NEWS

 I teatri dei bisnonni   di Antonio La Gala     Come si divertivano a teatro i nostri nonni e bisnonni napoletani? Sappiamo molto sui teatri più...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
Abolizione delle monete da 1 e 2 centesimi di euro   di Luigi Rezzuti   Qualche anno fa, avemmo modo di denunciare lo spreco di danaro da parte...
continua...
LA PRIMAVERA  E’ ALLE PORTE   di Luigi Rezzuti   Se qualcuno ci chiede “Quando inizia la primavera” siamo abituati a rispondere il 21 marzo, ma non...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
DIANA FRANCO PER IL QUIRINALE   Il dipinto su cristallo, intitolato Terrae Motus, donato dall’artista napoletana Diana Franco al Quirinale, è esposto...
continua...
Un uomo pigro   di Luigi Rezzuti   Sono stanco, tanto stanco, sono stanco di essere stanco, non amo passeggiare, non amo fare shopping, mi annoio...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica Mutaverso Teatro - Il paradiso degli idioti     Per la stagione Mutaverso Teatro di ErreTeatro, a cura...
continua...
ALL’ARENA “SIECI” DI SCAURI: “ I CASI SONO DUE”   di Luigi Rezzuti   L’associazione Teatrale Cangiani, dopo gli strepitosi successi di pubblico e...
continua...
IL BUSINESS DEL “COCCO BELLO”   di Luigi Rezzuti   Come in ogni stagione estiva, le spiagge della nostra penisola sono invase da venditori ambulanti...
continua...

Miti napoletani di oggi.11

IL POSTINO DI MICHAEL RADFORD

 

di Sergio Zazzera

 


Ne Il Postino di Neruda Antonio Skarmeta ha romanzato la vicenda dell’esilio di Pablo Neruda a Salina, fino al suo rientro nel Cile liberato dal regime di Pinochet; in realtà, però, lo scrittore cileno fu ospite, in tale periodo, non già dell’isola delle Eolie, bensì di Capri e di Sant’Angelo d’Ischia. Da questo romanzo Michael Radford ha tratto, nel 1994, il film Il Postino, che ha segnato il “canto del cigno” di Massimo Troisi, morto verso la fine delle riprese.

La storia narrata dal film, al pari di quella del romanzo, si svolge “ufficialmente” a Salina, sebbene un gran numero di scene sia stato girato a Procida, fra la Corricella, piazza dei Martiri e la spiaggia del Pozzo Vecchio. Né questa è stata l’unica occasione di “sfruttamento” cinematografico dell’isola, la quale è stata costretta a “prestare il proprio volto” a Torre Annunziata in Francesca e Nunziata di Lina Wertmuller (2001) e addirittura a un inesistente Mongibello ne Il talento di Mister Ripley di Anthony Minghella (1998-99). Eppure, la falsità di questo linguaggio non è stata colta da Procida (né dalla popolazione, né dall’amministrazione), dove è stata addirittura attribuita la denominazione di “via della Spiaggia del Postino” alla strada che scende alla spiaggia del Pozzo Vecchio, manifestando a Radford una gratitudine assolutamente immeritata. Peraltro, da miei conoscenti siciliani apprendo che non di rado accade che qualche turista vada in cerca di quella spiaggia a Salina.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen