NEWS

UN’ESCURSIONE SUL VESUVIO   di Luigi Rezzuti   Fin da bambino mi ha intrigato questa montagna che fa da sfondo al golfo di Napoli. Ricordo che, da...
continua...
INDRO MONTANELLI, TRA “MONUMENTI” E “FACCETTE NERE”   di Sergio Zazzera   Premetto che con Indro Montanelli ho avuto, da una cinquantina d’anni a...
continua...
Il cervello anarchico – Enzo Soresi   di Luciana Alboreto   SIN è la sigla della “Società Italiana di Neurologia” che, dal 14 al 20 marzo 2016,...
continua...
Quell’avventura di una notte di 50 anni fa   di Luigi Rezzuti   Il mondo si divide fra quelli capaci di avere l’avventura di una notte e quelli che,...
continua...
Cetara al simposio internazionale in Giappone   di Claudia Bonasi     Cetara partecipa, da protagonista, in Giappone, al simposio internazionale “La...
continua...
EDUARDO DOPO EDUARDO   di Sergio Zazzera   Durante la sua vita, Eduardo de Filippo concesse i diritti di rappresentazione dei suoi testi teatrali...
continua...
Ferdinando aveva due Sicilie   di Antonio La Gala   Perché i Borbone erano re di Due Sicilie, visto che esiste una sola Sicilia? Per capirlo...
continua...
SILVIO PERRELLA IN VIAGGIO NELLA LETTERATURA ITALIANA   Alla Feltrinelli di piazza dei Martiri, giovedì 9 giugno dalle ore 18, Silvio Perrella in...
continua...
Luca Postiglione. La vita come un sogno dorato   di Antonio La Gala   Luca Postiglione (1876-1936) fu un artista - pittore e poeta - attivo nei...
continua...
Villa Regina al Vomero    di Antonio La Gala   Le residenze, che in età vicereale cominciarono ad insediarsi sulla collina vomerese, si...
continua...

IL PROFESSORE VITO TELESE

 

di Peppe Iannicelli

 

Il professore Vito Telese è un  personaggio straordinario.

Ama il calcio, il latino e le canzoni classiche napoletane.

La sua passione calcistica ha i colori della Battipagliese ( è nato nella Piana del Sele) e della Salernitana ( vive da anni nel capoluogo), ma guarda con simpatia anche alla casacca azzurra del Napoli.

Bravo, un esempio di Campania Felix calcistica. Telese è l’archetipo del dotto non saccente, dello studioso, capace di rendere divertente anche la fatica dell’apprendere.

Lo sanno bene le migliaia di alunni che ha formato dalla sua cattedra. Lo sanno bene coloro che, dapprima con stupore poi con crescente entusiasmo, l’hanno ascoltato al pianoforte.

Le sue dita scorrono agili sui tasti bianchi e neri, dalla sua bocca sgorgano le melodie più belle della canzone partenopea tradotte in latino.

Altro che lingua morta! Il professore Telese riesce, con le sue traduzioni originali, a rendere in pieno tutto il sentimento di canzoni immortali.

Volete un esempio ? Ecco la celebre strofa di ‘O sole mio” tradotta nella lingua di Virgilio.

 

Ma n’atu sole  cchiù bello, oj né,

’o sole mio- sta ’nfronte a te!

’O sole, ’o sole mio

Sta ’nfronte a te, sta ’nfronte a te!

 

Sed alter sol / pùlchrior, o mea,

meus proprius sol / est in tua fronte!

Et sol / meus proprius sol

est in tua fronte /  est in tua fronte!

 

Ed ancora,  il Monastero di Santa Chiara con la sua carica di nostalgia:

 

Verum non est!... Crèdere nolo!…

Ac Neapolim redìre_ego percùpio…

Sed fàciam quid? Valde me terret eo redìre!

 

No, nun è overo!… No, nun ce crero!…

E mmoro pe’ ’sta smania  ’e turna’ a Nnapule…

Ma ch’ aggia fa’? Me fa paura ’e ce turna’!

 

Il repertorio telesiano si estende a tutto il pentagramma partenopeo.

Tanto amore per Napoli e per la sua cultura merita una standing ovation.

Ci serve a ricordare le gloriose radici di una tradizione artistica e letteraria che troppe volte finisce nell’oblio, soffocata tra cumuli di rifiuti, malaffare e becera violenza metropolitana.

Quando viene la voglia di scappare da Napoli, un pensiero poetico può aiutare a sopportare la durezza del vivere quotidiano.

Certo una finta di Maradona scioglie il sangue delle vene, ma una rete di Higuain o una rasoiata di Hamsik possono comunque riscaldare il cuore.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen