NEWS

Maturità alle porte - Riflessioni di una studentessa   di Irene Del Gaudio   Sono una studentessa. Liceale, ancora per poco. Si avvicina...
continua...
Pensieri ad alta voce di Marisa Pumpo Pica   Revisionare Dante?      Sul filo dei nostri “Pensieri ad alta voce”,  questa volta è di scena Dante....
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Diritti negati Corrado Augias, prestigioso giornalista e scrittore non credente, coltiva l’interesse per la...
continua...
CHAMPIONS LEAGUE - OTTAVI DI FINALE   di Luigi Rezzuti     Martedì 7 marzo 2017, ore 20,45, rullo di tamburi, lo spettacolo ha inizio. Bambini,...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Ma Vespa non è poi così insostituibile Parla a vanvera chi della Rai ha percezione, dal divano di casa,...
continua...
Il Leicester vince il campionato di calcio inglese   di Luigi Rezzuti   In un campionato di calcio pulito, come quello inglese, può vincere anche una...
continua...
"CONCERTO PER ARCHI E FILI D'ERBA"  
continua...
L’OSSESSIONE DELLE VACANZE ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   La vacanza è un diritto inalienabile. Una volta, tanti anni fa, era un lusso solo per...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   Effetto infestante dei migranti Ecco l’incipit di questa nota: la gramigna, la parietaria, i trifogli, invadono i...
continua...
Miti napoletani di oggi.64 LA “CITTA' IMPERMEABILE”   di Sergio Zazzera   Walter Benjamin elaborò per Napoli la definizione di «città porosa», nel...
continua...

Miti napoletani di oggi.7

LO SCUGNIZZO DELLE QUATTRO GIORNATE

 

di Sergio Zazzera

 


Una maniera oleografica di affrontare il tema delle Quattro Giornate di Napoli ha fatto dello scugnizzo una sorta di simbolo dell’insurrezione dedicando alla sua immagine finanche il monumento ufficiale, realizzato da Marino Mazzacurati (1963) e collocato in piazza della Repubblica, alla medesima maniera in cui alla sua figura è riservato un ruolo di primo piano nel film di Nanni Loy, Le Quattro Giornate di Napoli (1962). In altri termini, sembrerebbe quasi che a ribellarsi alla violenza nazifascista a Napoli, prima città in Europa, sia stato soltanto un manipolo di ragazzini, che l’odierno sociologo definirebbe “a disagio”.

Ed è proprio qui il nocciolo del mito. Non v’è dubbio, infatti, che giovanissimi napoletani, provenienti anche da famiglie e ambienti estremamente popolari, abbiano contribuito all’espulsione del nemico-già-alleato, talvolta cadendo anche in combattimento: fra tutte giova ricordare le figure di Filippo Illuminato e di Gennarino Capuozzo. Alla liberazione di Napoli, però, provvide l’intera popolazione – uomini e donne, giovani e anziani, perfino il clero, ciascuno nel ruolo a sé più confacente –, per una motivazione, che non era soltanto politica, bensì anche economica, giacché, proprio come nel 1647, anche nel 1943 una guerra insensata aveva indotto tra il popolo napoletano la fame. Ma ciò che più spiace è il fatto che ad alimentare questo mito sia stata la penna dello scrittore e artista Edoardo Pansini, padre di Adolfo, che fu la più illustre fra le vittime dell’episodio conclusivo della rivolta, vale a dire, l’eccidio di Pezzalonga, quasi che il ruolo di tutta la rimanente parte della popolazione della città fosse stato di mero contorno.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen