NEWS

La scatola di latta   di Bernardina Moriconi   Guardavo stamattina una scatola di latta che, fino ad ieri, conteneva biscotti e ora è in attesa di...
continua...
LA D’OVIDIO NICOLARDI, SCUOLA DI PACE E DI CAMPIONI   di Annamaria Riccio     Un altro anno scolastico si è concluso all’insegna di interessanti...
continua...
 SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   I “no” degli omofobi   Il becero ribellismo della Lega Nord carica Salvini di odio sociale e non ci vuole il...
continua...
CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A   di Luigi Rezzuti   Anche quest’anno il campionato di calcio di Serie A, come in quelli precedenti, lo vincerà ancora...
continua...
IL FURTO DEL “CAPPELLO” DI KOUNELLIS   di Sergio Zazzera   E’ del 4 marzo la notizia del furto del “Cappello”, elemento dell’installazione...
continua...
Antichi giardini di ville campane   di Antonio La Gala   Spesso nel visitare qualche antica villa napoletana o campana restiamo colpiti dal...
continua...
La casa editrice oèdipus a Palazzo Braschi di Roma e alla Biblioteca Nazionale di Rio de Janeiro   Due presentazioni prestigiose per la casa editrice...
continua...
TANGO DOWN di Gianluca Durante Caccia all’assassino   di Marisa Pumpo Pica     Presso l'Oratorio dell'Arciconfraternita, a Vietri sul Mare, si è...
continua...
OEDIPUS     Fisciano, mercoledì 8, ore 15,00, Università degli studi di Salerno, Incontri tra letteratura e matematica presso il Dipartimento di...
continua...
Miti napoletani di oggi.44 Labirinto napoletano   di Sergio Zazzera   Il mito classico del labirinto è noto a tutti: l’assatanata Pasifae si lascia...
continua...

ANDIAMO A CINEMA.2

 

IL SOLITARIO (regia di Christofh Offenstein; con Francois Clunet, Guillaume Canet, Karina Vanesse, Arly Jover, Josè Coranado; genere : drammatico).

Trama: Il giro del mondo in barca a vela è una di quelle esperienze travolgenti fisicamente e psicologicamente che non possono essere comprese da chi non le vive. Solcare il mare per tre mesi tagliando l’equatore e sfiorando i ghiacci dell’Antartide, domare le onde con l’imbarcazione sfruttando venti e correnti a proprio vantaggio non è un lavoro, è una vocazione. Partendo dalla consapevolezza di non poter restituire tutto questo al pubblico, il regista realizza un film paradossalmente di grande asciuttezza nonostante l’oceano sia uno dei silenti protagonisti.

 

L’ARTE DELLA FELICITA’  (regia di Alessandro Rak; genere: animazione).

Trama: L’arte della felicità è un film di animazione, piuttosto speciale per l’efficienza dei disegni e per l’estrema suggestione delle atmosfere create, più che per l’eccesso di parole retoriche di una Napoli sepolta sotto l’immondizia, cupa e piovosa, oppressa dalla minacciosa cappa di un presagio totale.

 

FUGA DI CERVELLI  (regia di Paolo Ruffini; con Paolo Ruffini, Luca Peracino, Andrea Pisani, Guglielmo Scilla, Frank Matano; genere: commedia).

Trama: Il timido e impacciato Emilio è innamorato della bellissima Nadia fin  da quand’erano piccoli.  Per i lunghi anni d’infanzia e dell’adolescenza,  Emilio non ha mai avuto il coraggio di confessarle il suo amore. la venerazione nei confronti della ragazza l’ha portato anche a iscriversi alla stessa facoltà di medicina. un bel pomeriggio primaverile, Emilio prende coraggio a due mani, si avvicina a Nadia, la saluta ma lei gli racconta che sta per partire per l’Inghilterra, ha vinto una borsa di studio e si trasferisce ad Oxford. Emilio è distrutto, ma per fortuna non è solo, ha un gruppo di amici straordinari per idiozia, ma anche per entusiasmo. Falsificando documenti e diplomi, riescono ad ottenere l’iscrizione ad Oxford. così il gruppo sbarca in Inghilterra, cinque “brillanti menti” nel tempio del sapere per superiorità.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen