NEWS

Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Antonio Poli debutta nel ruolo de Il Duca di Mantova nella nuova produzione di “Rigoletto”, in scena...
continua...
La Prima Edizione de “Il Presepe Vivente” a Boscotrecase (NA) nell’antica contrada Oratorio Una straordinaria occasione per conoscere vecchi mestieri e...
continua...
Un uomo pigro   di Luigi Rezzuti   Sono stanco, tanto stanco, sono stanco di essere stanco, non amo passeggiare, non amo fare shopping, mi annoio...
continua...
Dario Rezzuti, un pittore schivo e solitario   Dario Rezzuti è naro a Napoli nel 1957. Vive e lavora a Tito (PZ). Discende da una famiglia di artisti....
continua...
NON E’ MAI TROPPO TARDI IN AMORE   di Luigi Rezzuti   In primavera si organizzano sempre delle feste scolastiche, dove mi piace andare. Siamo tutti...
continua...
Miti napoletani di oggi.52 IL “CUOPPO”   di Sergio Zazzera   In senso proprio, a Napoli il cuóppo è il cartoccio a forma di cono capovolto; in...
continua...
Miti napoletani di oggi.48 LA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA   di Sergio Zazzera   Ogni qualvolta il discorso cada sul tema della criminalità organizzata,...
continua...
LA JUVE VINCE LO SCUDETTO IL NAPOLI VINCE LO SCUDETTO DELL’ONESTA’   di Luigi Rezzuti   Pensavamo che calciopoli fosse davvero finita, invece sotto...
continua...
La Germania necessitata   di Marisa Pumpo   Sinossi del libro La Germania necessaria Nel 2012 la Germania non si presentava più solo quale attore...
continua...
LA PRIMAVERA  E’ ALLE PORTE   di Luigi Rezzuti   Se qualcuno ci chiede “Quando inizia la primavera” siamo abituati a rispondere il 21 marzo, ma non...
continua...

NON ABBIAMO PIU'…GUIDA

 

di Mariacarla Rubinacci

 


Davanti alla chiusura della storica Libreria Guida, rifletto sgomenta.

La storia ci volta le spalle, ci vuole dimenticare per punirci di essere stati amanti delle parole, del profumo che si sprigiona dalle pagine del libro. Ci vuole moderni, noi lettori, ci prende il dito indice per farci sfiorare il video freddo del tablet che velocemente ci informa e ci inonda di parole luminose. “Il libro è obsoleto”, sembra che ci dica, il libro ha un costo troppo alto, dato i tempi, richiede una pausa alla corsa del nostro girovagare in macchina. Al contrario, il libro è la storia di un altro che vuole condividere le sue emozioni, che desidera mostrare una realtà immaginata, che rivela i pensieri dei suoi personaggi, i quali vivono così solo se noi li incontriamo.

La chiusura delle Librerie Guida, prima quella al Vomero, poi ora a Port’Alba, è lo schiaffo alla nostra indolenza, alla presunzione di sapere tutto e di urlarlo senza porre ascolto. Chi scrive invece cerca ascolto. Chi urla è sordo.

Non ci resta dunque che cercare, come novelli Diogene con la lanterna, le pagine sparse, gli scaffali nascosti colmi di libri, le storie, la storia.

La saletta Verde, poi la Rossa, hanno perso il loro colore come se una pioggia di indifferenza lo avesse disciolto alla guisa di un acquarello diluito.

Oggi, al posto delle Librerie cancellate, ci sono luccicanti bar, eleganti boutique, centri commerciali rumorosi.

Che almeno arredino un angolo di lettura! Una poltroncina, qualche scaffale profumato di stampa, un invito a fermarsi per riprendere fiato. Chissà, potrebbero persino incrementare il loro commercio.

 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen