NEWS

"Una legge per i matti: quarantanni dopo Basaglia". Presentati i Colloqui di Salerno a cura di Vincenzo Esposito e Francesco G. Forte   di Claudia...
continua...
“Voi mi odiate e io per dispetto vi amo tutti”   Lunedì, 14 marzo, alle ore 18.00, presso la libreria IOCISTO’, in via Cimarosa, 20 (Piazza Fuga),...
continua...
Tanto va la gatta al lardo… Giro di boia per il Santone Samuele   di Luigi Rezzuti   Sulle pagine de “IL VOMERESE” del mese di marzo 2016,...
continua...
L’OSTERIA DEL CONTADINO   di Luigi Rezzuti   L’osteria del contadino era una semplice casupola in mezzo ai campi. Chi non la conosceva, poteva...
continua...
LUNA ROSSA TORNA IN COPPA AMERICA   di Luigi Rezzuti   Alla 35a edizione dell’America’s Cup, disputatasi alle Bermuda, non gareggiò il team Luna...
continua...
IL BUSINESS DEL “COCCO BELLO”   di Luigi Rezzuti   Come in ogni stagione estiva, le spiagge della nostra penisola sono invase da venditori ambulanti...
continua...
    RESIDENZE BORBONICHE, Patrimonio dell’Umanità   APPELLO-PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO   Una grande campagna di...
continua...
“I De Filippo, il mestiere in scena”. Anteprima mondiale a Napoli.   di Luciana Alboreto   Le storiche sale di Castel dell’Ovo, accolgono dal 28...
continua...
IO E FRANCESCO   di ANNAMARIA RICCIO   A chi non è simpatico? Sentito parlare male del papa? Mai. Chiunque vorrebbe conoscerlo. Da quando si...
continua...
PRIMA DELL'OBLIO         (Marzo 2019)
continua...

CARO BABBO NATALE…

 

di Mariacarla Rubinacci

 

 

Così iniziava la nostra letterina quando, da bambini, la mamma ci diceva: “Comportati bene almeno per questo mese, altrimenti Babbo Natale non ti porterà niente!” Era  quasi un ricatto, ma noi con quelle tre parole di inizio, ci impegnavamo ad essere “buoni” per ricevere i doni richiesti e  attesi, come premio al nostro sacrificio. Ogni anno si ripeteva il rito, sceglievamo con cura la letterina più sfavillante e, con la penna in bocca, pensavamo alla bicicletta che desideravamo da tanto tempo, alla bambola con il suo vaporoso vestito che ci ammiccava dalla vetrina, al gioco del Lego con il quale davamo sfogo alla nostra creatività. Il sogno continuò fino a quando smise di farci illuminarci la mente dopo avere scoperto…la verità che con tanta dolcezza ci aveva fatto crescere con i giusti valori per affrontare la vita.

La tradizione, però, continua. Sempre accompagniamo i nostri bimbi aiutandoli a saper sognare e facciamo imbucare una letterina ben scritta con l’impegno a rispettare il sacrificio. Le richieste sono cambiate, ma immutato è il rito. Così, sotto l’albero, sempre c’è un pacchetto con il suo fiocco rosso che nasconde un pensiero, un augurio, una gesto d’amore. I regali diventano l’omaggio all’affetto, all’amicizia, alla solidarietà, alla gioia di ritrovarsi, alla certezza che non si è soli, all’abbraccio che cinge le spalle, al bacio sulla guancia, al “Grazie” detto con il cuore.

Dunque Babbo Natale esiste, è una certezza. E’ la tradizione spirituale iniziata dal vescovo Nicola, il santo, che nella lontana Nyra (l’odierna Turchia) aveva mandato i suoi preti a diffondere la voce di Dio nelle famiglie impossibilitate a recarsi in chiesa a causa del freddo, recando doni ai bambini. Oggi anche noi entriamo nelle case recando doni: diffondiamo amore. Di chi dà e di chi riceve.

E’ bello anche contornarsi della luce delle candele, quelle profumate per esempio e colorate. Ho letto che in ciascuna c’è una preghiera e che la luce della fiammella è un modo semplice di rischiarare le tenebre della fatica. I colori invece esprimono ciascuno un sentimento: il bianco è successo, il rosso è salute, il giallo è creatività, il verde è generosità, l’azzurro è comprensione e infine l’oro ispira le virtù più nobili.

Caro Babbo Natale… ascolta la voce del mio cuore,  aiutami almeno per un giorno ad essere sincero, a sperare che un po’, basterebbe anche un briciolo, di bontà si diffonda per riuscire ad accorgerci l’uno dell’altro.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen