NEWS

Tanto va la gatta al lardo… Giro di boia per il Santone Samuele   di Luigi Rezzuti   Sulle pagine de “IL VOMERESE” del mese di marzo 2016,...
continua...
INCONTRI AL TRAMONTO   (Giugno 2017)
continua...
UN VIAGGIO DI ALTRI TEMPI   di Luigi Rezzuti   Un mendicante, tutte le sere se ne andava a dormire nella stazione centrale di piazza Garibaldi a...
continua...
Ecco i tre vincitori del premio Trivio     di Claudia Bonasi   Ecco i vincitori del premio letterario Trivio 2016. Per la sezione prosa edita vince...
continua...
Miti napoletani di oggi.43 “’O surdato ‘nnammurato”   di Sergio Zazzera   I conflitti bellici sono stati sempre occasione di nascita di canti, dei...
continua...
L’isolotto di Megaride tra mito e realtà   di Luigi Rezzuti   E’ di una decina di giorni fa la notizia che un gruppo di archeologi subacquei si sono...
continua...
SEGNALBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Frammenti di vita, di Salvatore Bova, Cosmopolis Edizioni Napoli La lunga consuetudine con la produzione...
continua...
Miti napoletani di oggi.58 IL CORTEO FUNEBRE   di Sergio Zazzera   Un mattino qualsiasi di un giorno qualsiasi, in una strada qualsiasi di un...
continua...
 SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   I “no” degli omofobi   Il becero ribellismo della Lega Nord carica Salvini di odio sociale e non ci vuole il...
continua...
XXI edizione del Premio Montale Fuori di Casa  Il riconoscimento a Massimo Gramellini     Queste le motivazioni con cui è stato assegnato il XXI...
continua...

TERRA DEI FUOCHI

 

di Luigi Rezzuti

 

Eravamo a conoscenza già da vent’anni, e forse più, che nella Terra dei Fuochi, compresa tra i comuni di Qualiano, Giugliano, Caivano, Acerra, Nola, Marcianise, Melito, Casal di Principe, Casapesenna, Mondragone si sversavano, in scavi profondi anche oltre venti metri e che raggiungevano le falde acquifere, rifiuti tossici, industriali e nucleari, provenienti dal centro e nord Italia e dal nord Europa, che hanno fruttato al clan dei Casalesi miliardi di vecchie lire.

Oggi, le rivelazioni del pentito Carmine Schiavone, rese pubbliche dopo molti anni, hanno fatto rabbrividire tutti, con grande fermento nell’opinione pubblica, per avere rivelato i luoghi esatti dove ci sono stati gli sversamenti ed inoltre per la sua profezia : “Tra vent’anni moriranno di tumore tutti gli abitanti delle zone contaminate”.

Allora tutti si sono ricordati, all’improvviso, della Terra dei Fuochi. Subito se ne sono interessate testate giornalistiche, televisioni private e di Stato, anche se, ripetiamo, già si sapeva e fu anche scritto nel libro “Gomorra” di Roberto Saviano, ma nessuno se ne preoccupò più di tanto e pareva che le istituzioni fossero le uniche a non sapere, a non conoscere la gravità di questi veleni.

Oggi, Legambiente denuncia che dal 1991 al 2013 sono arrivate tonnellate di veleni tossici, seppelliti in discariche illegali.

Sotto inchiesta circa 450 aziende, la maggioranza con sede al centro e al nord Italia.

Da alcuni mesi non passa giorno senza una manifestazione contro il “biocidio” nella Terra dei Fuochi.

Adesso è pronto l’esercito per proteggere i territori da ulteriori sversamenti e tutelarli nella fase di bonifica.

Questa decisione è arrivata a poche ore dalla manifestazione del movimento “fiumeinpiena” dove 50 mila persone sono sfilate da piazza Garibaldi a piazza Municipio chiedendo di porre fine a questo biocidio.

Alla manifestazione hanno partecipato associazioni civiche e di categoria, ordini professionali, Legambiente, Fiom, l'associazione dei panificatori, la Caritas, i collettivi universitari e le televisioni che, con le loro telecamere, hanno ripreso il corteo.

Non sono intervenuti il sindaco Luigi De Magistris e il cardinale Crescenzio Sepe il quale, però, ha dichiarato il proprio sostegno all’iniziativa : “Andate avanti. Abbiate coraggio e non fatevi strumentalizzare, lottate per il bene della gente, per difendere la salute, l’aria che respirate, il cibo che mangiamo e la dignità delle persone”.

Intanto è scoppiata la psicosi dei cibi coltivati in queste zone: mele annurche, cavolfiori, carciofi, insalate, pomodori e quant’altro.

Molti hanno paura e, mentre prima guardavano solo la scadenza dei prodotti, oggi guardano anche la provenienza ed iniziano ad acquistare prodotti Bio.

Purtroppo, però, inizia anche la speculazione e alcune aziende del nord Italia sottolineano che i loro prodotti non provengono dal sud.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen