NEWS

PRIMIZIE DI CALCIO MERCATO   di Luigi Rezzuti   Non è ancora terminato il campionato di calcio di Serie A, nè tanto meno siamo vicini alle date...
continua...
Un uomo pigro   di Luigi Rezzuti   Sono stanco, tanto stanco, sono stanco di essere stanco, non amo passeggiare, non amo fare shopping, mi annoio...
continua...
Parlanno ’e poesia.3   di Romano Rizzo    Non so se vi siete mai chiesto quali sono i motivi che inducono a preferire una poesia ad un’altra, un poeta...
continua...
UN VIAGGIO DI ALTRI TEMPI   di Luigi Rezzuti   Un mendicante, tutte le sere se ne andava a dormire nella stazione centrale di piazza Garibaldi a...
continua...
 Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica    Mutaverso Teatro Al Giullare "Nella gioia e nel dolore"   Al teatro “Il Giullare” (via Vernieri,...
continua...
Vincenzo Irolli: arte o commercio?    di Antonio La Gala   Vincenzo Irolli (Napoli, 1860 - 1949) scoprì la sua passione per l'arte a diciassette...
continua...
“ULTIMO TOCCO”   Mercoledì 23 marzo 2016, alle ore 18, nella sede della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 - Napoli - I piano, aula 11),...
continua...
Come fu creata Eva   di Luigi Rezzuti     Fu tutta colpa della depressione di Adamo, il quale, non essendo contento di trovarsi nel Paradiso...
continua...
TEATRO BOLIVAR - start up stagione 2016/2017   DUETTI 200 grammi di teatro a sera direzione artistica Ettore Nigro e David Jentgens   29|30...
continua...
Parlanno ’e poesia 4 - Giovanni Boccacciari   di Romano Rizzo   Una fìgura di primo piano, nel panorama della poesia napoletana è stata, senza dubbio,...
continua...

SPARITE 12.000 EDICOLE

 

a cura di Luigi Rezzuti

 

La recessione, le politiche di inasprimento fiscale e la crisi dell’informazione tradizionale hanno colpito duramente la carta stampata. Dal 2005 hanno chiuso 12.000 negozi ed edicole di giornali e periodici. In più, l’ipotesi di un aumento dell’iva per i prodotti  editoriali, sarebbe un nuovo colpo.

Opportunamente la Fenagi Confesercenti lancia l’allarme sull’editoria per il ventilato aumento dell’Iva, dal 4% al 22%, sui prodotti editoriali.

Tutto il settore rischia il disastro, vendite in crollo anche nel 2013, così spariremo prima della carta stampata. A repentaglio un servizio essenziale. Il governo intervenga, blocchi l’aumento iva e confermi gli incentivi per l’informazione”.

Il futuro non promette alcuna ripresa, l’ipotesi di un aumento dell’Iva per i prodotti editoriali si tradurrebbe in un nuovo colpo ai consumi di quotidiani e riviste, che, tra il 2011 e il 2012, hanno già visto un calo, rispettivamente, del 9,5%  e del 6,6%.

Il calo di vendite è un fenomeno cui assistiamo da diversi anni, ma che ha subito un’improvvisa accelerazione a causa della recessione”, spiega il presidente della Fenagi, Giovanni Lorenzetti. Non è un caso che per la carta stampata l’utenza giovanile dei quotidiani sia pari al 22,9%, mentre per gli ultra sessantacinquenni è pari al 52,3%. Ma il rischio è anche l’informazione garantita da giornali e riviste tradizionali che offrono un approfondimento di qualità sui temi più importanti. Secondo le elaborazioni Fenagi – Confesercenti, nel 2005 si contavano sul territorio circa 42mila punti vendita, di cui il 71% rappresentato da chioschi e negozi  prmiscui, mentre la restante quota era ascrivibile alla “nuova rete”, composta da bar, tabaccherie, supermercati, distributori di carburante e altri. Nel 2013, il numero complessivo di punti vendita è calato di 30mila unità. A soffrire è stato soprattutto l’universo delle edicole e dei negozi promiscui, appartenenti alla rete tradizionale, che hanno visto un saldo negativo di 13mila imprese, con un calo del 55% circa del totale. Un crollo di certo non compensato dalla piccolissima crescita (intorno alle 1300 unità) della nuova rete. La crisi della rete, secondo la Fenagi, è conseguente a quella della carta stampata. Nel 2012 i quotidiani hanno registrato ricavi di vendita inferiori del 6,6% rispetto all’anno precedente, mentre per i periodici l’emorragia è stata del 9,5%.

Per il 2013 le stime prevedono un calo di altri 420 milioni di euro per i giornali e di 620 milioni di euro per le riviste: sarà il sesto anno consecutivo di contrazione.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen