NEWS

Parlanno ’e poesia 6   di Romano Rizzo   Giuseppe Capaldo Nacque a Napoli il 21 marzo del  1874 da genitori di modeste origini, che gestivano un’...
continua...
L’eruzione vesuviana del 1906   di  Antonio La Gala   Il 7 aprile del 1906, il giorno prima della Domenica delle Palme, il Vesuvio si ripresentò con...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Succede che razzoli male chi predica bene Ma da che dissacrante pulpito il re Mida dei comici arringa il popolo...
continua...
WEEKEND SULLA NEVE   di Luigi Rezzuti   Tutto ebbe inizio con il weekend che Franco e Vanessa avevano deciso di fare in montagna. Partirono nel primo...
continua...
Miti napoletani di oggi. 54 IL "DASPO URBANO"   di Sergio Zazzera   In attuazione della Convenzione Europea di Strasburgo del 19 agosto 1985, al...
continua...
PREMIO NAZIONALE DI POESIA “SALVATORE CERINO”   E’ giunto alla XVI  edizione il Premio Nazionale di Poesia “Salvatore Cerino”, che vanta il Patrocinio...
continua...
Villa Regina al Vomero    di Antonio La Gala   Le residenze, che in età vicereale cominciarono ad insediarsi sulla collina vomerese, si...
continua...
Maturità alle porte - Riflessioni di una studentessa   di Irene Del Gaudio   Sono una studentessa. Liceale, ancora per poco. Si avvicina...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Spetta a Greta il Nobel per l’ambiente È noto soprattutto a chi teme per il futuro della Terra, messo in forse...
continua...
“SWINGING”: ENZA MONETTI AL PAN   di Sergio Zazzera   In principio era l’albero. Che sia quello “della conoscenza del bene e del male” della...
continua...

Miti napoletani di oggi.12

LA “TERRA DEI FUOCHI”

 

di Sergio Zazzera

 

Di per sé, il fuoco può essere rappresentato con una valenza positiva, catartica, ovvero con una negativa, distruttrice; soltanto in quest’ultima ipotesi, però, tale valenza avrà una connotazione realistica, laddove nell’altra essa non può ch’essere mitica.

Alla ribalta del mito il fuoco si affaccia nel mondo greco, con la vicenda di Prometeo, l’eroe condannato a essere incatenato e a vedersi divorare il fegato da un’aquila, per avere sottratto la fiamma agli dei e averla consegnata agli uomini, insegnando loro a servirsene.

L’associazione concettuale tra fuoco e terra, poi, si riscontra anch’essa in età classica, con la definizione di “Campi Flegrei”, attribuita alla regione estesa fra Posillipo e Cuma, caratterizzata da consistenti fenomeni di vulcanismo. In tempi più vicini ai nostri, ancora, vale a dire, nel XVI secolo, la denominazione di “Terra del Fuoco” fu data dai marinai europei all’arcipelago dell’America meridionale esteso fra Punta Anegada e Capo Horn, lungo le coste del Cile e dell’Argentina, che dal largo appariva costellato di fuochi accesi dagl’indigeni per proteggersi dal freddo.

Una suggestiva assonanza col nome di tale ultima località si riscontra nella definizione di “Terra dei Fuochi”, assegnata dal Rapporto Ecomafie 2003 all’area estesa fra la provincia di Napoli e quella di Caserta, che comprende sostanzialmente i territori comunali di Qualiano, Giugliano in Campania, Orta di Atella, Caivano, Acerra, Nola, Marcianise, Succivo, Frattaminore, Frattamaggiore, Mondragone, Castelvolturno e Melito di Napoli. Tale denominazione, recepita finanche dalla Camera dei Deputati e alla cui diffusione tra il pubblico ha contribuito largamente Roberto Saviano, nasce dalla prassi, invalsa tra la popolazione di questi comuni, d’incendiare i cumuli di rifiuti, spesso anche tossici, riversati in maniera illegale lungo le strade, da parte di cellule della criminalità organizzata, dando vita così allo “spettacolo” – si licet – di roghi che diffondono fumi nell’atmosfera e diossina e altre sostanze tossiche nei terreni circostanti, con una potenzialità inquinante davvero sterminata.

Dove ravvisare il mito è presto detto: molto probabilmente, in buona fede, queste popolazioni danno alle fiamme quei rifiuti, nel convincimento di compiere un gesto purificatore, senza avvedersi del fatto che la loro azione è meramente distruttrice, oltre che, in maniera diretta, dei materiali incendiati, pure, in maniera indiretta, ma molto più grave, dei prodotti delle loro terre, la cui vocazione agricola è riconducibile a più secoli addietro, così provocando anche un danno alla propria economia e contribuendo alla trasmissione del danno stesso fra tutti i consumatori di quei prodotti. 

 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen