NEWS

BOCCA   DI   PIETRA, di   Maria  Cristina  Alfieri   di Luigi Alviggi   Opera d’esordio nel campo letterario dell’Autrice (Milano, 1968) -...
continua...
IL CALL CENTER   di Luigi Rezzuti   Domenica pomeriggio sono a casa, mia moglie riposa ed io sono davanti alla televisione: una tazza di caffè,...
continua...
IL CALCIO E’ CORROTTO E MALATO   di Luigi Rezzuti   Purtroppo il calcio, il più bel gioco mondiale, seguito dalla maggior parte delle persone, è...
continua...
Miti napoletani di oggi.60 ELENA FERRANTE   di Sergio Zazzera   Ora dico una banalità. La storia e il mito sono entrambi prodotti dell’uomo: la...
continua...
“PROCIDA ‘900”   Martedì 15 maggio 2018, alle ore 17.30, nell’aula “Massimo Della Campa” (4° piano) della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 –...
continua...
Miti napoletani di oggi.45 LA “NASCITA” DELLA CAMORRA   di Sergio Zazzera   I Romani erano specialisti abilissimi nel confezionamento di “miti di...
continua...
Paolo Ricci: falce e pennello   di Antonio La Gala     Una figura di rilievo nel panorama culturale della Napoli del Novecento è stato Paolo Ricci...
continua...
Discutibili sentenze arbitrali   di Luigi Rezzuti   Ad appena otto giorni dal termine del campionato, il Napoli subisce una sonora sconfitta da...
continua...
IO E FRANCESCO   di ANNAMARIA RICCIO   A chi non è simpatico? Sentito parlare male del papa? Mai. Chiunque vorrebbe conoscerlo. Da quando si...
continua...
Il CAM, il museo anticamorra, dedica una sala a Roberto Saviano a cura di Antonio Manfredi   Nei giorni scorsi, si è svolta, presso il CAM, la...
continua...

Miti napoletani di oggi.15

EDICOLE LAICHE

 

di Sergio Zazzera

 


A inventare le edicole devozionali furono i Greci, i quali collocarono immagini di Satiri ai crocevia, perché col loro aspetto orripilante allontanassero gli spiriti maligni. A loro volta, i Romani posero nell’atrio delle loro case i Larari, tempietti che accoglievano le raffigurazioni dipinte o modellate dei loro antenati. Il mondo cristiano, poi, a partire dal Medioevo avanzato, cominciò a disseminare città e paesi di edicole devozionali, contenenti effigi di Madonne e di santi, fatte realizzare perché il committente potesse sentirsene protetto, all’idea che la vicinanza fisica dei soggetti rappresentati li facesse in qualche modo “essere con lui”. Poi, alcuni decenni fa, nel quartiere dei Vergini, in via Santa Maria Antesaecula, sulla facciata natale di Totò apparve la prima “edicola laica”, contenente il suo ritratto, cui ne fecero seguito, a breve distanza di tempo, parecchie altre, dedicate a Diego Armando Maradona.

Credo che il senso da attribuire a queste “edicole laiche” sia da individuare nell’intento di perpetuare la memoria di due figure (finora, ma non è detto che non possano esservene associate altre, in futuro) che hanno incarnato la napoletanità (d’origine per il primo, acquisita per il secondo), al punto che in una realtà spaziotemporale, nella quale i valori della religiosità hanno subìto un processo di progressiva diluizione, presso un pubblico di cinefili e di tifosi è venuto a determinarsi il convincimento della presenza di “virtù eroiche” nei destinatari di quei “monumenti”.

“Perpetuare la memoria”, dicevo poc’anzi; e – guarda caso – talvolta le edicole religiose sono accompagnate dall’iscrizione: «A.P.R.M.» (= ad perpetuam rei memoriam).

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen