NEWS

LARGO O PIAZZA?   di Antonio La Gala     Spesso nel leggere cose della Napoli antica ci imbattiamo in denominazioni stradali che ci lasciano...
continua...
Annella, un’anomalia del Seicento.   di Antonio La Gala   Un tratto dell’antica “via per colles”, che in epoca romana congiungeva l’area flegrea con...
continua...
Lutto in casa Cosmopolis per la morte di Peppe Talone   di Marisa Pumpo Pica     Non è facile metabolizzare un lutto e ancor meno lo è quando il...
continua...
RITIRO DEL NAPOLI A DIMARO FOLGARIDE   di Luigi Rezzuti   Si avvicina il precampionato del Napoli, che, dopo una stagione non entusiasmante, ma...
continua...
SALUTE E BENESSERE Una casa a misura di sonno   di Peppe Iannicelli   Un terzo della giornata per lavorare, un terzo della giornata per vivere i...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Odio -Amore e nel mezzo Trump Non è vero che l’incredibile Trump rischi il linciaggio politico globalizzato, ma  i...
continua...
BUON COMPLEANNO, TOTO’   di  Luigi Rezzuti   Antonio De Curtis, per tutti  Totò, il “principe della risata”, destinato a riempire i teatri e le sale...
continua...
UNITRE - Cerimonia di chiusura dell’anno accademico   Si è svolta, nei giorni scorsi,  la cerimonia di chiusura dell’anno accademico 2015/2016...
continua...
SERGIO ZAZZERA, Broccolincollina. Fatti, figure e luoghi della collina vomerese (Napoli, Cuzzolin, 2016), pp. 200, €. 13,00.   recensione di Mimmo...
continua...
Il governo migliore è la speranza   di Annamaria Riccio   Affidiamo i nostri desideri agli eventi del futuro. Viviamo pensando che il dopo sarà la...
continua...

Miti napoletani di oggi.13

IL "LUNGOMARE LIBERATO"

 

di Sergio Zazzera

 


Non spetta a me, napoletano, decidere se la definizione di “strada più bella del mondo”, che numerose fonti straniere attribuiscono al Lungomare Caracciolo, abbia valenza reale o mitica, o magari anche soltanto iperbolica. Sta di fatto, però, che l’intitolazione originaria di quella strada fu decisa per onorare la memoria dell’ammiraglio Francesco Caracciolo, eroe della rivoluzione napoletana del 1799. Ora, invece, l’amministrazione comunale napoletana, ponendo sostanzialmente nel nulla oltre duecento anni di storia, l’ha ribattezzata, sia pure di fatto, “Lungomare Liberato”.

Ebbene, se – come poc’anzi osservavo – qualche perplessità, in termini di mito, può destare la valutazione estetica di questa strada da parte di autori stranieri, viceversa, l’assoluta certezza, in quei medesimi termini, è data da questa sua ridenominazione. Alla “liberazione” del Lungomare Caracciolo dalla circolazione veicolare, infatti, corrisponde l’intasamento di gran parte del residuo territorio cittadino, sul quale si è reso necessario dirottare quel flusso: viene da pensare alla “liberazione/occupazione” di Napoli, dopo le Quattro Giornate, da parte degli alleati della Quinta Armata, i quali di fatto si sostituirono ai tedeschi. E dire che l’ampiezza della strada è tale, che la si potrebbe agevolmente suddividere in senso longitudinale, realizzando contemporaneamente una corsia carrabile, una pista ciclabile e un’area pedonale, così contemperando le esigenze di tre realtà, tutte parimenti insopprimibili. E, se soltanto lo si volesse, si sarebbe ancora in tempo.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen