NEWS

IL ROLEX RUBATO   di Luigi Rezzuti   Williams, un giovane di nazionalità inglese, dopo aver superato l’esame di laurea con ottimi voti, si concesse...
continua...
CHAMPIONS  LEAGUE “Le vie del Signore sono infinite”   di Luigi Rezzuti   Il Napoli guidato da Sarri è giudicato la migliore squadra che esprime...
continua...
Nuovo Scempio. Quando lo sport diventa crimine   di Gabriella Pagnotta   Lo scontro avviene prima che i giocatori inizino a “giocare”: un uomo...
continua...
Maturità alle porte - Riflessioni di una studentessa   di Irene Del Gaudio   Sono una studentessa. Liceale, ancora per poco. Si avvicina...
continua...
Napoli Ottocento, come venivano i turisti   di Antonio La Gala   Negli anni Venti dell’Ottocento cominciarono a crescere i flussi turistici verso...
continua...
Juan José Arreola, BESTIARIO   di Luigi Alviggi     Un prologo violento, mezza paginetta, pare voler mandare a gambe all’aria l’intero genere umano e...
continua...
PREMIO SALVATORE CERINO  
continua...
Pazze strisce pedonali   di Annamaria Riccio   Nella logica delle cose c’è un prodotto che scaturisce da una motivazione, che ne ha indotto...
continua...
La casa editrice oèdipus a Palazzo Braschi di Roma e alla Biblioteca Nazionale di Rio de Janeiro   Due presentazioni prestigiose per la casa editrice...
continua...
Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario piazza Dante 44/45, Napoli - Info 081 014 5940   Letteratura e Cinema Domenica 10 marzo Silvio...
continua...

TRIGESIMO DI NELSON MANDELA

di Luigi Rezzuti

 

E’ trascorso giusto un mese dalla morte di Nelson Mandela.

Aveva 95 anni. Era nato il 18 luglio del 1918 a Meyezo (Sudafrica).

Simbolo mondiale della la lotta al razzismo, premio Nobel per la pace.

Il presidente sudafricano Jacob Zuma ne diede notizia attraverso la TV dicendo: “Voglio ricordare con semplici parole la sua umiltà, la sua grande umanità per la quale il mondo intero avrà grande gratitudine per sempre”.

Nelson Mandela è stato politicamente attivo fin dai primi anni Quaranta, studia e si forma in un Sudafrica, oppresso dal regime dell’apartheid. Seguono vent’anni di lotte e arresti, sfociati nella repressione, da parte dell’esercito sudafricano, di una manifestazione di protesta, che conterà alla fine diversi morti.

Il suo partito “African National Congress” viene messo al bando ed egli subisce un secondo arresto con l’accusa di tradimento.

Condannato all’ergastolo, sconterà ventisette anni nella prigione di Robben Island. Scarcerato nel 1990 dall’allora presidente De Klerk, Mandela inizia la sua seconda avventura politica, da presidente del suo partito, fino alla vittoria nelle elezioni presidenziali del 1993.

Riconciliazione e fine dell’apartheid saranno i temi su cui insisterà per tutta la  vita. Scaduto il suo mandato, si ritirerà dalla vita politica.

Trascorre gli ultimi anni della sua vita nella casa di Johannesburg, alternando alle visite dei nipoti e parenti, quelle dei capi di Stato di tutto il mondo.

Apartheid nella lingua africana significa letteralmente “separazione”, divisione tra la razza nera e quella bianca.

Tra le principali leggi dell’apartheid quella che vietava i matrimoni tra razze diverse, i rapporti sessuali tra neri e bianchi, l'ingresso dei negri in alcune aree urbane, l'utilizzo delle strutture pubbliche dei bianchi, la frequentazione dei quartieri dei bianchi. L'apartheid prevedeva ancora una serie di provvedimenti, tesi a rendere più difficile la vita dei neri, come quello che vietava loro l’accesso all’istruzione.

Il mondo intero ha reso omaggio a questo coraggioso uomo, che ha vissuto la sua vita lottando contro il razzismo e per la libertà del popolo africano.

Nelson Mandela sarà sempre tra di noi come Gandhi, Martin Luther King maestri di vita e “patrimoni dell’umanità”.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen