NEWS

Maria Cristina Russo, Ortensia e altri fiori, Albatros Editore   di Luciana Alboreto   Ortensia regna, sovrana, nel suo giardino incantato da...
continua...
HAMSIK LASCIA NAPOLI PER LA CINA   di Luigi Rezzuti   Il mercato invernale italiano di calcio si era chiuso il 31 gennaio e l’unico movimento per il...
continua...
LA COMUNITA’ EBRAICA DI NAPOLI E IL PREGIUDIZIO ANTISIONISTA   Riceviamo e pubblichiamo La Comunità ebraica di Napoli esprime la propria indignazione...
continua...
LA SCOPERTA DELLA GROTTA AZZURA di August Kopisch   di Luigi Alviggi   Nell’estate del 1826, August Kopisch e l’amico Ernst Fries sbarcano per la...
continua...
Reading e presentazioni Napoli, venerdì 13, ore 17,30, alla Galleria Al Blu di Prussia, Via G. Filangieri, 42, Enza Silvestrini, Controtempo...
continua...
QUATTRO GIORNI ALL’ELBA   di Luigi Rezzuti   Non è la trama di un film di guerra, se il lettore legge male sostituendo Elba con Alba. È semplicemente...
continua...
CHAMPIONS LEAGUE - OTTAVI DI FINALE   di Luigi Rezzuti     Martedì 7 marzo 2017, ore 20,45, rullo di tamburi, lo spettacolo ha inizio. Bambini,...
continua...
SALUTE E BENESSERE Nuovi divieti sul fumo   di Luigi Rezzuti    Dal 2 febbraio sono entrate in vigore le nuove norme previste dal decreto legislativo...
continua...
IL CALCIO NAPOLI INGAGGIA HRVOJE  MILIC   di Luigi Rezzuti   Dopo il mercato di riparazione di gennaio, dove tutte, o quasi, le squadre, sulla carta...
continua...
L’intervista   di Marisa Pumpo Pica   Enjoy the Void e il suo album d’esordio “Our Garden”     Si fa strada, nel panorama musicale di questi...
continua...

Al Teatro Troisi Anna Mazzamauro in “Nuda e cruda”

 

di Antonio Esposito

 

Nel suo nuovo spettacolo in scena al Teatro Troisi, Anna Mazzamauro è accompagnata da una piccola grande e colorata orchestra cantante, danzante e parlante  su musiche di Amedeo Minghi.

Il titolo è illuminante, Anna attrice di grande esperienza, ci invita a spogliarci dei tabù, degli stereotipi, dei brutti ricordi e dei pregiudizi usando l’arma invincibile dell’ironia e del sarcasmo .

Esilarante la performance di Anna trasformata da una tuta color carne in una donna extra-large che fiera della sua ciccia e della sua cellulite si scatena in un ballonzolante strip-tease.

Uno spettacolo multiforme, divertente e al tempo stesso impegnato; Anna  abbandona il cliché dell’autoironia sulla  donna diversamente bella e mostra tutta la sua indiscutibile bravura saltando dalle barzellette iniziali, tanto per rompere il  ghiaccio, alla brillante interpretazione di canzoni dimostrando una verve canora non nota a tutti.  

 Toccanti e indimenticabili i passaggi sulla sofferenza e sulla malattia e quelli dedicati al dolore e alla rabbia delle persone che hanno subito la violenza, la crudeltà, l’oltraggio di altre persone.

La Mazzamauro è  eccellente, diretta, limpida, trasparente, senza schermi protettivi,  in poche parole nuda e cruda.  

 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen