NEWS

PER_FORMARE UNA COLLEZIONE   Venerdì 22 giugno alle ore 19.00 il Museo Madre inaugurerà il nuovo capitolo del progetto in progress  “Per_formare  una...
continua...
OPERAZIONE SAN GENNARO   di Sergio Zazzera     Non è del film di Dino Risi che intendo occuparmi, bensì della recente vicenda del decreto del...
continua...
BROCCOLINCOLLINA Il VOMERO, un quartiere che rappresenta un unicum a Napoli ed in Italia. Una vera città nella città, con una storia, un patrimonio...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Chi si arricchisce con la fornitura di armi al terrorismo? Non si ha notizia di inchieste giornalistiche sulla...
continua...
Gonsalvo Carelli da Ferdinando II a Margherita di Savoia   di Antonio La Gala      Nei primi decenni dell'Ottocento fiorirono a Napoli i pittori...
continua...
Natale alla Nicolardi tra bravura e solidarietà   di Annamaria Riccio   Come ormai è consuetudine, anche quest’anno alla scuola media “D’Ovidio...
continua...
CARMINE REZZUTI E QUINTINO SCOLAVINO ESPONGONO  AL MUSEO ARCHEOLOGICO DI NAPOLI   Dopo aver partecipato alle Biennali di Venezia, alle Quadriennali...
continua...
Miti napoletani di oggi.74 IL “CAFFE' SOSPESO”   di Sergio Zazzera   Che Napoli sia diventata, già da almeno un secolo e mezzo, la “patria” del...
continua...
TOTONNO ’E  QUAGLIARELLE   di Luigi Rezzuti   Totonno ’e quagliarelle era un personaggio di altri tempi, un uomo tutto di un pezzo, un napoletano...
continua...
COLPISCI  IL  TUO  CUORE, di Amélie Nothomb   di Luigi Alviggi   Profondo e toccante questo romanzo, decisamente una rassegna di personaggi esulanti...
continua...

Miti napoletani di oggi.8

TOTO’ E EDUARDO

 

di Sergio Zazzera

 

Nel presentare il saggio di Andrea Jelardi su Nino Taranto (A. Jelardi, Nino Taranto, Napoli 2012), ebbi ad affermare che nel celebre artista convergevano le tre possibili “anime” del napoletano – vale a dire, quella nobile, quella borghese e quella proletaria –, incarnate rispettivamente e individualmente da Totò, da Eduardo e da Raffaele Viviani. A ben riflettere, però, il mio discorso poteva reggere soltanto per quest’ultimo autore-attore, laddove l’idea del Totò-nobile e quella dell’Eduardo-borghese, pure abbastanza diffuse tra il pubblico, altro non sono, che miti; ma mi spiego.


Già le origini nobiliari di Totò sono tutt’altro che reali, dal momento ch’egli era stato adottato dal marchese Francesco Maria Gagliardi Focas nel 1933, all’età di 35 anni, mentre il padre naturale, Giuseppe De Curtis, lo riconobbe soltanto quattro anni dopo. Anche nelle vene di tanti personaggi da lui interpretati, inoltre – dal portinaio-ciabattino di San Giovanni decollato (regia: Amleto Palermi, 1940), allo sterratore Pasquale Miele, figura inventata per la versione cinematografica di Napoli milionaria (regia: Eduardo, 1950); dallo scrivano pubblico di Miseria e nobiltà (regia: Mario Mattoli, 1954), al magliaro di Totò e Peppino divisi a Berlino (regia: Giorgio Bianchi, 1962) –, scorre sangue tutt’altro che blu.


Quanto poi a Eduardo, le vicende della borghesia pervadono in maniera marcata soltanto il segmento più recente della sua produzione teatrale: si pensi agli Stigliano di Mia famiglia (1955), ai Savastano di Bene mio e core mio (1955), al Rocco Capasso di Dolore sotto chiave (1958) o ai Priore di Sabato, domenica e lunedì (1959). Viceversa, la loro proposta è preceduta da una fase di mero incontro fra borghesia e proletariato, che si fa avvertire in modo incisivo nelle figure di  Domenico Soriano e della protagonista in Filumena Marturano (1946) e in quelle dei Saporito e dei Cimmaruta ne Le voci di dentro (1948). A sua volta, inoltre, questa fase è preceduta da quella dominata addirittura in maniera esclusiva dal proletariato, rappresentato da personaggi, come Sik-Sik e Giorgetta di Sik-Sik, l’artefice magico (1929), i Cupiello di Natale in casa Cupiello (1931),  gli Jovine di Napoli milionaria (1945) o l’omonimo protagonista di De Pretore Vincenzo (1957).

Credo, dunque, di avere fatto ammenda del contributo da me stesso altrove offerto alla perpetuazione di questo mito napoletano contemporaneo.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen