NEWS

Cara  Matera,  ti  scrivo…..               di  Mariacarla Rubinacci   Sono arrivata una mattina di sole, ho bussato alla tua porta, ricordi?, e tu...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni    Stupri? Colpa delle donne, dice Chrissie Un’ipotesi possibile nasce dalla biografia di tale Chrissie Hynde,...
continua...
"Una legge per i matti: quarantanni dopo Basaglia". Presentati i Colloqui di Salerno a cura di Vincenzo Esposito e Francesco G. Forte   di Claudia...
continua...
GRETA THUNBERG, l’Eroina del 2019   di Mariacarla Rubinacci       Irriverente, sfidante dei leader del mondo, inermi nella loro incapacità di...
continua...
DON ANTONIO CAFIERO   di Luigi Rezzuti     Don Antonio Cafiero era nato e vissuto nei Vergini, un quartiere di Napoli. Amava Napoli e il Napoli. Era...
continua...
Ma a me, lei ci pensa ancora?   di Luigi Rezzuti   Francesco aveva quindici anni. Erano gli anni dei primi innamoramenti, amori teneri di un ragazzo...
continua...
LA SAGRA DELLA CASTAGNA   di Luigi Rezzuti   Ottobre e novembre sono i mesi delle castagne e la nostra Regione offre l’imbarazzo della scelta per...
continua...
UN NATALE DA FAVOLA   Domenica 18 dicembre, ore 10-13, Giardini dell'Ippodromo di Agnano, presso Mercatino Contadino, lettura di favole di Natale...
continua...
CLAMOROSA INCHIESTA SULLA JUVENTUS   a cura di Luigi Rezzuti   Quando dai social si è saputo che il 22 ottobre 2018 la famosissima trasmissione...
continua...
Gli studenti ignoranti   di Annamaria Riccio   Una lettera, firmata da 600 docenti universitari e indirizzata al governo, ha suscitato non poco...
continua...

Miti napoletani di oggi.7

LO SCUGNIZZO DELLE QUATTRO GIORNATE

 

di Sergio Zazzera

 


Una maniera oleografica di affrontare il tema delle Quattro Giornate di Napoli ha fatto dello scugnizzo una sorta di simbolo dell’insurrezione dedicando alla sua immagine finanche il monumento ufficiale, realizzato da Marino Mazzacurati (1963) e collocato in piazza della Repubblica, alla medesima maniera in cui alla sua figura è riservato un ruolo di primo piano nel film di Nanni Loy, Le Quattro Giornate di Napoli (1962). In altri termini, sembrerebbe quasi che a ribellarsi alla violenza nazifascista a Napoli, prima città in Europa, sia stato soltanto un manipolo di ragazzini, che l’odierno sociologo definirebbe “a disagio”.

Ed è proprio qui il nocciolo del mito. Non v’è dubbio, infatti, che giovanissimi napoletani, provenienti anche da famiglie e ambienti estremamente popolari, abbiano contribuito all’espulsione del nemico-già-alleato, talvolta cadendo anche in combattimento: fra tutte giova ricordare le figure di Filippo Illuminato e di Gennarino Capuozzo. Alla liberazione di Napoli, però, provvide l’intera popolazione – uomini e donne, giovani e anziani, perfino il clero, ciascuno nel ruolo a sé più confacente –, per una motivazione, che non era soltanto politica, bensì anche economica, giacché, proprio come nel 1647, anche nel 1943 una guerra insensata aveva indotto tra il popolo napoletano la fame. Ma ciò che più spiace è il fatto che ad alimentare questo mito sia stata la penna dello scrittore e artista Edoardo Pansini, padre di Adolfo, che fu la più illustre fra le vittime dell’episodio conclusivo della rivolta, vale a dire, l’eccidio di Pezzalonga, quasi che il ruolo di tutta la rimanente parte della popolazione della città fosse stato di mero contorno.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen