NEWS

Credenze napoletane (1) Riti e superstizioni   di Alfredo Imperatore   Se c’è una credenza che accomuna tutte le persone, nei vari angoli della...
continua...
Miti napoletani di oggi.62 L’EXTRACOMUNITARIO   di Sergio Zazzera   Il fenomeno dell’immigrazione, soprattutto dai paesi africani, è divenuto...
continua...
Un uomo pigro   di Luigi Rezzuti   Sono stanco, tanto stanco, sono stanco di essere stanco, non amo passeggiare, non amo fare shopping, mi annoio...
continua...
IL FURTO DEL “CAPPELLO” DI KOUNELLIS   di Sergio Zazzera   E’ del 4 marzo la notizia del furto del “Cappello”, elemento dell’installazione...
continua...
LA STORIA DEL CORONAVIRUS   di Luigi Rezzuti     Già a novembre e forse anche ad ottobre il coronavirus aveva iniziato a circolare in Cina, in...
continua...
UN’ESCURSIONE SUL VESUVIO   di Luigi Rezzuti   Fin da bambino mi ha intrigato questa montagna che fa da sfondo al golfo di Napoli. Ricordo che, da...
continua...
Parlanno ’e poesia   di Romano Rizzo   Ernesto Ascione. Ernesto Ascione, apprezzato ed affermato nell’arte della fotografia, solo in tarda età si...
continua...
“L’ULTIMO SCUGNIZZO”   di Luigi Rezzuti   “L’ultimo scugnizzo” è una commedia in tre atti, rappresentata da Viviani per la prima volta nel 1932 al...
continua...
Maggio dei monumenti   di Luigi Rezzuti   Come ogni anno, il mese di maggio è dedicato ai monumenti e quest’anno il tema della venticinquesima...
continua...
Il Leicester vince il campionato di calcio inglese   di Luigi Rezzuti   In un campionato di calcio pulito, come quello inglese, può vincere anche una...
continua...

E’ TEMPO DI VENDEMMIA

 

Secondo la leggenda fu il dio greco ad insegnare ai comuni mortali a coltivare la vite, alcune fonti fanno risalire le prime piantagioni a 8000 anni fa.

L’uva è ricca di ferro, potassio e vitamine, questo frutto ha proprietà antiossidanti che aiutano a ridurre il colesterolo.

Caravaggio volle dipingere “Bacco”, il dio del vino, col volto di un giovane con in testa una corona di foglie d’uva e tra le dita una coppa di vino.

In antichità l’uva era usata esclusivamente per produrre vino, bevanda considerata da greci e romani un medicamento se consumato diluito con acqua.

In tempi più recenti l’uva trova posto sulle tavole sotto forma di vino, da qui il nome di “vino da tavola”.

In materia di produzione , l’Italia è al quarto posto tra i maggiori coltivatori, con una produzione a Sud di circa 13 milioni di quintali sui 170 totali prodotti nel mondo, senza contare, poi, i tantissimi coltivatori privati che producono vini per loro stessi.

Di questa grande carica produttiva sono appunto le regioni meridionali che hanno le maggiori estensioni di terreni coltivati a vite.

Tra queste spiccano la Campania, la Puglia e la Sicilia.

Ci sono diverse e svariate qualità di uva tra le più note l’uva fragola, regina, cornicella e sibibbio.

L’uva fragola è un frutto antichissimo, ancora oggi coltivata sia per il consumo diretto sia per fare un vino al gusto di fragola.

L’uva oltre ad essere ricca di ferro, potassio e vitamine è anche diuretica, lassativa e disintossicante ma è sconsigliabile per chi soffre di diabete, ulcera gastrica e colite.

La vendemmia, cioè la raccolta dei grappoli d’uva, avviene quando è al giusto punto di maturazione ed il periodo cambia secondo le condizioni atmosferiche, infatti, può essere anticipata se l’annata è stata più calda e rimandata se la stagione è stata più fredda.

La vendemmia, comunque, si effettua tra fine settembre e fine ottobre.

I risultati positivi del vino Made in Italy sono confermati dalla crescita record fatta registrare nel mondo con un aumento delle esportazioni dovuta a una maggiore richiesta sia dei mercati dell’UE che quelli statunitense. (LU.RE.)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen