NEWS

Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   “Two”, una coppia alle prese con dinamiche da bar Alla Sala Pasolini di Salerno nell’ambito della...
continua...
Miti napoletani di oggi.69 FANTASMI   di Sergio Zazzera   Sarò un illuso, ma credevo che, almeno ai giorni nostri, il mito del fantasma fosse...
continua...
Pensieri ad alta voce   di Marisa Pumpo Pica   Addio al mio Maestro, Aldo Masullo Si è spenta una voce critica nella nostra città     Chi mi...
continua...
L’OSSESSIONE DELLE VACANZE ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   La vacanza è un diritto inalienabile. Una volta, tanti anni fa, era un lusso solo per...
continua...
Giovanni Panza, pittore  senza problematiche   di Antonio La Gala   Giovanni Panza (Miseno, 1894-1989), teorizzava che la vita di ogni persona è...
continua...
Come fu creata Eva   di Luigi Rezzuti     Fu tutta colpa della depressione di Adamo, il quale, non essendo contento di trovarsi nel Paradiso...
continua...
BOMBE DI MERCATO   di Luigi Rezzuti   E’ da poco terminato il Campionato italiano di calcio di Serie A e già gli addetti ai lavori sono impegnati in...
continua...
L'AMMORE A 'O TIEMPO D’’O CURONAVIRUSS   di Sergio Zazzera  Quanno Berta filava e l’auciello arava, a ‘nu paese luntano ‘nce stevano ‘nu rré e ‘na...
continua...
Parlanno ’e poesia   di Romano Rizzo   Ernesto Ascione. Ernesto Ascione, apprezzato ed affermato nell’arte della fotografia, solo in tarda età si...
continua...
“L’ULTIMO SCUGNIZZO”   di Luigi Rezzuti   “L’ultimo scugnizzo” è una commedia in tre atti, rappresentata da Viviani per la prima volta nel 1932 al...
continua...

CARO BABBO NATALE…

 

di Mariacarla Rubinacci

 

 

Così iniziava la nostra letterina quando, da bambini, la mamma ci diceva: “Comportati bene almeno per questo mese, altrimenti Babbo Natale non ti porterà niente!” Era  quasi un ricatto, ma noi con quelle tre parole di inizio, ci impegnavamo ad essere “buoni” per ricevere i doni richiesti e  attesi, come premio al nostro sacrificio. Ogni anno si ripeteva il rito, sceglievamo con cura la letterina più sfavillante e, con la penna in bocca, pensavamo alla bicicletta che desideravamo da tanto tempo, alla bambola con il suo vaporoso vestito che ci ammiccava dalla vetrina, al gioco del Lego con il quale davamo sfogo alla nostra creatività. Il sogno continuò fino a quando smise di farci illuminarci la mente dopo avere scoperto…la verità che con tanta dolcezza ci aveva fatto crescere con i giusti valori per affrontare la vita.

La tradizione, però, continua. Sempre accompagniamo i nostri bimbi aiutandoli a saper sognare e facciamo imbucare una letterina ben scritta con l’impegno a rispettare il sacrificio. Le richieste sono cambiate, ma immutato è il rito. Così, sotto l’albero, sempre c’è un pacchetto con il suo fiocco rosso che nasconde un pensiero, un augurio, una gesto d’amore. I regali diventano l’omaggio all’affetto, all’amicizia, alla solidarietà, alla gioia di ritrovarsi, alla certezza che non si è soli, all’abbraccio che cinge le spalle, al bacio sulla guancia, al “Grazie” detto con il cuore.

Dunque Babbo Natale esiste, è una certezza. E’ la tradizione spirituale iniziata dal vescovo Nicola, il santo, che nella lontana Nyra (l’odierna Turchia) aveva mandato i suoi preti a diffondere la voce di Dio nelle famiglie impossibilitate a recarsi in chiesa a causa del freddo, recando doni ai bambini. Oggi anche noi entriamo nelle case recando doni: diffondiamo amore. Di chi dà e di chi riceve.

E’ bello anche contornarsi della luce delle candele, quelle profumate per esempio e colorate. Ho letto che in ciascuna c’è una preghiera e che la luce della fiammella è un modo semplice di rischiarare le tenebre della fatica. I colori invece esprimono ciascuno un sentimento: il bianco è successo, il rosso è salute, il giallo è creatività, il verde è generosità, l’azzurro è comprensione e infine l’oro ispira le virtù più nobili.

Caro Babbo Natale… ascolta la voce del mio cuore,  aiutami almeno per un giorno ad essere sincero, a sperare che un po’, basterebbe anche un briciolo, di bontà si diffonda per riuscire ad accorgerci l’uno dell’altro.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen