NEWS

Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   Gli Ipocriti AL TEATRO DIANA     Al teatro Diana, da mercoledì 27 aprile, “Gli Ipocriti” presenta...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Antonio Poli debutta nel ruolo de Il Duca di Mantova nella nuova produzione di “Rigoletto”, in scena...
continua...
Il governo migliore è la speranza   di Annamaria Riccio   Affidiamo i nostri desideri agli eventi del futuro. Viviamo pensando che il dopo sarà la...
continua...
Storia del Bambin Gesù di Gallinaro   di Luigi Rezzuti   Le sette sataniche sembrano avere, oggi più di ieri, una  rilevante forza di attrazione in...
continua...
Invisibili in una classe separata   di Antonio La Gala   Il Vomero visse il ventennio fascista né più né meno di come lo visse il resto della città,...
continua...
Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario piazza Dante 44/45, Napoli - Info 081 014 5940   Giovedì 10 ottobre ore 18:30 Maria Grazia Gugliotti,...
continua...
SALUTE Frutta di primavera   di Luigi Rezzuti   In primavera arriva la frutta “golosa”, quella che piace proprio a tutti, dai grandi ai bambini e...
continua...
Incontri tra letteratura e matematica   Fisciano, mercoledì 8, ore 15,00, Università degli studi di Salerno, Incontri tra letteratura e...
continua...
IO E FRANCESCO   di ANNAMARIA RICCIO   A chi non è simpatico? Sentito parlare male del papa? Mai. Chiunque vorrebbe conoscerlo. Da quando si...
continua...
ANTONIO BERTE’ UN ARTISTA CONTEMPORANEO NAPOLETANO   di Luigi Rezzuti   Torre Caselli è un edificio abbandonato, che versa in pessime condizioni in...
continua...

LA VITA DI ADELE

 

Un film a sfondo sentimentale, prodotto nel 2013,   è uscito nelle sale cinematografiche da fine ottobre, principali interpreti: Adèle Exarchopoulos, Lea Seydoux e Salem Kechionch.

Il film è stato presentato al Festival di Cannes vincendo la Palma d’Oro come miglior film.

“Adèle ha quindici anni, frequenta il liceo, ama la letteratura e sogna di diventare un’insegnante. Thomas, uno studente dell’ultimo anno, si mostra interessato a lei, i due cominciano a frequentarsi, ma Adèle, poco coinvolta nel rapporto, non tarda a lasciarlo: nel frattempo, dopo aver incrociato lo sguardo con una giovane donna dai capelli blu, Adèle inizia a prendere coscienza della propria omosessualità. La giovane donna dai capelli blu, Emma, appartiene, a differenza di Adèle alla borghesia intellettuale e progressista, differenza che, a un certo punto, contribuisce a far incrinare il loro rapporto affettivo.”

Il regista franco-tunisino Abdellatif Kechiche ancora una volta ha voluto realizzare un capolavoro: “La vita di Adèle”.

 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen