NEWS

Miti napoletani di oggi.52 IL “CUOPPO”   di Sergio Zazzera   In senso proprio, a Napoli il cuóppo è il cartoccio a forma di cono capovolto; in...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   “Two”, una coppia alle prese con dinamiche da bar Alla Sala Pasolini di Salerno nell’ambito della...
continua...
PER_FORMARE UNA COLLEZIONE   Venerdì 22 giugno alle ore 19.00 il Museo Madre inaugurerà il nuovo capitolo del progetto in progress  “Per_formare  una...
continua...
IL FURTO DEL “CAPPELLO” DI KOUNELLIS   di Sergio Zazzera   E’ del 4 marzo la notizia del furto del “Cappello”, elemento dell’installazione...
continua...
ANTICHI SAPORI   di Luigi Rezzuti   Con l’avvicinarsi della stagione invernale mi sono tornati alla mente gli antichi sapori di una volta, tra cui...
continua...
Parlanno ’e poesia 4 - Giovanni Boccacciari   di Romano Rizzo   Una fìgura di primo piano, nel panorama della poesia napoletana è stata, senza dubbio,...
continua...
IL CALCIO E’ CORROTTO E MALATO   di Luigi Rezzuti   Purtroppo il calcio, il più bel gioco mondiale, seguito dalla maggior parte delle persone, è...
continua...
Miti napoletani contemporanei.65 “SUPER-NAPOLI”   di Sergio Zazzera   Qualche tempo fa ho parlato del “mito-Napoli”; come se non bastasse, ora il...
continua...
Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario   Venerdì 10 ore 18, Incontro con la poesia di Andrea de Alberti, Dall'interno della specie,...
continua...
AMERICA’S  CUP SENZA LUNA ROSSA   di Luigi Rezzuti   “Nello  sport come nella vita, non si può ricorrere sempre al compromesso del compromesso” dice...
continua...

TRIGESIMO DI NELSON MANDELA

di Luigi Rezzuti

 

E’ trascorso giusto un mese dalla morte di Nelson Mandela.

Aveva 95 anni. Era nato il 18 luglio del 1918 a Meyezo (Sudafrica).

Simbolo mondiale della la lotta al razzismo, premio Nobel per la pace.

Il presidente sudafricano Jacob Zuma ne diede notizia attraverso la TV dicendo: “Voglio ricordare con semplici parole la sua umiltà, la sua grande umanità per la quale il mondo intero avrà grande gratitudine per sempre”.

Nelson Mandela è stato politicamente attivo fin dai primi anni Quaranta, studia e si forma in un Sudafrica, oppresso dal regime dell’apartheid. Seguono vent’anni di lotte e arresti, sfociati nella repressione, da parte dell’esercito sudafricano, di una manifestazione di protesta, che conterà alla fine diversi morti.

Il suo partito “African National Congress” viene messo al bando ed egli subisce un secondo arresto con l’accusa di tradimento.

Condannato all’ergastolo, sconterà ventisette anni nella prigione di Robben Island. Scarcerato nel 1990 dall’allora presidente De Klerk, Mandela inizia la sua seconda avventura politica, da presidente del suo partito, fino alla vittoria nelle elezioni presidenziali del 1993.

Riconciliazione e fine dell’apartheid saranno i temi su cui insisterà per tutta la  vita. Scaduto il suo mandato, si ritirerà dalla vita politica.

Trascorre gli ultimi anni della sua vita nella casa di Johannesburg, alternando alle visite dei nipoti e parenti, quelle dei capi di Stato di tutto il mondo.

Apartheid nella lingua africana significa letteralmente “separazione”, divisione tra la razza nera e quella bianca.

Tra le principali leggi dell’apartheid quella che vietava i matrimoni tra razze diverse, i rapporti sessuali tra neri e bianchi, l'ingresso dei negri in alcune aree urbane, l'utilizzo delle strutture pubbliche dei bianchi, la frequentazione dei quartieri dei bianchi. L'apartheid prevedeva ancora una serie di provvedimenti, tesi a rendere più difficile la vita dei neri, come quello che vietava loro l’accesso all’istruzione.

Il mondo intero ha reso omaggio a questo coraggioso uomo, che ha vissuto la sua vita lottando contro il razzismo e per la libertà del popolo africano.

Nelson Mandela sarà sempre tra di noi come Gandhi, Martin Luther King maestri di vita e “patrimoni dell’umanità”.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen