NEWS

QUATTRO GIORNI ALL’ELBA   di Luigi Rezzuti   Non è la trama di un film di guerra, se il lettore legge male sostituendo Elba con Alba. È semplicemente...
continua...
Buongiorno mezzanotte, torno a casa   Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario - piazza Dante 44/45, Napoli - Info 081 014 5940 Mercoledì 18...
continua...
FIORI DEL MIO CAMPO  
continua...
IL "PREMIO CERINO"   (Maggio 2016)
continua...
EVENTI COSMOPOLIS   Giovedì 12 maggio 2016 - ore 16, 30 Auditorium Scuola media “D’Ovidio – Nicolardi Saluto della Preside Prof. Valeria...
continua...
PREMIO SALVATORE CERINO  
continua...
Il cervello anarchico – Enzo Soresi   di Luciana Alboreto   SIN è la sigla della “Società Italiana di Neurologia” che, dal 14 al 20 marzo 2016,...
continua...
Un interessante spettacolo di ERIN K   L’Associazione La Stazione & Rock Events hanno presentato, nei giorni scorsi, uno spettacolo live della...
continua...
La casa editrice oèdipus a Palazzo Braschi di Roma e alla Biblioteca Nazionale di Rio de Janeiro   Due presentazioni prestigiose per la casa editrice...
continua...
UNA DONNA CHE VENDEVA  POESIE   di Luigi Rezzuti   Eravamo seduti al solito bar, in  attesa di radunarci tutti per la consueta uscita del sabato...
continua...

Giù la saracinesca

 

di Luciano Scateni

 

Chiudono uno dopo l’altro oltre centotrenta negozi in un solo quartiere di Napoli. Al Vomero si sono spente le luci di attività commerciali storiche e, solo per fare due o tre nomi, il frequentatissimo bar Daniele, ritrovo abituale e specialmente domenicale per abitanti, a loro volta storici, del rione collinare, l’elegante negozio di abbigliamento femminile Coppola di via Scarlatti, il familiare esercizio Caputo, gioia e delizia dei piccoli per un assortimento straordinario di giocattoli. Ha lasciato la libreria Guida, strozzata da aumenti insostenibili del canone di locazione, ha chiuso perfino il gigante Fnac, scoraggiato dal caro affitti. Ultimo in ordine di tempo a esporre la bandiera bianca della resa è ora Loffredo, editore e libraio, grande riferimento dei lettori vomeresi e degli studenti per il settore della “scolastica”. Dispiace per tutti i commercianti costretti a concludere il loro lavoro prezioso per impossibilità a sostenere il doppio onere di affitti aumentati a dismisura e di tasse gravose. Dispiace anche di più aver perso un punto di riferimento della cultura di quartiere, la libreria Loffredo, appunto, che, oltre a svolgere l’importante ruolo di catalizzazione per chi si nutre di romanzi, saggi e letteratura per ragazzi, offriva la propria sala interna per la presentazione dei libri. Può darsi che, in un tempo non lontano, i libri finiscano negli scaffali di supermarket, in compagnia di carciofi e sogliole surgelate e per questa scomoda prospettiva torna in mente l’insostituibile rapporto lettore-libraio degli anni settanta, quando acquistare un libro era il risultato del rapporto di reciproca conoscenza tra venditori e clienti, quando il gusto della scelta era un gesto di rispetto per la cultura e la propria disposizione verso un genere piuttosto che per un altro. Oggi i bestseller, disposti in alte pile nei megastore, si vendono in funzione della pubblicità, soprattutto televisiva, ma più in generale di  quella martellante proposta dai media che spadroneggiano per  ampiezza di diffusione. 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen