NEWS

Andiamo a teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   "Io e Napoli"   Al TEATRO DIANA, da giovedì 5 maggio, GINO RIVIECCIO in "Io e Napoli" di Gino...
continua...
Ferdinando aveva due Sicilie   di Antonio La Gala   Perché i Borbone erano re di Due Sicilie, visto che esiste una sola Sicilia? Per capirlo...
continua...
L’IMBUSTATO   di Luigi Rezzuti   Fin da ragazzo Ernesto aveva sempre sofferto con dolori alla schiena e tutti gli dicevano che ciò era dovuto ad un...
continua...
Miti napoletani di oggi.51 I MERCATINI RIONALI   di Sergio Zazzera   Mimmo Piscopo, Mercatino di Antignano Napoli è tutta un pullulare di...
continua...
LINO BANFI   di Luigi Rezzuti   Pasquale Zagaria, in arte Lino Banfi, nasce il 9 luglio del 1936 ad Andria, in provincia di Bari. A quindici anni...
continua...
“Pagine” di Vincenzo Aulitto e Francesco Lucrezi     Mercoledì 13 dicembre 2017 alle ore 17 presso Movimento Aperto, via Duomo  290/c Napoli si...
continua...
HAMSIK LASCIA NAPOLI PER LA CINA   di Luigi Rezzuti   Il mercato invernale italiano di calcio si era chiuso il 31 gennaio e l’unico movimento per il...
continua...
LA CHAMPIONS LEAGUE                   di Luigi Rezzuti   E’ arrivato il momento della Champions League che è iniziata con la fase a gironi il 13...
continua...
Miti napoletani di oggi.52 IL “CUOPPO”   di Sergio Zazzera   In senso proprio, a Napoli il cuóppo è il cartoccio a forma di cono capovolto; in...
continua...
I “Colloqui di Salerno” 2016   di Claudia Bonasi   Si terrà martedì 18 ottobre, alle ore 11, nella Sala Giunta del Comune di Salerno, la conferenza...
continua...

San Gennaro, pensaci tu

 

di Luigi Rezzuti

 

Che la Juventus fosse, ancora una volta, la squadra da battere, la squadra favorita per aggiudicarsi la vittoria finale e lo scudetto nel campionato 2013-  2014, era da aspettarselo.

Nessuno, invece, si aspettava una partenza a razzo, una partenza straordinaria della Roma, ma, grazie alla splendida forma di capitan Totti,  ha incanalato una serie di vittorie, balzando in vetta alla classifica.

Purtroppo, una volta infortunatosi il capitano, la grinta degli altri calciatori è andata a diminuire facendo perdere alla squadra anche la vetta della classifica.

Il Napoli per questa stagione agonistica si presentava, ai nastri di partenza, completamente rinnovata, sia per il cambio dell’allenatore che per i nuovi calciatori (7/11).

Il merito di Benitez, allenatore di grossa esperienza in campo internazionale, è stato quello di amalgamare subito la rosa dei calciatori, sia nuovi che vecchi, cambiando, inoltre, sistema di gioco con rinnovate tecniche e tattiche di allenamento.

Così. la squadra del Napoli, insieme alla Roma, ha ottenuto un brillante inizio di stagione e vittorie importanti in Champions.

Poi sono arrivati gli infortuni di Huguain, Mesto, Zuniga e Maggio ed il calo fisico di giocatori di livello come Inler ed Hamsik ed ecco i primi pareggi, le prime sconfitte in campionato, che hanno fatto perdere punti in classifica, vedi  Sassuolo, Roma, Juve e Parma ed infine anche Champions, dove bastava un pareggio con il Borussia ed invece siamo stati sconfitti per ben tre reti ad una.

Adesso non resta che una piccolissima speranza per superare il turno: se il Borussia vincerà contro il Marsiglia, cosa non difficile essendo il Marsiglia a zero punti in classifica, il Napoli dovrà assolutamente vincere per tre a zero contro l’Arsenal.

A questo punto non ci sono allenamenti particolari, ritiri strategici, ritorno alla forma iniziale, ma solo un miracolo di San Gennaro. 

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen