NEWS

(Novembre 2017)
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni    Stupri? Colpa delle donne, dice Chrissie Un’ipotesi possibile nasce dalla biografia di tale Chrissie Hynde,...
continua...
“SWINGING”: ENZA MONETTI AL PAN   di Sergio Zazzera   In principio era l’albero. Che sia quello “della conoscenza del bene e del male” della...
continua...
Giro d’Italia e Universiadi - Buone prospettive per lo sport   di Luigi Rezzuti   Il Giro d’Italia 2019 Il Giro d’Italia 2019 ha 21 tappe, delle...
continua...
Juan José Arreola, BESTIARIO   di Luigi Alviggi     Un prologo violento, mezza paginetta, pare voler mandare a gambe all’aria l’intero genere umano e...
continua...
"CONCERTO PER ARCHI E FILI D'ERBA"  
continua...
L’OSSESSIONE DELLE VACANZE ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   La vacanza è un diritto inalienabile. Una volta, tanti anni fa, era un lusso solo per...
continua...
Maggio dei monumenti   di Luigi Rezzuti   Il maggio dei monumenti 2016 è iniziato e terminerà a metà giugno. La 24° edizione è incentrata sulle...
continua...
Nascita della stazione di Napoli Centrale   di Antonio La Gala   Tutti i napoletani, quelli meno giovani, per esperienza diretta, gli altri,...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Audience tv: tutto si fa per te Ma datevi una regolata. Il potere di condurre talk show, seguiti da qualche...
continua...

VIOLENZA SULLE DONNE

 

di Luigi Rezzuti

 

Più del 70% delle donne ha subito violenza almeno una volta nella vita.

È una piaga della società contemporanea.

La violenza sulle donne non è rappresentata solo da omicidi, stupri ma anche da violenze domestiche, molestie sul lavoro e stalking.

In Italia, dall’inizio del 2013, le vittime di femminicidio sono state circa 130.

“Aprite le porte di casa e denunciate” è stato l’appello di Rosaria Aprea, la miss di Macerata Campania (Caserta), presa a calci dal suo ex compagno.

In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, Giorgio Napolitano ha nominato Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, Lucia Annibali, l’avvocatessa di Pesaro, sfregiata con l’acido dal suo ex fidanzato.

Il presidente del consiglio, Enrico Letta, ha affermato: “Noi abbiamo deciso in questi mesi di dichiarare guerra alla violenza contro le donne”.

La giornata mondiale contro la violenza sulle donne non si è esaurita solo nell'arco della giornata del 25 novembre ma è continuata con una serie di eventi per convincere le donne a denunciare.

Purtroppo solo una piccola parte di vittime denuncia perché molte, per un errato concetto dell'amore, perdonano. “Sono andata in ospedale, ho detto che era stato mio marito a picchiarmi, ma non l’ho denunciato perché volevo ritornare a casa. Ero convinta di essere io a sbagliarmi. Lui me lo diceva sempre : “Se a me prendono i nervi è colpa tua” ha dichiarato una vittima di violenza.

Altre donne, invece, non denunciano per paura e si chiedono : “Non è che io lo denuncio e poi è peggio?” .

Fortunatamente negli ultimi anni qualcosa è cambiato: per la prima volta le denunce aumentano grazie a nuove leggi e ad una risposta efficace da parte delle istituzioni che cominciano a garantiscono protezione a chi vive nella paura. Strumenti che, dove vengono usati con rigore, stanno portando a risultati positivi.

Solo nel 2012 più  di duemila uomini hanno ricevuto il divieto di avvicinarsi alla compagna. Secondo il ministro degli interni l’80% degli ammonimenti viene rispettato.

 “Oggi le donne italiane sono più tutelate - dice Angelino Alfano – perché abbiamo lavorato per avere maggiori strumenti per punire il reato e  prevenire il fenomeno – e continua – occorre, quindi, impegnarci con forza e insieme per sradicare ogni forma di sopraffazione ed incrementare un'opera di sensibilizzazione ed  azioni educative perché la violenza non è segno di civiltà”.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen