NEWS

Miti napoletani di oggi.78 “MANI SULLA CITTA'”   di Sergio Zazzera   La formula “mani sulla città” richiama alla mente, in maniera immediata,...
continua...
Nascita della stazione di Napoli Centrale   di Antonio La Gala   Tutti i napoletani, quelli meno giovani, per esperienza diretta, gli altri,...
continua...
MAGGIO DEI MONUMENTI   di Luigi Rezzuti   La 24° edizione del “Maggio dei Monumenti” è partita il 28 aprile per terminare il 3 giugno...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Antonio Poli debutta nel ruolo de Il Duca di Mantova nella nuova produzione di “Rigoletto”, in scena...
continua...
STORIE DI CERAMICA     (Giugno 2018)
continua...
LA STORIA DEL CORONAVIRUS   di Luigi Rezzuti     Già a novembre e forse anche ad ottobre il coronavirus aveva iniziato a circolare in Cina, in...
continua...
IL "PREMIO CERINO"   (Maggio 2016)
continua...
Miti napoletani di oggi.59 LE INAUGURAZIONI   di Sergio Zazzera   28 marzo 2011: al Vomero, in località Cacciottoli, si svolge, con grande...
continua...
SVEGLIA! Edizioni Spartaco al Salone internazionale del libro di Torino Lingotto Fiere - Dal 18 al 22 maggio Stand J38   Intenso, corposo, amaro: è...
continua...
BROCCOLINCOLLINA Il VOMERO, un quartiere che rappresenta un unicum a Napoli ed in Italia. Una vera città nella città, con una storia, un patrimonio...
continua...

E’ TEMPO DI VENDEMMIA

 

Secondo la leggenda fu il dio greco ad insegnare ai comuni mortali a coltivare la vite, alcune fonti fanno risalire le prime piantagioni a 8000 anni fa.

L’uva è ricca di ferro, potassio e vitamine, questo frutto ha proprietà antiossidanti che aiutano a ridurre il colesterolo.

Caravaggio volle dipingere “Bacco”, il dio del vino, col volto di un giovane con in testa una corona di foglie d’uva e tra le dita una coppa di vino.

In antichità l’uva era usata esclusivamente per produrre vino, bevanda considerata da greci e romani un medicamento se consumato diluito con acqua.

In tempi più recenti l’uva trova posto sulle tavole sotto forma di vino, da qui il nome di “vino da tavola”.

In materia di produzione , l’Italia è al quarto posto tra i maggiori coltivatori, con una produzione a Sud di circa 13 milioni di quintali sui 170 totali prodotti nel mondo, senza contare, poi, i tantissimi coltivatori privati che producono vini per loro stessi.

Di questa grande carica produttiva sono appunto le regioni meridionali che hanno le maggiori estensioni di terreni coltivati a vite.

Tra queste spiccano la Campania, la Puglia e la Sicilia.

Ci sono diverse e svariate qualità di uva tra le più note l’uva fragola, regina, cornicella e sibibbio.

L’uva fragola è un frutto antichissimo, ancora oggi coltivata sia per il consumo diretto sia per fare un vino al gusto di fragola.

L’uva oltre ad essere ricca di ferro, potassio e vitamine è anche diuretica, lassativa e disintossicante ma è sconsigliabile per chi soffre di diabete, ulcera gastrica e colite.

La vendemmia, cioè la raccolta dei grappoli d’uva, avviene quando è al giusto punto di maturazione ed il periodo cambia secondo le condizioni atmosferiche, infatti, può essere anticipata se l’annata è stata più calda e rimandata se la stagione è stata più fredda.

La vendemmia, comunque, si effettua tra fine settembre e fine ottobre.

I risultati positivi del vino Made in Italy sono confermati dalla crescita record fatta registrare nel mondo con un aumento delle esportazioni dovuta a una maggiore richiesta sia dei mercati dell’UE che quelli statunitense. (LU.RE.)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen