NEWS

Nuovo Scempio. Quando lo sport diventa crimine   di Gabriella Pagnotta   Lo scontro avviene prima che i giocatori inizino a “giocare”: un uomo...
continua...
LA SAGRA DELLA CASTAGNA   di Luigi Rezzuti   Ottobre e novembre sono i mesi delle castagne e la nostra Regione offre l’imbarazzo della scelta per...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   2017: il discorso agli Ateniesi, rivisitato A Pericle (“circondato dalla gloria”), nato circa 500 anni a.C.,...
continua...
GIUSTIZIA E POLITICA   di Sergio Zazzera   Il sistema statunitense di amministrazione della giustizia – che non saprei dire se possa essere definito...
continua...
Al Festival Ethnoi “La Banda della Ricetta” in concerto   di Claudia Bonasi   Si è appena chiuso “Ethnoi” - Festival delle culture del mondo e delle...
continua...
Miti napoletani di oggi.46   Pompei   di Sergio Zazzera   Fra i tanti esempi di urbanistica del mondo romano, pervenuti fino ai giorni nostri,...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   Al TEATRO DIANA, DA MERCOLEDI’ 9 NOVEMBRE, ore 21, AGIDI e ENFITEATROpresentano ANGELA FINOCCHIARO e...
continua...
L’intervista   di Marisa Pumpo Pica   Enjoy the Void e il suo album d’esordio “Our Garden”     Si fa strada, nel panorama musicale di questi...
continua...
Parlanno 'e poesia   di Romano Rizzo   Antonino Alonge (Palermo, 20 settembre 1871 - Milano, 13 agosto 1958). Poeta e giornalista, visse a Napoli...
continua...
Annella, un’anomalia del Seicento.   di Antonio La Gala   Un tratto dell’antica “via per colles”, che in epoca romana congiungeva l’area flegrea con...
continua...

CARO BABBO NATALE…

 

di Mariacarla Rubinacci

 

 

Così iniziava la nostra letterina quando, da bambini, la mamma ci diceva: “Comportati bene almeno per questo mese, altrimenti Babbo Natale non ti porterà niente!” Era  quasi un ricatto, ma noi con quelle tre parole di inizio, ci impegnavamo ad essere “buoni” per ricevere i doni richiesti e  attesi, come premio al nostro sacrificio. Ogni anno si ripeteva il rito, sceglievamo con cura la letterina più sfavillante e, con la penna in bocca, pensavamo alla bicicletta che desideravamo da tanto tempo, alla bambola con il suo vaporoso vestito che ci ammiccava dalla vetrina, al gioco del Lego con il quale davamo sfogo alla nostra creatività. Il sogno continuò fino a quando smise di farci illuminarci la mente dopo avere scoperto…la verità che con tanta dolcezza ci aveva fatto crescere con i giusti valori per affrontare la vita.

La tradizione, però, continua. Sempre accompagniamo i nostri bimbi aiutandoli a saper sognare e facciamo imbucare una letterina ben scritta con l’impegno a rispettare il sacrificio. Le richieste sono cambiate, ma immutato è il rito. Così, sotto l’albero, sempre c’è un pacchetto con il suo fiocco rosso che nasconde un pensiero, un augurio, una gesto d’amore. I regali diventano l’omaggio all’affetto, all’amicizia, alla solidarietà, alla gioia di ritrovarsi, alla certezza che non si è soli, all’abbraccio che cinge le spalle, al bacio sulla guancia, al “Grazie” detto con il cuore.

Dunque Babbo Natale esiste, è una certezza. E’ la tradizione spirituale iniziata dal vescovo Nicola, il santo, che nella lontana Nyra (l’odierna Turchia) aveva mandato i suoi preti a diffondere la voce di Dio nelle famiglie impossibilitate a recarsi in chiesa a causa del freddo, recando doni ai bambini. Oggi anche noi entriamo nelle case recando doni: diffondiamo amore. Di chi dà e di chi riceve.

E’ bello anche contornarsi della luce delle candele, quelle profumate per esempio e colorate. Ho letto che in ciascuna c’è una preghiera e che la luce della fiammella è un modo semplice di rischiarare le tenebre della fatica. I colori invece esprimono ciascuno un sentimento: il bianco è successo, il rosso è salute, il giallo è creatività, il verde è generosità, l’azzurro è comprensione e infine l’oro ispira le virtù più nobili.

Caro Babbo Natale… ascolta la voce del mio cuore,  aiutami almeno per un giorno ad essere sincero, a sperare che un po’, basterebbe anche un briciolo, di bontà si diffonda per riuscire ad accorgerci l’uno dell’altro.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen