NEWS

Miti napoletani di oggi.43 “’O surdato ‘nnammurato”   di Sergio Zazzera   I conflitti bellici sono stati sempre occasione di nascita di canti, dei...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Audience tv: tutto si fa per te Ma datevi una regolata. Il potere di condurre talk show, seguiti da qualche...
continua...
Miti napoletani di oggi.58 IL CORTEO FUNEBRE   di Sergio Zazzera   Un mattino qualsiasi di un giorno qualsiasi, in una strada qualsiasi di un...
continua...
La Posillipo di Virgilio   di Antonio La Gala     Il grande poeta Publio Virgilio Marone ebbe il primo contatto con Napoli quando decise di studiare...
continua...
Il gatto armonico, libri e idee per crescere   I laboratori di aprile con la scrittrice Maria Strianese (dillo a un amico). Il prato delle favole -...
continua...
“L’ULTIMO SCUGNIZZO”   di Luigi Rezzuti   “L’ultimo scugnizzo” è una commedia in tre atti, rappresentata da Viviani per la prima volta nel 1932 al...
continua...
Calciomercato invernale 2016   di Luigi Rezzuti   Si è concluso, da appena un mese, il girone di andata del campionato italiano di calcio ed è subito...
continua...
BABBO NATALE   di Luigi Rezzuti   Era una notte fredda, una notte fredda e buia. Gigetto era accoccolato sul davanzale della finestra ad osservare...
continua...
Donne e Madonne   Al via la quarta edizione della Mostra Concorso "Mare Mota", che avrà per oggetto il tema intrigante "Donne e Madonne" e si terrà...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...

E’ TEMPO DI CASTAGNE

 

Il castagno è una pianta antichissima, presente allo stato selvatico nella zona mediterranea fin dai tempi preistorici.

La differenza che passa tra una castagna e un marrone è che la prima è il frutto dell’albero selvatico e il secondo di quello coltivato con caratteristiche standardizzate.

Questo frutto è tipicamente autunnale, le castagne cadono spontaneamente e nei mesi che vanno da settembre a dicembre vengono raccolte anche due volte al giorno.

L’Italia ha il primato della produzione di castagne. In Campania si coltiva un terzo dell’intera produzione nazionale, famose sono le castagne che si coltivano a Montella in provincia di Avellino.

Il territorio è prevalentemente montuoso e ricco di boschi dove, oltre alle castagne, si possono raccogliere funghi e tartufi.

La castagna prodotta a Montella è considerata tra le migliori prodotte in Italia, grazie alla composizione del terreno e al clima favorevole.

Alla castagna di Montella è stato dato il riconoscimento del marchio I.G.P.

Il paese, allo scopo di valorizzare i prodotti del proprio territorio, organizza, da ottobre a novembre la sagra della castagna.

La sagra che si celebra da circa dieci anni ha reso famoso il paese e le zone circostanti.

Le castagne sono un frutto ricco di vitamine, potassio, carboidrati e fibre, la città di Napoli è presente nella storia di questo frutto per la tradizione delle caldarroste ma anche per quanto concerne i marrons glacés di cui si iniziò a parlare nel ‘700, leccornia immancabile nei banchetti dei nobili napoletani.

Questo frutto lo si può gustare arrostito, lesso, secco, sotto forma di marmellata o come dolce.

Nel periodo post-bellico le castagne hanno rappresentato la principale fonte alimentare dei napoletani durante l’autunno e i lunghi inverni.   ( LU.RE.)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen