NEWS

E  POI ... Rio, inferno e paradiso di Raffaele Calafiore   di Luigi Alviggi   Copacabana, Ipanema, sono nomi che rievocano immagini prestigiose di...
continua...
TANTI AUGURI. MARADONA CHE NON TRADISCE   di Peppe Iannicelli   Napoli e Buenos Aires, il Vesuvio ed il Rio de La Plata,  i vicoli del Decumano e le...
continua...
UN NATALE DEL DOPOGUERRA   di Luigi Rezzuti   Alla fine del 1945 Napoli era ancora un cumulo di macerie. La città rinasceva lentamente...
continua...
PREMIO NAZIONALE DI POESIA "SALVATORE CERINO"     (Dicembre 2018)
continua...
Nati per donare?   Sabato 8 aprile, ore 17.30, via Cappella Vecchia, 8-b, 1° piano (citofono n. 1003), l’Associazione lucana Giustino Fortunato di...
continua...
Calciomercato invernale 2016   di Luigi Rezzuti   Si è concluso, da appena un mese, il girone di andata del campionato italiano di calcio ed è subito...
continua...
PROGRAMMA dei CORSI dell'associazione 1virgola618   Eventi 2018 Percorso di riconoscimento di  ERBE spontanee sabato 3 marzo   ore 14-18con Alberto...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Sul ponte di Messina “…lor si daran la mano” Identità di promesse tra Dem e Forza Italia.   Sì, no, se, ma,...
continua...
Parlanno ‘e poesia 8   di Romano Rizzo   Gennaro Esposito Una delle più dibattute teorie sull’arte e la poesia è certo quella relativa al ruolo che...
continua...
Gli studenti ignoranti   di Annamaria Riccio   Una lettera, firmata da 600 docenti universitari e indirizzata al governo, ha suscitato non poco...
continua...

UNA SANTA PATRONA PER IL VOMERO

 

di Sergio Zazzera

 

 

A san Gennaro, patrono principale della città di Napoli, sono stati associati, nel tempo, ben cinquantadue compatroni, cui è attribuito erroneamente il senso di “uno per settimana”; viceversa, tale attribuzione è riferibile a motivazioni diverse per ciascuno di essi, fra le quali quella funzionale, vale a dire, quella dell’oggetto del loro patrocinio.

Fra tutti questi santi, il “Paradiso napoletano” comprende sant’Irene, alla quale è riconosciuto il compito di protezione dai fulmini. La sua statua d’argento, che fu modellata nel 1733 dall’argentiere napoletano Carlo Schisano, la raffigura in atto di respingere con la mano destra il fulmine che sta per colpire Napoli, la cui raffigurazione plastica poggia sul suo grembo, mentre con la sinistra regge un lembo del suo manto, proteso a proteggere la città dall’alto. E la parte della città coperta da quel lembo è – guarda caso – proprio il Vomero. Si può ammettere, dunque, che il patronato della santa sia rivolto principalmente a questa parte della città di Napoli.

Quale, poi, possa essere la motivazione di questa elezione, credo che sia possibile spiegare nella maniera seguente. Il patrocinio di sant’Irene risale a un arco di tempo compreso fra il 1733 e il 1760. Intanto, oltre due secoli prima, nel 1587, un fulmine si era abbattuto su Castel Sant’Elmo, colpendone la polveriera e causandone la parziale distruzione, che rese necessario l’intervento dell’architetto Domenico Fontana, perché potesse esserne attuata la ricostruzione, completata nel 1599. Tutto ciò autorizza a ritenere che, nonostante fossero trascorsi oltre due secoli, il ricordo del tragico evento doveva essere ancora vivo in tutta la città, al punto che l’autore della statua argentea ritenne di dover rendere in maniera icastica l’idea che a proteggere la collina vomerese dai fulmini fosse preposta proprio la santa.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen