NEWS

Per grazia non ricevuta   di Antonio La Gala   Non desta meraviglia (non perché non la dovrebbe destare, ma solo perché vi ci siamo abituati) la...
continua...
CONCERTO DI NATALE - FONDAZIONE CASTEL CAPUANO     (Dicembre 2019)
continua...
UNA ESTATE IN FAMIGLIA   di Peppe Iannicelli   Quando le estati fanciulle finiscono è sempre troppo presto. E raramente abbiamo saputo apprezzarle...
continua...
La Vesuviana di Domenico Rea   di Antonio La Gala   Domenico Rea era un frequentatore della Circumvesuviana e nelle sue opere ci ha lasciato alcune...
continua...
SVEGLIA! Edizioni Spartaco al Salone internazionale del libro di Torino Lingotto Fiere - Dal 18 al 22 maggio Stand J38   Intenso, corposo, amaro: è...
continua...
OEDIPUS     Fisciano, mercoledì 8, ore 15,00, Università degli studi di Salerno, Incontri tra letteratura e matematica presso il Dipartimento di...
continua...
L’OSSESSIONE DELLE VACANZE ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   La vacanza è un diritto inalienabile. Una volta, tanti anni fa, era un lusso solo per...
continua...
Discutibili sentenze arbitrali   di Luigi Rezzuti   Ad appena otto giorni dal termine del campionato, il Napoli subisce una sonora sconfitta da...
continua...
NATALE AL VOMERO   di Luigi Rezzuti   Natale è alle porte e, come ogni anno, si pone il dilemma: albero di Natale con i suoi lampioncini, i  nastri...
continua...
Il “Serraglio” del Vomero   di Antonio La Gala   A Napoli la parola “Serraglio” rievoca l’Albergo dei Poveri di piazza Carlo III perché, per un...
continua...

NON ABBIAMO PIU'…GUIDA

 

di Mariacarla Rubinacci

 


Davanti alla chiusura della storica Libreria Guida, rifletto sgomenta.

La storia ci volta le spalle, ci vuole dimenticare per punirci di essere stati amanti delle parole, del profumo che si sprigiona dalle pagine del libro. Ci vuole moderni, noi lettori, ci prende il dito indice per farci sfiorare il video freddo del tablet che velocemente ci informa e ci inonda di parole luminose. “Il libro è obsoleto”, sembra che ci dica, il libro ha un costo troppo alto, dato i tempi, richiede una pausa alla corsa del nostro girovagare in macchina. Al contrario, il libro è la storia di un altro che vuole condividere le sue emozioni, che desidera mostrare una realtà immaginata, che rivela i pensieri dei suoi personaggi, i quali vivono così solo se noi li incontriamo.

La chiusura delle Librerie Guida, prima quella al Vomero, poi ora a Port’Alba, è lo schiaffo alla nostra indolenza, alla presunzione di sapere tutto e di urlarlo senza porre ascolto. Chi scrive invece cerca ascolto. Chi urla è sordo.

Non ci resta dunque che cercare, come novelli Diogene con la lanterna, le pagine sparse, gli scaffali nascosti colmi di libri, le storie, la storia.

La saletta Verde, poi la Rossa, hanno perso il loro colore come se una pioggia di indifferenza lo avesse disciolto alla guisa di un acquarello diluito.

Oggi, al posto delle Librerie cancellate, ci sono luccicanti bar, eleganti boutique, centri commerciali rumorosi.

Che almeno arredino un angolo di lettura! Una poltroncina, qualche scaffale profumato di stampa, un invito a fermarsi per riprendere fiato. Chissà, potrebbero persino incrementare il loro commercio.

 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen