NEWS

Parlanno ’e poesia 7   di Romano Rizzo   Peppino Russo  (13 Maggio 1907 / 16 Ottobre 1993) Peppino Russo nacque a Napoli, al corso Garibaldi, nei...
continua...
L’OSTERIA DEL CONTADINO   di Luigi Rezzuti   L’osteria del contadino era una semplice casupola in mezzo ai campi. Chi non la conosceva, poteva...
continua...
Martedì 4 luglio al via "Vietri in Scena" Oltre 20 appuntamenti gratuiti a Villa Guariglia, Villa Comunale e Palazzo della Guardia   Al via domani...
continua...
AL MUSEO DUCA DI MARTINA   (Febbraio 2017)
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   Monos di Antonio Di Nola - Oèdipus Edizioni   Spesso siamo portati a pensare che la poesia e la scienza...
continua...
HAMSIK LASCIA NAPOLI PER LA CINA   di Luigi Rezzuti   Il mercato invernale italiano di calcio si era chiuso il 31 gennaio e l’unico movimento per il...
continua...
Miti napoletani di oggi.51 I MERCATINI RIONALI   di Sergio Zazzera   Mimmo Piscopo, Mercatino di Antignano Napoli è tutta un pullulare di...
continua...
Maturità alle porte - Riflessioni di una studentessa   di Irene Del Gaudio   Sono una studentessa. Liceale, ancora per poco. Si avvicina...
continua...
SVEGLIA! Edizioni Spartaco al Salone internazionale del libro di Torino Lingotto Fiere - Dal 18 al 22 maggio Stand J38   Intenso, corposo, amaro: è...
continua...
Il cervello anarchico – Enzo Soresi   di Luciana Alboreto   SIN è la sigla della “Società Italiana di Neurologia” che, dal 14 al 20 marzo 2016,...
continua...

Al Teatro Troisi  Gabriella Germani  in “Basta con le solite facce”

 

di Antonio Esposito

 

Al Teatro Troisi di Napoli Gabriella Germani nel suo one woman show “Basta con le solite facce” è accompagnata da Alessandro Gwis, straordinario pianista jazz e componente del gruppo Aires Tango .

Gabriella, nota al pubblico per tutte le sue apparizioni televisive e per la partecipazione a Viva Radio 2 con Fiorello e Marco Baldini, interpreta  magistralmente i suoi personaggi senza ausilio di trucco o parrucche, si trasforma solo grazie alla sua voce ed alla sua gestualità ed è divina.

L’elenco  dei personaggi è  davvero molto vasto ed attraverso le imitazioni Gabriella analizza i nostri tempi, la tv, la politica, l’informazione, il costume e rende omaggio alla  tv in bianco e nero del nostro recente passato.

Gabriella interpreta  la Palombelli, che commenta omicidi e politica tra un viaggio ed una crociera pur di non stare a  casa con Rutelli,  irride alla Santanché  che esalta le virtù morali del Cavaliere estraneo ad ogni forma di razzismo poiché non fa alcuna distinzione tra le etnie e le origini delle donne che lo circondano,  l’importante è che siano giovani così come vuole apparire lui dopo tutti i suoi lifting. Straordinarie le imitazioni della Mussolini, della D’Urso e della Venier, travolgente l’interpretazione di una decisa e spietata Maria De Filippi che chiude con una litigata in diretta telefonica con una confusa e criptica Simona Ventura.

Degno di riflessione  il passaggio sulle alle attuali attrici del cinema tagliate apposta per determinati ruoli: la Morante, Laura Chiatti, Micaela Ramazzotti etc. etc.; Indimenticabile lo sketch della Morante che insegna recitazione ad una Monica  Bellucci  sensuale e  bellissima sul set ma che non nasconde spassose origini ruspanti al telefono con la mamma.

Esilarante il passaggio che mette in risalto il pathos narrativo  e la verve drammatica della Arcuri.

In una nostalgica atmosfera musicale tra Carosello e Almanacco del giorno dopo è piacevole il richiamo al bianco e nero con l’interpretazione di Bice Valori nel ruolo della centralinista Rai ed è notevole il confronto tra gli anni ‘70 ed i nostri tempi  in un surreale confronto televisivo con una sensuale Marina Morgan.

Non mancano sorprendenti interpretazioni canore: la Berté con una grandiosa “ninna nanna”, Carmen Consoli ed Ornella Vanoni che duettano, l’esordio a Sanremo di Anna Oxa  ed altro ancora.

Lo spettacolo è eccellente e tra una risata e l’altra Gabriella ci dice di cambiare,   basta con i furbi che non fanno la fila, con la politica che non  serve il Paese,  con  gli evasori ma anche con i politici corrotti, basta con i sotterfugi, basta con i concorsi e con le selezioni che non tengono  conto dei reali meriti , basta con... insomma “Basta con le solite facce”.

 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen