NEWS

Tra arte e natura. Sabato a Castel Gandolfo   di Luigi Rezzuti   Anche se con notevole ritardo, ho saputo di poter visitare Castel Gandolfo, partendo...
continua...
DIANA FRANCO PER IL QUIRINALE   Il dipinto su cristallo, intitolato Terrae Motus, donato dall’artista napoletana Diana Franco al Quirinale, è esposto...
continua...
NAPOLI CAMPIONE D’INVERNO   di Luigi Rezzuti   Solo per la squadra del Napoli  il 2017 non ha portato sfortuna, anzi ha dimostrato che la forza dei...
continua...
 Le biblioteche napoletane   di Antonio La Gala     Per capire come e quando le attuali biblioteche napoletane sono sorte non si può prescindere...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Fiori del mio campo, di Giovanni Baiano, Cosmopolis Edizioni Napoli   Uomo d’altri tempi, Giovanni...
continua...
LA D’OVIDIO NICOLARDI, SCUOLA DI PACE E DI CAMPIONI   di Annamaria Riccio     Un altro anno scolastico si è concluso all’insegna di interessanti...
continua...
I “Colloqui di Salerno” 2016   di Claudia Bonasi   Si terrà martedì 18 ottobre, alle ore 11, nella Sala Giunta del Comune di Salerno, la conferenza...
continua...
L’INGIUSTIZIA ITALIANA UN PERMESSO VERGOGNOSO   di Luigi Rezzuti   Il 13 marzo del 2018 un branco di ragazzini uccisero la guardia giurata Francesco...
continua...
LA TOMBA PROFANATA  
continua...
ALLA REGGIA DI CASERTA COL TRENO REGGIA EXPRESS   di Luigi Rezzuti   Da metà gennaio del 2017, dalla stazione ferroviaria di Napoli Centrale parte...
continua...

E’ MORTO MARCELLO D’ORTA

 

di Luigi Rezzuti

 

E’ morto Marcello D’Orta. Aveva 60 anni. Autore a tutti noto per avere scritto, fra gli altri, un libro di grande successo:  Io speriamo che me la cavo, nato dalla sua esperienza di insegnante in una scuola elementare di Arzano.

La triste notizia è stata data dal figlio, padre Giacomo.

I funerali si sono svolti nella Basilica di San Francesco di Paola, in piazza Plebiscito. Sono intervenuti Leo Gullotta, Luciano De Crescenzo, Gragnaniello e tanti altri personaggi dello spettacolo e della cultura.

Marcello D’orta  era nato il 25 gennaio 1953 in una famiglia numerosa, ha insegnato per quindici anni.

E’ diventato famoso nel 1990 con il libro Io speriamo che me la cavo. Questo suo primo libro era una raccolta di sessanta temi scritti da ragazzi di una scuola elementare di Arzano. Ne sono state vendute più di un milione di copie.

Nei loro scritti i ragazzi raccontavano con innocenza, umorismo e con infiniti errori grammaticali (appositamente non corretti) storie di vita quotidiana, osservando e riportando con semplicità ed ingenuità fenomeni come la camorra, il contrabbando, la prostituzione e le gravidanze inaspettate.

Dal libro è stato tratto il film con Paolo Villaggio, protagonista, nei panni dello stesso autore, per la regia di Lina Wertmuller, oltre ad una commedia musicale con Maurizio Casagrande, nel2007.

Fra le sue opere Dio ci ha creato gratis, Il maestro sgarrupato, Nessun porco è signorina e tanti altri ancora.

Un anno e mezzo fa D’Orta confidò di avere un cancro “Quando, alcuni mesi fa, mi fu diagnosticato un tumore, il primo pensiero fu la monnezza. E’ colpa, è quasi certamente colpa della monnezza se ho il cancro. Donde viene questo male a me che non fumo, non bevo, non ho vizi e consumo pasti certosini? Mi ricordai, in quei drammatici momenti che seguirono la lettura del referto medico, di recenti dati pubblicati dall’Organizzazione mondiale della sanità, secondo cui era da mettersi in relazione l’aumento vertiginoso delle patologie di cancro con l’emergenza rifiuti.

Così sono stato servito. A chi devo dire grazie? Certamente alla camorra”.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen