NEWS

Miti napoletani di oggi.68 L’attesa del mezzo di trasporto   di Sergio Zazzera   La scena si ripete tutti i giorni, anche più volte nella stessa...
continua...
Garibaldi arrivò in treno   di Antonio La Gala   L'apertura della prima ferrovia italiana, quella da Napoli a Portici, avvenuta il 3 ottobre del...
continua...
Miti napoletani di oggi.59 LE INAUGURAZIONI   di Sergio Zazzera   28 marzo 2011: al Vomero, in località Cacciottoli, si svolge, con grande...
continua...
UNA ESTATE IN FAMIGLIA   di Peppe Iannicelli   Quando le estati fanciulle finiscono è sempre troppo presto. E raramente abbiamo saputo apprezzarle...
continua...
MAGGIO DEI MONUMENTI   di Luigi Rezzuti   La 24° edizione del “Maggio dei Monumenti” è partita il 28 aprile per terminare il 3 giugno...
continua...
Il Mistero di Antignano   di Antonio La Gala   Non si tratta di un giallo, ma di una famosa processione che a Pasqua, da secoli, si celebra al...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   “Two”, una coppia alle prese con dinamiche da bar Alla Sala Pasolini di Salerno nell’ambito della...
continua...
Venghino signori, ecco il borgo dove le case si vendono ad un euro   di Luigi Rezzuti   Comprare una casa, o meglio un rudere, a 1 euro, da oggi, è...
continua...
Nati per donare?   Sabato 8 aprile, ore 17.30, via Cappella Vecchia, 8-b, 1° piano (citofono n. 1003), l’Associazione lucana Giustino Fortunato di...
continua...

LA GRANDE MAGIA

 

di Antonio Esposito

 

In scena al Bellini, la Compagnia di Luca De Filippo propone LA GRANDE MAGIA, pirandelliana opera di Eduardo, poco rappresentata, forse troppo all’avanguardia per i primi anni ’50.

L’opera    mette     a   nudo     l’ipocrisia   della società, che impone convenzioni e condizionamenti, e    la debolezza     dell’essere    umano,    poco   propenso  ad affrontare la realtà, alla quale preferisce sfuggire rifugiandosi nell’illusione, al fine di sopravvivere.

Ottima la regia di Luca, che si dimostra impareggiabile    protagonista. Lo spettacolo è fluido, avvincente e tutti gli attori  della    Compagnia  appaiono     perfettamente   all’altezza     nell’  arduo     compito   di rappresentare     una     commedia,  messa in scena  solo dallo   stesso Eduardo  e  da Giorgio Strehler nella metà degli anni 80, al Piccolo Teatro di Milano.

La trama   è   particolarmente   originale.   Il   fantomatico  professor Marvuglia,  esperto  di scienze occulte, interpretato da Luca De Filippo, durante   un esperimento di magia,  fa sparire Zaira    (Carolina Rosi), moglie di  Calogero Di Spelta (Massimo de Matteo), per consentirle di fuggire con il suo amante.

Il professor Marvuglia fa credere all’affranto marito che è egli stesso l’unico responsabile della sparizione  della moglie e che potrà ritrovare sua moglie solo se aprirà, con assoluta fiducia nella fedeltà della moglie, la scatola dove ella è rinchiusa. Se non avrà  fede, all’apertura della scatola la moglie sparirà per sempre.

Passano gli anni e Calogero sprofonda in una   surreale  e   apatica   realtà parallela e,  plagiato dal professor Marvuglia, preferisce credere di essere sospeso nel tempo e parte  di   un gioco di magia, restando  incurante ai  continui richiami alla realtà, che gli pervengono dalla famiglia, che agisce non per il suo bene ma per bassi ed egoistici fini.

Alla fine Zaira   ritorna   pentita   e   confessa  la sua   colpa  ma il marito si rifiuta di riconoscerla e preferisce rifugiarsi   nell’illusione   e   credere che sua moglie sia ancora rinchiusa nella scatola, fedele e  lontana dalle insidie degli altri uomini, piuttosto  che affrontare la realtà e le motivazioni che hanno  spinto sua moglie a lasciarlo.

Rappresentazione sublime. Un’occasione da non  perdere per rivedere un classico più che mai attuale.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen