NEWS

BOCCA   DI   PIETRA, di   Maria  Cristina  Alfieri   di Luigi Alviggi   Opera d’esordio nel campo letterario dell’Autrice (Milano, 1968) -...
continua...
LARGO O PIAZZA?   di Antonio La Gala     Spesso nel leggere cose della Napoli antica ci imbattiamo in denominazioni stradali che ci lasciano...
continua...
MONDIALI DI CALCIO 2018   di Luigi Rezzuti   Dal 14 giugno al 15 luglio, trentadue giorni di sfida tra 32 squadre nazionali di ogni continente,...
continua...
L’antica chiesa di S. Gennariello   di Antonio La Gala   La chiesa più antica del Vomero è quella di S. Gennariello, in Via Cifariello, più nota...
continua...
Riceviamo e pubblichiamo   L’ Associazione lucana “Giustino Fortunato” è lieta di comunicare che, in occasione della collocazione del proprio...
continua...
BUON COMPLEANNO, TOTO’   di  Luigi Rezzuti   Antonio De Curtis, per tutti  Totò, il “principe della risata”, destinato a riempire i teatri e le sale...
continua...
MAGGIO DEI MONUMENTI   di Luigi Rezzuti   La 24° edizione del “Maggio dei Monumenti” è partita il 28 aprile per terminare il 3 giugno...
continua...
Pensieri ad alta voce di Marisa Pumpo Pica   Un Natale diverso   Lo vorremmo per tutti. Lo vorremmo per i barboni, costretti troppo spesso a finire...
continua...
Pazze strisce pedonali   di Annamaria Riccio   Nella logica delle cose c’è un prodotto che scaturisce da una motivazione, che ne ha indotto...
continua...
MILLE VOCI PER AMATRICE   di ANNAMARIA RICCIO   Il cuore della D’Ovidio Nicolardi questa volta batte per Amatrice. Un concerto al cinema Plaza lo...
continua...

SIMON KEENLEYSIDE a BLINDARTE

 

Nearly all forgiven. Oil on linen. 2009-13

La Blindarte è lieta di annunciare l’apertura della mostra Back to the World, personale di Simon Keenleyside, sabato 12 ottobre 2013 dalle ore 18 fino a tardi. La mostra sarà aperta fino all'8 Novembre e dal 12 Dicembre al 10 Gennaio 2014 tutti i giorni feriali salle 10 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 19.

Nato nell'Essex in Inghilterra nel 1975, Simon Keenleyside nel corso degli anni è diventato noto per uno stile di pittura che trae ispirazione ugualmente dalla tradizione della pittura paesaggistica inglese e dall'astrazione moderna. Diplomato al Royal College of Art di Londra, Keenleyside è stato celebrato per la sua magistrale capacità di manipolare la prospettiva e la profondità di campo con una maniera personale e sempre riconoscibile. Le fonti d'ispirazione dell'artista sono i paesaggi del suo ambiente familiare nell'Essex, comprese le rive del Tamigi e dei boschi che era solito frequentare da bambino, due siti che hanno indotto l'artista ad interrogarsi sulla comprensione ontologica del luogo. Sebbene i riferimenti ai paesaggi rimangano prevalenti nel lavoro, recentemente l'artista britannico si è allontanato dalla raffigurazione dello spazio fisico e posta una maggiore enfasi sull'evocazione degli stati mentali, dei desideri e delle ansie che lo accompagnano durante i suoi viaggi nella regione. Il suo intento di sperimentare con il formalismo e i materiali gli permette di trasmettere allo spettatore la sua esperienza visiva ed emozionale, ritraendo il paesaggio circostante non nella sua forma naturale ma nella sua visione policromaticamente onirica. Dunque Keenleyside ha studiato ancora più nel dettaglio le possibilità della pittura, scoprendo nuovi particolari di luoghi a lui già conosciuti e creando riverberi di memoria che suggeriscono l'impossibilità del loro pieno recupero, così come le limitazioni della pittura stessa. Il titolo della mostra "Ritorno al Mondo" è un riferimento ad Agnes Martin, alla sua lunga ricerca durante gli anni di isolamento in New Mexico ed alle opere pittoriche astratte di quel periodo, ispirate dall'assoluta calma e tranquillità, "come se fossero state prodotte senza alcun riferimento al nostro mondo". Sul significato della pittura indaga anche Keenleyside, ma lo fa con un uso diretto del paesaggio che lo circonda, concentrandosi a pieno su quello che è effettivamente il soggetto rappresentato nel dipinto, il reale protagonista dell'opera. L'artista ha esposto in numerose mostre nel Regno Unito, in Danimarca, in America ed in Italia. Nel 2002 ha vinto il BOC Emerging Artist Award e nel 2004 il Lexmark European Art Prize. Le sue opere sono presenti in importanti collezioni come la Boc group, Comme de Garcons, Hiscox plc, Mario Testino, Amlyn Collection, Marsh McLennan, RCA Collection, TI Group.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen