NEWS

MACCHINE DA SCRIVERE DALL’800 AD OGGI   a cura di  Luigi Rezzuti   Nell’epoca del digitale e dei computer la scrittura si è evoluta e continua ad...
continua...
LE NAVI DELLA TIRRENIA     (Maggio 2019)
continua...
Vincenzo Irolli: arte o commercio?   di Antonio La Gala   Vincenzo Irolli (Napoli,1860 - 1949), scoprì la passione per l'arte a diciassette anni,...
continua...
L’OSSESSIONE DELLE VACANZE ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   La vacanza è un diritto inalienabile. Una volta, tanti anni fa, era un lusso solo per...
continua...
È tempo di vendemmia   di Luigi Rezzuti   Abbiamo conosciuto un viticoltore e gli abbiamo chiesto come si ottengono i vini bianchi, rossi e...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
Le lettere di Sua Maestà   di Antonio La Gala   La corrispondenza che Ferdinando I Borbone  indirizzava alla seconda moglie, Lucia Migliaccio,...
continua...
MOSTRA REZZUTI A MASSALUBRENSE       (Giugno 2021)
continua...
Abolizione delle monete da 1 e 2 centesimi di euro   di Luigi Rezzuti   Qualche anno fa, avemmo modo di denunciare lo spreco di danaro da parte...
continua...
Miti napoletani di oggi.67 SAN GREGORIO ARMENO   di Sergio Zazzera G. e M. Ferrigno, Procidana (coll. priv.) Il Natale è vicino e in ogni casa...
continua...

 

Nell’antro del mito” alza il sipario al Tunnel Borbonico

di Napoli

 

 

Domenica 24 novembre 2013 (ore 19:30 e 21:00) in prima assoluta nella cornice del Tunnel Borbonico di Napoli va in scena lo spettacolo “Nell’antro del mito - Eterni racconti di Eros e Thanatos”. Prenotazione obbligatoria, ingresso in vico del Grottone.

Nelle grotte di tufo giallo del Tunnel Borbonico si accendono i riflettori per la prima di un nuovo spettacolo: domenica 24 novembre 2013 – con due orari a disposizione alle ore 19:30 e ore 21:00, entrata in vico del Grottone n°4, seconda traversa a sinistra salendo da piazza del Plebiscito via Gennaro Serra – andrà in scena il mito greco “Nell’antro del mito - Eterni racconti di Eros e Thanatos”, un originale lavoro proposto dall’entourage di professionisti napoletani Livia Bertè, Stefano Ferraro e Valerio Gargiulo. Prenotazione obbligatoria ai numeri 081.7645808 o 366.2484151. Costo spettacolo euro 15,00 a persona. Il biglietto è comprensivo di “percorso standard”, ossia la passeggiata storica per visitare il Tunnel entro la fine dell’anno.

Un viaggio in un mondo remoto ma eternamente infinito: l'immortalità del Mito, con il suo illimitato patrimonio di simboli, immagini e personaggi emblematici, si materializza come per magia sul palcoscenico del Tunnel Borbonico voluto da Ferdinando II nel 1853. L’immortalità della storia, invece, diviene testimonianza di un tempo arcaico in cui la Natura era Tempio del Divino ed ogni sua manifestazione era simbolo. Racconti antichi, enigmatici e senza epoche. “Nell'antro del Mito – Eterni racconti di Eros e Thanathos” vuole trasportare gli spettatori in un percorso misto di classicismo, letteratura e musica, attraverso l’interpretazione di tre protagonisti, Livia Bertè, Stefano Ferraro e Valerio Gargiulo, che daranno voce e anima al racconto greco, reso ulteriormente affascinante dal set cavernoso della “Napoli di sotto”.


Più di duemila anni fa, alla luce fioca delle stelle o di un falò, una voce raccontava di come Orfeo discese nell’Ade per salvare il proprio Amore, di come l’Arte trionfasse sulla malia del tempo. Voci  di un Mostro che abitava in una prigione, senza porte e sbarre, mentre un Eroe arrischiava a porre fine alle sue pene. Si rievocava di un bellissimo ragazzo che amava solo se stesso e di una ninfa che divenne solo Eco dei suoi passi. Storie eterne. Storie di uomini, sempre medesimi, senza kronos.

Intervalli musicali catapulteranno gli spettatori in un mondo altro, lontano dai nostri giorni, come se anche soltanto un breve momento si potesse restare sospesi altrove rispetto alla quotidianità del nostro tempo e alla frenetica “Napoli di sopra”. Il Tunnel Borbonico si presenta come chiave scenografica dell’opera proprio per la sua semplice bellezza: commissionato ad uso di viadotto militare sotterraneo di metà Ottocento all’architetto Enrico Alvino, si interseca all’impianto preesistente di cisterne cinque-seicentesche, per essere adoperato dai cittadini come ricovero bellico  durante la II Guerra Mondiale e, infine, come deposito giudiziale. Riportato alla luce e aperto al pubblico dai geologi Gianluca Minin ed Enzo de Luzio, il Tunnel è uno spazio perfetto con il suo dedalo di cunicoli ed ampie cisterne sotterranee che riescono ad accendere l’immaginazione in un tempo antico, lontano dalla realtà.  

Ufficio stampa: Annacarla Tredici, ph. 333.95.13.421, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/608002152590504/?fref=ts

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen