NEWS

Miti napoletani di oggi.60 ELENA FERRANTE   di Sergio Zazzera   Ora dico una banalità. La storia e il mito sono entrambi prodotti dell’uomo: la...
continua...
Miti napoletani di oggi.64 LA “CITTA' IMPERMEABILE”   di Sergio Zazzera   Walter Benjamin elaborò per Napoli la definizione di «città porosa», nel...
continua...
UNA SORGENTE DI ACQUA DOLCE IN MEZZO AL MARE   di Luigi Rezzuti   Nella splendida costa orientale della Sardegna, tra le splendide calette del Golfo...
continua...
FINALMENTE RISOLTO IL MISTERO DEL TRIANGOLO DELLE BERMUDA   di Luigi Rezzuti   Ormai tutti conoscono, almeno per sentito dire, il Triangolo delle...
continua...
Venghino signori, ecco il borgo dove le case si vendono ad un euro   di Luigi Rezzuti   Comprare una casa, o meglio un rudere, a 1 euro, da oggi, è...
continua...
Ferdinando aveva due Sicilie   di Antonio La Gala   Perché i Borbone erano re di Due Sicilie, visto che esiste una sola Sicilia? Per capirlo...
continua...
TEATRO BOLIVAR - start up stagione 2016/2017   DUETTI 200 grammi di teatro a sera direzione artistica Ettore Nigro e David Jentgens   29|30...
continua...
Parlanno ’e poesia 4 - Giovanni Boccacciari   di Romano Rizzo   Una fìgura di primo piano, nel panorama della poesia napoletana è stata, senza dubbio,...
continua...
Maturità alle porte - Riflessioni di una studentessa   di Irene Del Gaudio   Sono una studentessa. Liceale, ancora per poco. Si avvicina...
continua...
BREVE TRATTATO SUL LECCHINO     Biblio-mediateca  ETHOS e NOMOS - Via Bernini 50 (scala B) – Napoli. Presentazione del libro di Antimo  Cesaro, BREVE...
continua...

IL PROFESSORE VITO TELESE

 

di Peppe Iannicelli

 

Il professore Vito Telese è un  personaggio straordinario.

Ama il calcio, il latino e le canzoni classiche napoletane.

La sua passione calcistica ha i colori della Battipagliese ( è nato nella Piana del Sele) e della Salernitana ( vive da anni nel capoluogo), ma guarda con simpatia anche alla casacca azzurra del Napoli.

Bravo, un esempio di Campania Felix calcistica. Telese è l’archetipo del dotto non saccente, dello studioso, capace di rendere divertente anche la fatica dell’apprendere.

Lo sanno bene le migliaia di alunni che ha formato dalla sua cattedra. Lo sanno bene coloro che, dapprima con stupore poi con crescente entusiasmo, l’hanno ascoltato al pianoforte.

Le sue dita scorrono agili sui tasti bianchi e neri, dalla sua bocca sgorgano le melodie più belle della canzone partenopea tradotte in latino.

Altro che lingua morta! Il professore Telese riesce, con le sue traduzioni originali, a rendere in pieno tutto il sentimento di canzoni immortali.

Volete un esempio ? Ecco la celebre strofa di ‘O sole mio” tradotta nella lingua di Virgilio.

 

Ma n’atu sole  cchiù bello, oj né,

’o sole mio- sta ’nfronte a te!

’O sole, ’o sole mio

Sta ’nfronte a te, sta ’nfronte a te!

 

Sed alter sol / pùlchrior, o mea,

meus proprius sol / est in tua fronte!

Et sol / meus proprius sol

est in tua fronte /  est in tua fronte!

 

Ed ancora,  il Monastero di Santa Chiara con la sua carica di nostalgia:

 

Verum non est!... Crèdere nolo!…

Ac Neapolim redìre_ego percùpio…

Sed fàciam quid? Valde me terret eo redìre!

 

No, nun è overo!… No, nun ce crero!…

E mmoro pe’ ’sta smania  ’e turna’ a Nnapule…

Ma ch’ aggia fa’? Me fa paura ’e ce turna’!

 

Il repertorio telesiano si estende a tutto il pentagramma partenopeo.

Tanto amore per Napoli e per la sua cultura merita una standing ovation.

Ci serve a ricordare le gloriose radici di una tradizione artistica e letteraria che troppe volte finisce nell’oblio, soffocata tra cumuli di rifiuti, malaffare e becera violenza metropolitana.

Quando viene la voglia di scappare da Napoli, un pensiero poetico può aiutare a sopportare la durezza del vivere quotidiano.

Certo una finta di Maradona scioglie il sangue delle vene, ma una rete di Higuain o una rasoiata di Hamsik possono comunque riscaldare il cuore.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen