stracci per ripararsi dal freddo.

Quello strano essere parlava un miscuglio di dialetto reggiano e di tedesco, era un evidente caso psichiatrico, dipingeva belve, ritratte in feroci combattimenti per l’esistenza, insomma una metafore del suo stesso sforzo per sopravvivere.

Mazzacurati lo ospitò a casa sua, ma Ligabue preferiva i fienili, le conigliere, gli scantinati.

Ingenuo, innocente, primitivo, oggi diremo naif, racconta la sua vena artistica come un essere infelice, solo e psichicamente disturbato.

Nacque nel 1899 da Elisabetta Costa e da padre ignoto, sin da bambino disegnava sempre, se non litigava o urlava o bestemmiava.

Il 9 agosto 1910 fu ospitato all’ospizio dei poveri con il compito di bracciante sugli argini del Po.

Il fiume con i suoi canneti diventa la sua selva, in cui la sua allucinata fantasia annida improbabili tigri aggressive, serpenti di lunghezza esagerata, gorilla, ragni colossali tra sfide selvagge.

Mentre egli entra ed esce dagli ospedali psichiatrici, cresce la curiosità al “fenomeno” artistico Ligabue.

Ormai la notizia del folle pittore raggiunge il critico Giancarlo Vigorelli che, nel 1961, organizza alla “Galleria La Barcaccia” di Roma, una mostra che sarà epocale per la fortuna di “Toni el mat” il quale con i soldi incassati dalla vendita dei suoi quadri, colleziona automobili e motociclette.

Vestito in modo elegante si faceva scorazzare per le strade da ben due “chaffeur” i quali avevano l’obbligo, non solo di aprirgli la portiera ma, di togliersi il berretto della divisa.

Osannato dalla critica, acclamato a Parigi per il sopraggiunto benessere diventa più furbo e quando può, si vendica dei molti, troppi che lo avevano deriso e bistrattato.

La cultura italiana è stata sempre presente alle mostre di “Toni el pitur mat”, da alberto Moravia ad Attilio Bertolucci, da Carlo Bo a Giuliano Serafino, da Raffaele Grada a Cesare Zavattini.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen