NEWS

Il Mistero di Antignano   di Antonio La Gala   Non si tratta di un giallo, ma di una famosa processione che a Pasqua, da secoli, si celebra al...
continua...
SANITA’ Eppur si muove…   di Loredana Pica   Eppur si muove… qualcosa a Napoli, una città spesso in bilico tra lentezze burocratiche e una tendenziale...
continua...
Il Natale napoletano   di Luigi Rezzuti   Il Natale a Napoli è qualcosa di assolutamente unico rispetto alle altre città, sia dell’Italia che...
continua...
Un libro a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Sabato, 5 marzo, alle ore 11.30, nella sala del Teatro Diana, nell’ambito della rassegna...
continua...
SEGNALBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Frammenti di vita, di Salvatore Bova, Cosmopolis Edizioni Napoli La lunga consuetudine con la produzione...
continua...
E’ FINITO IL CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A 2016 – 2017   di Luigi  Rezzuti   Spalletti, allenatore della Roma,  a fine campionato si è ritrovato con...
continua...
IL MIRACOLO DI SAN GENNARO di Henry Weedall   di Luigi Alviggi   Maurizio de Giovanni, prefatore, sottolinea la differenza tra sentimento religioso...
continua...
LA NOTTE DEI MUSEI     (Maggio 2019)
continua...
    RESIDENZE BORBONICHE, Patrimonio dell’Umanità   APPELLO-PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO   Una grande campagna di...
continua...
TEMPO SOSPESO - Mostra personale di Guglielmo Longobardo a cura di Gaspare Natale   Una pittura viscerale e rigorosa insieme, alla costante ricerca di...
continua...

CANI ALLO STADIO

 

di Peppe Iannicelli

 

Adesso che i cani possono entrare anche in ospedali e ristoranti perchè lasciare a casa il miglior amico quando si va allo stadio ? Perché non ululare insieme per la vittoria della squadra del cuore? Perché non leccarsi le ferite in caso di malaugurata sconfitta?

Ed allora via libera anche ai cani negli stadi. Chi è più fedele, più comprensivo, più sincero?

Purtroppo, però, gli impianti sportivi italiani sono pessimi per gli uomini, figuriamoci per i quadrupedi. Non ci sono aree attrezzate per poter condividere con il proprio cagnolino la passione calcistica; non c'è la sabbietta per i bisogni..... ma invero al San Paolo non ci sono neanche i gabinetti per le donne.

Come risolvere, poi, il problema della card ? Basta quella del padrone, oppure anche il cane deve avere la sua personale? Certo una differenza c'è se fuffy è un pit-bull oppure un chihuahua. E la museruola, se neanche i caschi possono essere introdotti allo stadio? Insomma, la vedo complicata nonostante che il dog-pride sia ormai dilagato ovunque, persino alla Città della Scienza di Bagnoli, a Napoli, dove è stata organizzata una giornata open per fido ed i loro padroni.

Alberghi, spiagge, piscine, musei, discoteche, vettori, centri commerciali assecondano l'affetto tra il cane ed il suo padrone che mai e poi mai vorrebbe separarsi da lui.

Solo il calcio è in drammatico ritardo e non si decide ad adeguarsi. Sarebbe bello che uno spicchio di tribuna fosse riservato ai quattro zampe.

Non solo i cani, naturalmente. Anche gatti, canarini, pitoni, pesci rossi hanno diritto a vedere la partita. A volte si vedono in campo certi somari, con tutto il rispetto, al cui cospetto quelli veri sono modelli d'eleganza e capacità.

Per non dire degli spalti abitati – talvolta – da bestie bipedi ben più feroci di una tigre del bengala.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen