NEWS

Parlanno ’e poesia 4 - Giovanni Boccacciari   di Romano Rizzo   Una fìgura di primo piano, nel panorama della poesia napoletana è stata, senza dubbio,...
continua...
Andiamo aTeatro a cura di Marisa Pumpo Pica   AL TEATRO DIANA “STORIE DI CLAUDIA”   Da mercoledì 24 febbraio fino al 6 marzo, Claudia Gerini in:...
continua...
Abolizione delle monete da 1 e 2 centesimi di euro   di Luigi Rezzuti   Qualche anno fa, avemmo modo di denunciare lo spreco di danaro da parte...
continua...
MILLE VOCI PER AMATRICE   di ANNAMARIA RICCIO   Il cuore della D’Ovidio Nicolardi questa volta batte per Amatrice. Un concerto al cinema Plaza lo...
continua...
IN VIAGGIO CON UN RAGAZZO NIGERIANO   di Luigi Rezzuti   Era un ragazzo di sedici anni, lo sguardo vispo, un sorriso sempre stampato sul volto. La...
continua...
La Fundación Escuela Museo Abierto Para El Mundo a “Il ramo d’oro”   Per i 25 anni della propria attività la Fundación Escuela Museo Abierto Para El...
continua...
UN VIAGGIO DI ALTRI TEMPI   di Luigi Rezzuti   Un mendicante, tutte le sere se ne andava a dormire nella stazione centrale di piazza Garibaldi a...
continua...
Cetara al simposio internazionale in Giappone   di Claudia Bonasi     Cetara partecipa, da protagonista, in Giappone, al simposio internazionale “La...
continua...
Georges Bataille. Vita, personalità e formazione culturale   di Gabriella Pagnotta   Georges Bataille nasce a Billom nel Puy–de–Dôme il 10 settembre...
continua...
PRIMA DELL'OBLIO         (Marzo 2019)
continua...

Al Teatro Troisi  Gabriella Germani  in “Basta con le solite facce”

 

di Antonio Esposito

 

Al Teatro Troisi di Napoli Gabriella Germani nel suo one woman show “Basta con le solite facce” è accompagnata da Alessandro Gwis, straordinario pianista jazz e componente del gruppo Aires Tango .

Gabriella, nota al pubblico per tutte le sue apparizioni televisive e per la partecipazione a Viva Radio 2 con Fiorello e Marco Baldini, interpreta  magistralmente i suoi personaggi senza ausilio di trucco o parrucche, si trasforma solo grazie alla sua voce ed alla sua gestualità ed è divina.

L’elenco  dei personaggi è  davvero molto vasto ed attraverso le imitazioni Gabriella analizza i nostri tempi, la tv, la politica, l’informazione, il costume e rende omaggio alla  tv in bianco e nero del nostro recente passato.

Gabriella interpreta  la Palombelli, che commenta omicidi e politica tra un viaggio ed una crociera pur di non stare a  casa con Rutelli,  irride alla Santanché  che esalta le virtù morali del Cavaliere estraneo ad ogni forma di razzismo poiché non fa alcuna distinzione tra le etnie e le origini delle donne che lo circondano,  l’importante è che siano giovani così come vuole apparire lui dopo tutti i suoi lifting. Straordinarie le imitazioni della Mussolini, della D’Urso e della Venier, travolgente l’interpretazione di una decisa e spietata Maria De Filippi che chiude con una litigata in diretta telefonica con una confusa e criptica Simona Ventura.

Degno di riflessione  il passaggio sulle alle attuali attrici del cinema tagliate apposta per determinati ruoli: la Morante, Laura Chiatti, Micaela Ramazzotti etc. etc.; Indimenticabile lo sketch della Morante che insegna recitazione ad una Monica  Bellucci  sensuale e  bellissima sul set ma che non nasconde spassose origini ruspanti al telefono con la mamma.

Esilarante il passaggio che mette in risalto il pathos narrativo  e la verve drammatica della Arcuri.

In una nostalgica atmosfera musicale tra Carosello e Almanacco del giorno dopo è piacevole il richiamo al bianco e nero con l’interpretazione di Bice Valori nel ruolo della centralinista Rai ed è notevole il confronto tra gli anni ‘70 ed i nostri tempi  in un surreale confronto televisivo con una sensuale Marina Morgan.

Non mancano sorprendenti interpretazioni canore: la Berté con una grandiosa “ninna nanna”, Carmen Consoli ed Ornella Vanoni che duettano, l’esordio a Sanremo di Anna Oxa  ed altro ancora.

Lo spettacolo è eccellente e tra una risata e l’altra Gabriella ci dice di cambiare,   basta con i furbi che non fanno la fila, con la politica che non  serve il Paese,  con  gli evasori ma anche con i politici corrotti, basta con i sotterfugi, basta con i concorsi e con le selezioni che non tengono  conto dei reali meriti , basta con... insomma “Basta con le solite facce”.

 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen