NEWS

Il cervello anarchico – Enzo Soresi   di Luciana Alboreto   SIN è la sigla della “Società Italiana di Neurologia” che, dal 14 al 20 marzo 2016,...
continua...
BROCCOLINCOLLINA Il VOMERO, un quartiere che rappresenta un unicum a Napoli ed in Italia. Una vera città nella città, con una storia, un patrimonio...
continua...
LA JUVE VINCE LO SCUDETTO IL NAPOLI VINCE LO SCUDETTO DELL’ONESTA’   di Luigi Rezzuti   Pensavamo che calciopoli fosse davvero finita, invece sotto...
continua...
Ma a me, lei ci pensa ancora?   di Luigi Rezzuti   Francesco aveva quindici anni. Erano gli anni dei primi innamoramenti, amori teneri di un ragazzo...
continua...
Il valore della formazione   di Gabriella Pagnotta   Questo articolo è rivolto a chi, come me, vive le richieste, da una parte, di una scuola alla...
continua...
Eleganza   di Mariacarla Rubinacci   Finalmente ha fatto il suo trionfale ingresso la stagione calda/tiepida, dato che alcuni momenti di pioggia...
continua...
Discutibili sentenze arbitrali   di Luigi Rezzuti   Ad appena otto giorni dal termine del campionato, il Napoli subisce una sonora sconfitta da...
continua...
L’intramontabile fascino della dieta mediterranea   di Laura Coluccio *   Maggio e giugno, antichi nemici della tavola e grandi amici di diete e...
continua...
CHIUSO IL CALCIO MERCATO INVERNALE   di Luigi Rezzuti   Si è concluso il calcio mercato invernale 2017. Quest’anno, a differenza delle passate...
continua...
  Miti napoletani di oggi. 55 IL NUOVO SIMBOLISMO NATALIZIO   di Sergio Zazzera   Sono molte, al mondo, le città che anelano a “toccare il cielo”:...
continua...

Giù la saracinesca

 

di Luciano Scateni

 

Chiudono uno dopo l’altro oltre centotrenta negozi in un solo quartiere di Napoli. Al Vomero si sono spente le luci di attività commerciali storiche e, solo per fare due o tre nomi, il frequentatissimo bar Daniele, ritrovo abituale e specialmente domenicale per abitanti, a loro volta storici, del rione collinare, l’elegante negozio di abbigliamento femminile Coppola di via Scarlatti, il familiare esercizio Caputo, gioia e delizia dei piccoli per un assortimento straordinario di giocattoli. Ha lasciato la libreria Guida, strozzata da aumenti insostenibili del canone di locazione, ha chiuso perfino il gigante Fnac, scoraggiato dal caro affitti. Ultimo in ordine di tempo a esporre la bandiera bianca della resa è ora Loffredo, editore e libraio, grande riferimento dei lettori vomeresi e degli studenti per il settore della “scolastica”. Dispiace per tutti i commercianti costretti a concludere il loro lavoro prezioso per impossibilità a sostenere il doppio onere di affitti aumentati a dismisura e di tasse gravose. Dispiace anche di più aver perso un punto di riferimento della cultura di quartiere, la libreria Loffredo, appunto, che, oltre a svolgere l’importante ruolo di catalizzazione per chi si nutre di romanzi, saggi e letteratura per ragazzi, offriva la propria sala interna per la presentazione dei libri. Può darsi che, in un tempo non lontano, i libri finiscano negli scaffali di supermarket, in compagnia di carciofi e sogliole surgelate e per questa scomoda prospettiva torna in mente l’insostituibile rapporto lettore-libraio degli anni settanta, quando acquistare un libro era il risultato del rapporto di reciproca conoscenza tra venditori e clienti, quando il gusto della scelta era un gesto di rispetto per la cultura e la propria disposizione verso un genere piuttosto che per un altro. Oggi i bestseller, disposti in alte pile nei megastore, si vendono in funzione della pubblicità, soprattutto televisiva, ma più in generale di  quella martellante proposta dai media che spadroneggiano per  ampiezza di diffusione. 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen