NEWS

UN’ESCURSIONE SUL VESUVIO   di Luigi Rezzuti   Fin da bambino mi ha intrigato questa montagna che fa da sfondo al golfo di Napoli. Ricordo che, da...
continua...
Miti napoletani di oggi.51 I MERCATINI RIONALI   di Sergio Zazzera   Mimmo Piscopo, Mercatino di Antignano Napoli è tutta un pullulare di...
continua...
LINO BANFI   di Luigi Rezzuti   Pasquale Zagaria, in arte Lino Banfi, nasce il 9 luglio del 1936 ad Andria, in provincia di Bari. A quindici anni...
continua...
UN GIORNO AL MARE   di Luigi Rezzuti   L’intenzione era di trascorrere una giornata al mare, ma dopo tre ore,  bloccati in mezzo al traffico e...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Ma Vespa non è poi così insostituibile Parla a vanvera chi della Rai ha percezione, dal divano di casa,...
continua...
Spigolature Non Ufo, ma oggetti non identificati   di Luciano Scateni   Per noi, esterni al frenetico evolversi delle tecnologie, l’incipit della...
continua...
LARGO O PIAZZA?   di Antonio La Gala     Spesso nel leggere cose della Napoli antica ci imbattiamo in denominazioni stradali che ci lasciano...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Fiori del mio campo, di Giovanni Baiano, Cosmopolis Edizioni Napoli   Uomo d’altri tempi, Giovanni...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica Mutaverso Teatro - Il paradiso degli idioti     Per la stagione Mutaverso Teatro di ErreTeatro, a cura...
continua...
SALUTE E BENESSERE Nuovi divieti sul fumo   di Luigi Rezzuti    Dal 2 febbraio sono entrate in vigore le nuove norme previste dal decreto legislativo...
continua...

CENTRO STORICO

ANCORA EMERGENZE

di Luciano Scateni

Dico di via Kerbaker, strada che incrocia la notissima via Scarlatti, nel cuore del Vomero, perché di lì sono passato e lì ho operato un rischioso slalom per oltrepassare indenne un mare puzzolente di spazzatura, campionario di rifiuti d’ogni genere, per lo più sversati all’angolo della strada, dove ha sede il mercatino rionale. Potrei dire di molte altre strade di Napoli, che ripropongono lo scandalo di cumuli d’immondizia, cassonetti stracolmi, sacchetti e buste, cartoni, ai loro piedi,  in quantità sempre più invadente. Insomma ci risiamo. Dice il sindaco De Magistris che non consentirà campagne elettorali sulla spazzatura e potrebbe aver ragione a zittire gli speculatori se il problema fosse la conseguenza di un’eccezionale emergenza. Il problema è invece che il caso rifiuti a Napoli è patologia endemica, che periodicamente torna a scandalizzare. Responsabili del nuovo caso sarebbero la difficoltà di sversare negli Stir e la prossima chiusura del termovalorizzatore di Acerra. La soluzione? Il ricorso all’esportazione dell’immondizia nell’ospitale Olanda, che dai rifiuti ricava un interessante utile, e in altre regioni italiane, evidentemente capaci di trasformare la spazzatura in energia. Sullo sfondo la chiusura, per quindici giorni, di Acerra per lavori di manutenzione, guasti negli Stir e incognite sul nuovo termolavorizzatore per difficoltà contrattuali con il consorzio che chiede una compartecipazione finanziaria di 150 milioni, a discapito degli impianti di compostaggio. Problemi aperti e irrisolti: secondo quale principio il sindaco e il suo vice pretendono che non sia argomento di polemica elettorale?  Da qualche tempo sembra che Napoli sia tra le mete preferite dal turismo italiano e internazionale e la conferma viene dalle presenze continuative nel centro storico, attrattore straordinario per la ricchezza dell’offerta di archeologia, architettura e storia che propone come poche altre città del mondo. Il viaggiatore abituale tende a catturare le immagini del percorso che compie nelle città d’arte qual è Napoli: di più, affacciandosi da via Toledo nel dedalo di vicoli dei quartieri spagnoli è catturato dalla visione delle stradine con i panni stesi, i festoni che promuovono il commercio e il caos di un andirivieni brulicante. Purtroppo l’attenzione curiosa e stupita dei turisti in presenza delle emergenze rifiuti è provocata dallo spettacolo indecente della spazzatura che invade marciapiedi e strade perché non rimossa quotidianamente e, in tempi di crisi della raccolta, lasciata a marcire per giorni e giorni. La domanda scontata è: ma come hanno risolto il problema le città del Nord estranee alle emergenze ciclicamente ricorrenti del Sud? Se lo chiedono il sindaco di Napoli, l’Asìa e l’intera rete di responsabili del settore?

 

 

 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen