NEWS

Nati per donare?   Sabato 8 aprile, ore 17.30, via Cappella Vecchia, 8-b, 1° piano (citofono n. 1003), l’Associazione lucana Giustino Fortunato di...
continua...
I HAVE A DREAM   di Sergio Zazzera   “I have a dream”. Sì, senza volermi paragonare a Martin Luther King, e soprattutto senza volergli mancare di...
continua...
Miti napoletani di oggi.80 PIAZZALE TECCHIO   di Sergio Zazzera   Dopo via Cimarosa, tocca ora a piazzale Tecchio la sorte della pretesa (mitica,...
continua...
Ferdinando aveva due Sicilie   di Antonio La Gala   Perché i Borbone erano re di Due Sicilie, visto che esiste una sola Sicilia? Per capirlo...
continua...
L’isolotto di Megaride tra mito e realtà   di Luigi Rezzuti   E’ di una decina di giorni fa la notizia che un gruppo di archeologi subacquei si sono...
continua...
Il valore della formazione   di Gabriella Pagnotta   Questo articolo è rivolto a chi, come me, vive le richieste, da una parte, di una scuola alla...
continua...
La D’Ovidio Nicolardi fa il pieno all’open day   di Annamaria Riccio   Grande affluenza di genitori e studenti che, in una piovosa mattinata di...
continua...
Maturità alle porte - Riflessioni di una studentessa   di Irene Del Gaudio   Sono una studentessa. Liceale, ancora per poco. Si avvicina...
continua...
Appuntamenti internazionali alla libreria Iocisto   di Annamaria Riccio   Un’estate di appuntamenti internazionali che vede un’intensa attività nel...
continua...
Miti napoletani di oggi. 77 LA “SANT'ORSOLA” DI CARAVAGGIO   di Sergio Zazzera   Fiore all’occhiello della sede napoletana delle “Gallerie...
continua...

INCONTRO ANNUALE CON LA CULTURA

 

di Annamaria Riccio

 


Si è rinnovato anche quest’anno l’incontro con il mondo della cultura che vede nel festival della letteratura di Mantova, un momento di confronto con tematiche diverse, ritrovate in testi cartacei, multimediali, rappresentazioni, dibattiti. Tanti i settori, che vanno dalla letteratura classica a quella per ragazzi, dagli argomenti sociali a quelli scientifici. Grande partecipazione in una graziosa città medioevale che si affaccia su un lago in ingresso che fa da cornice ad una splendida cartolina che si presenta agli occhi del turista. Visitatori di tutte le età, di estrazione e interessi diversi, ma tutti impegnati in un convegno a città aperta. Nello scenario di questo evento non sono mancate argomentazioni scottanti che hanno toccato la cronaca e al politica giornalistica italiana e internazionale. Tra queste, il femminicidio e il giornalismo travestito, hanno riscosso grande interesse per i soggetti che purtroppo affollano le notizie delle testate. Femminicidio inteso come gelosia, come prevaricazione su chi viene considerato oggetto di desiderio e di proprietà, come soluzione per un mancato rapporto non più condiviso. E la condanna di esseri spregevoli che hanno abusato e torturato a morte la fanciulla indiana, ci viene ad esempio da un paese che riteniamo culturalmente carente. Alzi la mano chi non ha avuto un momento di soddisfazione e giustizia per la condanna dei responsabili. Ma in Italia le cose non vanno certo meglio: nell’ultimo decennio più di duemila femminicidi si sono consumati tra le mura domestiche. E gli episodi vanno aumentando.

Altra pagina quella del giornalismo d’inchiesta che vede nelle forme del travestimento e dell’inserimento sotto copertura, i reportage più drammatici di una realtà vera, senza alterazioni di cronaca, che mette a repentaglio la stessa vita dei protagonisti. E’ così che sono stati smascherati traffici illeciti internazionali, gestioni difficili degli immigrati, eventi politici e sociali da brivido.

Tutto questo è cultura, è cogliere secondo l’etimo della parola, il significato, la realtà, il valore del Tutto.

 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen